Un tramonto sul lago Woerther a Klagenfurt (Carinzia)

Un tramonto sul lago Woerther a Klagenfurt (Carinzia)
Foto personale - Giugno 2017

Dove trovarmi

martedì 9 giugno 2015

Consigli utili : In cucina ..... Recupero pesce fritto


I consigli sono tratti da questo libriccino, come spiegato nel mio primo post di 
Consigli utili e questo è il link 
...Bellezza... doppie punte adieu


Continuo con i consigli "In cucina". 
Quando faccio pesce fritto, raramente perchè mi è pesante, acquisto sempre la quantità giusta secondo i commensali proprio perchè non mi avanzi. Non tutti i pesci fritti sono buoni mangiati freddi il giorno dopo, secondo me solo le alici oppure i piccolissimi pesci cosidetti "bianchetti" sono buonissimi il giorno dopo assieme ad un insalata fresca.
Il pesce fritto di media o grande dimensione per recuperarlo ci sono due metodi consigliati in questo libriccino:

- irrorarlo di vino bianco e aceto oppure limone ma bollenti lasciandolo nel forno caldo per qualche minuto con un coperchio e poi qualche minuto senza im modo che il liquido si asciughi. Si può aromatizzarlo con delle fettine d'aglio fresco, un trito di cipolla oppure un battuto di erbe aromatiche: a voi la scelta.
Servito cosi caldo oppure anche tiepido con del pane tostato è veramente buono. Dicono anche freddo ma non concordo.

- irrorarlo con un passato di pomodoro lievemente acidulato con aceto e limone o uno dei due soltanto, cosparso con erbne aromatiche, un filo d'olio come potete anche aggiungere dei capperi e delle olive tritate. Passate tutto in forno in modo che il sughetto si addensi ed il tutto prenda sapore e servire caldo.

Un modo per non solo conservare il pesce fritto che avanza è la marinatura o come la chiamano i veneti "in saor".
Infatti nel veneto come anche a Trieste si usa friggere il pesce azzurro quali sarde, alici, sgombri e simili. Dopo aver fritto il pesce nello stesso olio bisogna friggere le cipolle affettate sottili. Si dispone in una terrina a strati iniziando con il pesce, poi la cipolla, si irrora di aceto (meglio quello di mele) e si lascia riposare al fresco anche nel frigo per 3 giorni facendo in modo di capovolgere il pesce in modo che il sotto vada sopra e viceversa per ricevere in modo uniforme il condimento e sapore.
Ben coperto con l'aceto questo piatto si conserva al fresco anche per un mese anzi, più tempo rimane, più buono diventa.
Calcolate per 1 kg di pesce pari peso di cipolle e aceto q.b.
Attenzione effettuate la marinatura meglio in una capace terrina di vetro.
Buona giornata.

Nota affluente

Mi è venuto in mente questo post già pronto ma non ancora pubblicato, perchè in Austria la cultura del pesce come l'intendiamo noi non esiste non avendo sbocchi al mare. Hanno dei grandi allevamenti di pesce d'acqua dolce sia di lago allo stato libero sia in laghi artificiali proprio per determinate culture e non solo per la conosciutissima trota ma anche alcune varietà di salmoni.
Pesce da cuocere in vendita come nelle nostre pescherie non ci sono esiste solo la catena "Nord See" e la parola dice tutto: pesce che viene dal nord (in prevalenza sempre di acqua dolce) sopra tutto gamberi, gamberetti, aringhe fresche ma anche essicate o altro.  Un pesce che adoro mangiarlo qui lo servono solo in filetti dorati fritti o al forno e si chiama  "Zander" che corrisponderebbe al "luccio/lucioperca" di grandi dimensioni come il nostro dei laghi in Toscana e non solo. 

Oggi piove, connessione durata un pò di più e quindi un caro saluto a tutti e non appena potrò risponderò ai vostri commenti e passerò da voi.
Ciaooo
Stampa il post

22 commenti:

  1. A casa mia non tutti amano il pesce e quando lo faccio, giusto giusto per quanto si mangia fresco, anche perché non vogliono sentire l'odore in giro per la cucina. Per coloro che hanno di avanzo il tuo consiglio è ottimo !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io a casa preferisco di no visto che comunque non lo mangiamo ogni giorno poi abbiamo un amico ristoratore che fa del pesce splendido a prezzi molto abbordabili....una volta al mese. Buona serata.

      Elimina
  2. Noi amiamo il pesce e lo irroriamo sempre di limone o aceto :) non c'è domenica che tenga senza un menu di pesce ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava fai bene, io lo adoro ma maritozzo ogni tanto odia le spine ed il pesce senza non lo trovo super per il mio palato.. Buona serata bacione :*

      Elimina
  3. Carissima Edvige,io adoro il pesce,pensa che lo prediligo alla carne...e infatti lo consumo abbastanza spesso durante la settimana, sia al forno con o senza patate , in padella con le patate o con le olive o anche lesso ma pulito (una volta cotto perdo un po di tempo ...)prelevando solo la polpa,che dispongo in una terrina e condisco con una salsina abbondante di olio e limone...faccio poi insaporire molte ore in frigo...fritto non lo consumo quasi mai in quanto cerco di non abusare delle fritture...i tuoi consigli sul come riciclare,conferendo una nota di sapore in più al pesce fritto avanzato sono tutte ottime e da tenere in considerazione...qualora dovessi fare del pesce fritto e mi dovesse avanzare le proverò entrambe!mia nonna preparava un piatto tipico detto 'muggine'(cefalo)a scabecciu (postato già nel blog)che prevedeva la frittura del pesce,insemolato e tagliato a tranci.A parte preparava una salsa con molta cipolla,passata di pomodoro e aceto.una volta raffreddato il pesce.veniva disposto on una boccetta di vetro ermetica e a strati ponevi pesce e salsa.Si conservava in frigo e durava tantissimo tempo.Qualcosa di analogo lo preparava con le anguille ma in bianco,senza salsa,mi pare ci fosse alloro....e anche qui era presente l'aceto..le anguillle venivano insemolate e fritte e il tutto si conservava in boccette di vetro...mi ricorda un po' la preparazione in'saor'di cui parli....il sapore aumentava con il passare dei giorni e la durata della preparazione era notevole...
    Grazie mille cara Edvige per questo interessantissimo e utilissimo post:))).
    Un bacione:)))
    Rosy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Conosco quel tipo di conservazione risale indietro nel tempo quando si aveva altro per la conservazione che il sale e l'acido.Un abbraccio cara bacione :)

      Elimina
  4. Non sapevo si potesse tenere il pesce fritto! Ma è un'ottima idea! Grazie mille!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si tanti non lo sanno che non solo il pesce fritto ma qualsiasi cosa fritta sia di carne che di verdure si possono marinare e quindi si ha un nuovissimo piatto da gustare.
      Buona fine settimana :)

      Elimina
  5. Se di una vitalità, creatività e utilità incredibile. Grande Edvige! Ti mando un abbraccione! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara un abbraccio a te buona fine settimana

      Elimina
  6. Grazie cara Edvige, salvo questo tuo utilissimo post!

    RispondiElimina
  7. io non amo tutto il pesce anche se sono cresciuta in una città di mare, però quando lo cucino faccio in modo che finisca tutto perchè ricordo che da bambina avanzava sempre specialmente a Natale e il giorno dopo non era più tanto buon. Grazie per i suggerimenti hai visto mai che possa succedere che avanzi :)
    Ti abbraccio e buona domenica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anchio pur essendo nata e cresciuta sul mare non amo tutto il pesce e lo faccio raramente perchè disturba l'odore salvo in estate che faccio fuori sul terrazzo. A me piace farlo appositamente in saor marinato. Un abbraccio cara buona domenica e oggi ho la connessione :D

      Elimina
  8. Ciao Edvige, buone vacanze! Non sapevo che fossi già partita, noi siamo stati via i primi di giugno e ora siamo tornati.
    Ottimo consiglio per il pesce fritto avanzato, io adoro i sardoni in savor, è un secolo che non li faccio, mi hai fatto venire voglia.
    Un bacione e divertitevi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara sono quasi sulla via del ritorno. Ho intenzione anch'io di farli mi è venuta voglia scrivendo. Buona domenica bacioni :*

      Elimina
  9. Ciao Edvige molto interessante questo post, non ho mai mangiato il pesce fatto così ma e' un buon modo per provarlo ;)! Grazie e anch'io non friggo molto non sono brava e aspetto di andare da mia mamma per mangiare una buona frittura :)! Buona domenica bacioni Luisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Provalo è un dei modi più freschi di mangiare il pesce sopra tutto in estate e non serve attendere di avere rimanenze io lo faccio appositamente. Buona settimana :D

      Elimina
  10. Come te, friggo pochissimo. Men che meno il pesce, che preferisco grigliato o saltato in padella con qualche verdura. Ma quando capita di friggerlo, come te tento di non farlo avanzare mai. Se proprio capita, come suggerisci tu uso il saor veneziano da buona veneta. L'ho fatto con i barboni fritti che hai visto da me, ed è stato un vero successo!

    L’angolo della casalinga, ricette veloci e facili

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In saor mi piace tutto anche il pollo, fettine sottilissime impanate e poi a strati con cipolle e aceto lasciate raffreddare e messe in frigo. Buoneeee ciaooo e buona settimana.:D

      Elimina
  11. Grazie per queste preziose dritte Edvige, abitando sul mare e cucinando spesso il pesce ne farò buon uso ^^ !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stranamente la marinatura del pesce fritto come anche della carne o affettati o pollo è poco conosciuto ma secondo me è tanto buono sopra tutto in estate finger food veloce. Buona fine settimana.

      Elimina