Un tramonto sul lago Woerther a Klagenfurt (Carinzia)

Un tramonto sul lago Woerther a Klagenfurt (Carinzia)
Foto personale - Giugno 2017

Dove trovarmi

mercoledì 2 gennaio 2013

Piatto personale di Natale : Panzerotti ripieni al forno

Vi avevo promesso le ricette dei miei piatti di Natale ecco il primo.
L'idea del ripieno mi è venuto leggendo varie ricette con l'utilizzo del cotechino come su varie riviste di cucina natalizie anche di grandi chef ma  ho voluto fare di testa mia e creare la mia di ricetta.

Ingredienti per 4 persone
1 cotechino precotto (rende l'esecuzione più facile ma nulla vieta di usare uno da cuocere)
2 scatole di lenticchie (anche qui potete usare l'equivalente di lenticchie secche, lessarle ma senza condimenti)
250 ml di vino rosso (1 bicchiere grande abbondante)
2 scalogni
2 cipolotti freschi non grandi
foglie di alloro - timo - rosmarino
2 spicchi d'aglio
2 cucchiai d'olio di semi
1 cucchiaino di strutto (facoltativo)
1-2 cucchiai di concentrato di pomodoro
1 dado per fare circa 1/2 litro di brodo
1/2 kg. di pasta fresca base pronta che si può acquistare dal panettiere o in qualche supermercato
farina q.b.
1 uovo
latte - sale - pepe - 
1 vasetto di panna acida (oppure la fate voi metà panna+1 vasetto yougurt oppure 1 limone)
2 cucchiai di latte
1 cucchiaino di senape piccante o maionese o ketchup ovviamente il tutto è facoltativo
sale-pepe

Preparazione
Prima di tutto bisogna fare un ragù.....
Immergete in acqua calda se userete il cotechino precotto e scaldatelo per una decina di minuti. Poi aprite il sacchetto facendo attenzione a non scottarvi e eliminate tutto il liquido e la pelle del cotechino stesso che essendo riscaldato verrà via più facilmente.
 
Se usate quello fresco vi consiglio di:
- punzecchiarlo e lasciarlo in acqua fredda per circa 1 ora
- avvolgerlo in una pezzuola di cotone ed immergerlo nell'acqua bollente e lasciarlo cuocere per 2 ore
- lasciarlo intiepidire, togliere la pelle e proseguire con le stesse modalità di quello precotto

Dopo tagliatelo a fette e cercate di sbriciolarlo il più possibile.
In una capiente padella, 1 cucchiaio d'olio e/o lo strutto (il cotechino è da se grasso), fate dorare dopo averlo sminuzzato lo scalogno e la cipollina fresca e l'aglio schiacciato e date  una piccola rosolatura. Aggiungete il cotechino cercate ancora di sbriciolarlo e quando un pò colorito aggiungete il vino e fate evaporare. In un sacchetto da buttare riempitelo con l'alloro, il timo ed il rosmarino in modo che non si disperdano nel ragù che poi togliere quando pronto. Bagnate con il brodo e lasciate cuocere con coperchio per 30 minuti. Aggiungete il resto del brodo se vi sembra  troppo asciutto per poter continuare a cuocere per ulteriori 30 minuti... circa 1 ora in tutto. Il ragù deve risultare piuttosto secco.
Aprite le scatole di lenticchie, sciacquate sotto l'acqua corrente e scolate bene ed aggiungetele al ragù.
Se utilizzate le secche dovete lasciarle in bagno a freddo almeno mezza giornata e poi cuocerle per una 30 di minuti minimo ad ogni modo leggete le istruzioni sulla confezione perch+ ci sono lenticchie che non abbisognamo essere ammollate.
Aggiustate di sale e pepe lasciate cuocere ancora una decina di minuti e spegnete.



Ho cercato di fotografare al meglio i passaggi e cliccate sulla foto per vederla grande

Preparare i panzarotti
Preparate una spianatoia o dove usate preparare la pasta e dalla confezione (la mia era di un chilo)


 la mia pasta pronta - clic sulla foto la vedrete grande

ho tolto la metà. Se dovete farla voi  potete vedere QUI   dove ci sono le ricette di base per i vari usi per l'impasto a meno che non siete gia pratiche ed avete la vostra ricetta.
Se questa pronta. impastatela con un pò di farina e deve essere lavorata per poterla tirare come serve per i i miei panzarotti.
Io possiedo un oggetto per fare questi panzarotti che rende tutto più semplice


Stesa la sfoglia, ritaglio dei pezzi rotondi più grandi della circoferenza di questo attrezzo e lo applicco leggermente infarinato sullo stesso.
Riempio la metà con il ragù e lenticchie e poi lo piego (vedete ce un taglio in mezzo) in modo da formare il panzarotto.


ed i bordi cosi pigiati sigillano il tutto. Siccome i miei sono grandi ne ho calcolati 2 a testa (10 pezzi eravamo in 5). Messi su carta da forno leggermente unta d'olio.
In una terrina rompete l'uovo aggiungete un goccio d'olio e sbattelo leggermente. Poi con un pennello bagnate il panzarotto completamente in modo che in forno diventi colorato.
Forno a 170° se ventilato o 180° se normale per circa 10-15 minuti.
Potete servirli caldi oppure anche intiepiditi.

Per la salsina:
emulsionate la panna acida o quella che avete preparato con la senape o altro degli ingredienti elencati.
Se troppo fissa allungatela con un pò di latte.

Versate sui panzarotti questa salsina a giudizio dei miei è favoloso l'abbinamento tra il sapore forte del ripieno e l'agro della salsina.


Ho rimesso la sequenza delle foto assieme e la prima vedete il ragù assieme alle lenticchie -cliccate sulla foto per vederla grande

NOTA
Questi panzarotti li potete anche friggere sia in padella che in friggitrice. Se usate quest'ultima ed avete il cestello rotatorio ed inclinato lo dovete togliere perchè il panzarotto non deve stare fuori dall'olio e poi lo prenderete con la schiumarola e metterli su carta assorbente per l'eccesso di olio.


Spero che vi possa piacere come è piaciuto a tutti noi e quelli avanzati,  pranzo per mia figlia il giorno dopo. La cosa strabiliante è che anche mio nipote che di solito è restio alle novità li ha divorati.

Buon appetito e ciaoooo.

Stampa il post

54 commenti:

  1. UAUH SONO DAVVERO GOLOSI!MEGLIO AL FORNO SONO UN PO' PIù LEGGERI!!!!!!!!!CHE GOLA!!! BUON ANNO....TANTISSIMI AUGURI!!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si mi sono riusciti bene ed il ragùm misto con le lenticchie è ottimo per un risotto o per condire un piatto di pasta corta.Auguroni ancora.

      Elimina
  2. Caspita Edvige ho l'acquolina!!!! Bravissima!!!
    Mai fatti, voglio provare!!!!GrAZIE :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te comunque come scritto il ragù solo o con l'aggiunta lenticchie lo usi anche per altre cose. ciaooo

      Elimina
  3. Che brava che sei cara Edvige se penso quanto buoni debbono essere mi viene l'acquolina in bocca.
    Buon 2 gennaio cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie caro Tomaso ma fatti fare questi manicaretti da tua moglie.... ciaooo buon anno ancora

      Elimina
  4. io non li potrei mangiare quindi mi limito a farti i complimenti, saranno stati buonissimi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non li puoi mangiare....pecchè.....buon anno ancora amica.

      Elimina
    2. pecché ho dei problemi di salute e alcune cose mi sono vietate! :)
      ancora auguriiii

      Elimina
    3. Scusami tanto pensavo che non ti piacessero....ho mal interpretatao. Bacione

      Elimina
  5. da me i panzerotti sono questi se vorrai curiosare metto il link:
    http://blog.giallozafferano.it/appunticucina/panzerotti-piacentini/

    mi fanno venire fame tutte qst buone ricettine brava Edvige sei una super cuoca!

    ciao e avanti così!!! Buon 2013 !!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io li ho chiamati impropriamente panzerotti non sapevo che cavolo di nome dare...ravioli non mi sfagiolava... vado a vedere grazie bacioni e buon 2013 anche a te

      Elimina
  6. Ciao Edvige, che meraviglia questi panzerotti li proverò sicuramente, sono convinta che piaceranno anche al piccolo di casa. Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie anche a mio nipote son piaciuti ed è poco incline alle cose con sapori nuovi,
      Un abbraccio.

      Elimina
  7. Ciao Edvige, grazie per essere passata da me. Sono anche andata a dare un'occhiata al blog di tua figlia, è molto brava con le foto.

    Io adoro i panzerotti ;o)
    A presto.
    Miky

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Miky grazie di essere passata. Ti ho risposto sul tuo blog per quanto riguarda...mia figlia.
      Penso che li mangeresti più volentieri pronti che metterteli a fare..peccato la lontananza se no t'invitavo. Ciaoooo

      Elimina
  8. un caro augurio di un felice 2013 Paola

    RispondiElimina
  9. ciao Amica mia,scusa l'assenza ma mi sono presa una pausa dal blogger..ma sono qui giusto in tempo per queste delizie...che dire?stra golosi...ti auguro un 2013 stupendo,pienissimo di soddisfazioni e amore:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tina cara non ti devi scusare mai ognuno deve seguire il proprio orologio ed io so che se non ci sei è perchè hai altre cose da fare ma sempre sei e rimani amica mia.
      Grazie mia cara ti auguro ogni bene per il 2013. Un abbraccio e bacione ciaoo.

      Elimina
  10. Buonissimi i tuoi panzerotti, sono molto invitanti, brava! Un abbraccio, ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara se li fai ovvero anche solo il ragù non necessariamente coi panzerotti ma una buona pasta dimmi. ciaooooo

      Elimina
  11. Edvige, ma sono spaziali!!!!
    Io non amo friggere quindi grazie per questa ricetta dei panzerotti al forno.
    Auguri per un Sereno 2013

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Carla altrettanto a te ciaooo

      Elimina
  12. bella ricetta cara! Buon Anno, un bacione.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie detto da te...bacioni e buon anno ancora.

      Elimina
  13. Abitualmente non uso la pasta ripiena, non la amo molto, ma questa delziia fatta integralmente dalle tue mani dev'essere qualcosa di delizioso e, sinceramente, non riesco nemmeno ad immaginarne il sapore... forse perchè gli ingredienti sono tanti...
    Complimenti Edivige, è davvero un gran piatto... di un'opulenza fuori dagli schemi!
    A proposito, quella foto lì sopra...sì, proprio quella con i due animaletti... lo sai che è meravigliosa? Me la guardo in continuazione...
    Un bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissima spero che leggerai la risposta, il ripieno può essere usato per qualsiasi cosa non necessariamente pasta ripiena e quindi il ripieno avanzato ho condito una pasta il giorno dopo.
      Se tu puoi vedere i pps ti mando questo dove hai anche la foto che ti piace tanto.
      Un abbraccio bacione e buon anno ancora.

      Elimina
    2. Eccomi!!!! Grazie dei lumi... e la pps dove la mandi? Ti serve la mail, immagino...

      Elimina
    3. Penso che la trovo sul tuo blog altrimenti mandamela hai tutte le possibilità sul mio blog, come comtatti, contact me sulla destra a scelta oppure dal profilo.
      Abbraccio

      Elimina
  14. Ottima ricetta!! Meglio al forno, piu' leggeri, ma anche fritti chissa' che buoni!
    Un bacione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh il fritto è sempre piu buono e allettante. Dico anche a te il ripieno è buono per asltre cose ma anche come contorno ad una bistecca. Bacione cara

      Elimina
  15. Hello Edvige!
    I hope this new year brings you a lot joy and happiness.
    It has been nice to follow your blog over the past year, I will also with curiosity and joy continue doing it.
    Hug!
    / / Ann Marie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. My dear Ann Marie, thank for yr greeting and I wish you joy happiness and good health to you and family also a little luck never hurts..
      Thanks for follow my blog.
      All the best
      Big Hug to you.
      Edvige

      Elimina
  16. Noo ma sei stata geniale!! Immagino che quel ripieno sia la fine del mondo!! Bacioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ....il ripieno lo puoi fare usando anche per altre cose o anche mangiare cosi grazie e bacioni

      Elimina
  17. Se la cucina è un'arte, qui vedo del Picasso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie questo appellattivo non me l'ha dato ancora nessuno..ce sempre una prima volta anche quando si è diversamente giovani ehehehhe ciaoooo

      Elimina
  18. davvero una ricetta interessante :) qui non si usa tanto cotechino e/o zampone però mi è venuta voglia di provare :) complimenti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si è un insaccato più del nord. Però Giovanni a parte servire come ripieno potresti usarlo come base per altre fantasie personali..si presta moltissimo anche senza metterli assieme ragù e lenticchie...
      Ciaooooo e grazie.

      Elimina
  19. Una bella idea anche per consumare eventuali avanzi di cotechino e lenticchie. Sai che non sapevo esistesse la pasta pronta per panzerotti?
    Se ne scoprono sempre di nuovo. Ciao, Edvige, e tanti auguri di felice 2013.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao cara, si questa è adatta per varie cose tipo gnocchi quelli fritti all'emiliana, crescentine ecc. ma poi la base pasta fresca la trovi anche dal panettiere almeno qui da me se l'ordine me la preparano ma io preferisco questa.
      Questo ragù anche senza l'aggiunta delle lenticchie è ottimo sulla pasta.
      Buon 2013 anche a te ciaoo.

      Elimina
  20. assolutamente perfetti, e che gusto!!!!! Un abbraccio Edvige e ancora auguri!!!!!

    RispondiElimina
  21. Ciao è iniziata la mia nuova raccolta che vede come protagonista la ricetta più clikkata o commentata del 2012 di ogni blog...mi farebbe piacere se partecipassi anche tu!! a presto

    http://triplocioc.blogspot.it/2012/12/eat-paradela-raccolta.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie dell'invito ti ho risposto sul tuo blog. Ciaooo

      Elimina
  22. Ciao grazie per esserti unita al mio blog, mi unisco anche io ai tuoi lettori a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara un abbraccio a presto.

      Elimina
  23. Grazie per questa ricetta dei Panzerotti, la preferisco alla prima.
    In viaggio di nozze passando per Bergamo li ho mangiati per la prima volta. Poi mai più mangiati di così buoni. Solo una volta a Luino sul lago Maggiore. Bacioni cara e buona serata :)

    RispondiElimina
  24. caspita, ma quanto è fortunato il tuo compagno con una chef in casa :))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...si però sfortunatamente per lui con poc voglia di fare se siamo solo noi due ehehehehehehe ciaooooo buona settimana

      Elimina