Dal gruppo FB "Dragon Life"

Dal gruppo FB "Dragon Life"
Gruppo creato da " Il Rifugio degli Elfi " link su immagine - FB https://www.facebook.com/groups/1481388275215394/

Dove trovarmi

venerdì 10 gennaio 2014

Curiosità dal Mondo - KiWi....che non può volare!!!!!!

No amiche mie non sono impazzita, non sto parlando del frutto ma di un "uccello".
Ieri a casa di un amica al momento molto occupata telefonicamente con nipote...leggendo la Settimana Enigmistica mi è caduto l'occhio sulla rubrica "Lo sapevi che...? " e mi sono imbattuta al "kiwi". Ho pensato anch'io al frutto ma leggendo... Kiwi alias uccello che non può volare" mi si sono radrizzate le antenne e mi sono ripromessa una volta a casa di andare a cerca questo animale.
Sapete dove si trova.... in NUOVA ZELANDA ed  è il loro simbolo.

Quindi ecco cosa ho trovato.....

Kiwifugl.jpg
Kiwi australe da Wiki
...brutto purtroppo ma  questo è un pò più bello...

Kiwi maculato maggio da Wiki

Questi uccelli inadatti al volo è un "Apteryx" l'unico genere della famiglia Apterygidae dell'ordine Apterugiformes comunemente noti come "kiwi o atterigi " e sono endemici ovvero esclusive di questo territorio e come detto è il loro simbolo nazionale. Il nome scientifico proviene dal greco e significa "privo delle  ali".
Questi uccelli si cibano di qualsiasi invertebrato che trovano al suolo e poi ragni, insetti larve delle più varie tipologie ecc. Mangiano qualche volta anche frutta caduta dagli alberi, piccoli pesci ed anfibi ed il loro cibo preferito sono i lombrichi che riescono a localizzare anche senza vederli grazie al loro odorato molto sviluppato ed alle narici che sono  poste alla fine del becco anzichè alla radice, caso unico anche questo tra gli uccelli.
Lasciamo da parte il periodo degli amori ed altre informazioni in merito che potete leggere QUI , mi voglio invece soffermare su qualcosa che ritengo unico nel caso che non avete voglia di andarla a leggere direttamente.
Precisando che le coppie finchè in vita rimangono assieme anche per più di 20 anni, i kiwi depositano un solo uovo per stagione che diventa enorme,  il 25% del peso della madre. Da tenere presente che si costruiscono una tana e non un nido sugli alberi.
Praticamente in proporzione alla loro dimensione essendo questa quella di una gallina domestica, l'uovo deposto invece  è sei volte più grande di quello della gallina classica.
Potete immaginare la difficoltà della femmina che sente l'uovo ingrandirsi durante i 30 giorni previsti per la piena maturazione dello stesso. La madre abbisogna del triplo del suo normale apporto di nutrimento e negli ultimi 2-3 giorni prima della deposizione, le rimane talmente poco spazio per lo stomaco per cui è costretta a digiunare.
L'uovo si presenta liscio di colorazione che varia dall'avorio al bianco verdastro ed in genere è il maschio che lo cova tranne che nel "kiwi maculato maggiore (A.haastii) e in quello bruno di Okarito (A.rowi) " i cui genitori si alternano nella cova per un periodo di incubazione che va dai 63 ai 92 giorni.
Ovviamente la prosecuzione delle altri informazioni, di come i gentiori difendono i loro piccoli che rimangono con loro fino ad un massimo di 6 mesi ma già dopo i primi 3 vanno a caccia di notte, le trovate sempre nel suindicato link .

Ho trovato inoltre un altra pagina molto interessante con altre informazioni e storia più approfondita su questo uccello a questo LINK dove si parlano anche degli indigeni maori di come cacciavano e forse lo fanno ancora oggi nonostante che questo uccello incuta paura agli altri animali per le sue unghie affilatissime.

Sembra che questo uccello sia anche in via di estinzione come dice l'articolo della La Repubblica - scienze da cui ho tratto l'immagine

Kiwifugl.jpg
Kiwi australe da wiki


Sembra quasi carino qui...dal web
 Questo è piccolo... dal web

Voi direte che sono matta, siiiiiiii, ma quando leggo qualcosa che stuzzica la mia curiosità non posso fare a meno di cercare cosi in tutte le cose inclusa l'arte culinaria.
Saranno curiosità che interessano a pochi, ma lo scopo di aver creato questo blog è proprio il poter comunicare a persone che non hanno tempo o altri motivi qualcosa di inusuale alla vita quotidiana che arriva da lontano, che magari si ha studiato a scuola e non si ricorda o perchè no qualche notizia "amarcord" dal passato.

Un abbraccio e spero che le mia amiche non mi abbandonino .....le ricette vi assicuro prima o dopo arrivano .....
Un abbraccio e buona giornata.

Stampa il post

24 commenti:

  1. LA natura ci regala sempre cose incredibili :-) A me sta proprio simpatico! eheheh Bacioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma si fa tenerezza....buona giornata.

      Elimina
  2. Bentrovata cara!Un abbraccio!

    RispondiElimina
  3. tu sei un pozzo di informazioni, è sempre interessante leggerti.
    un abbraccio e buon week end.
    alice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No sono solo tanto tanto curiosa. Buona fine settimana.

      Elimina
  4. si si lo sapevo che c'era un volatile che si chiamava così, ma non lo avevo mai visto. Certo che è proprio bruttarello.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedi. io non lo sapevo proprio. Buona fine settimana.

      Elimina
  5. non lo trovo brutto,diverso sì.
    Secondo me,madre natura non può creare mostri,noi sì.
    Bello il piccoletto
    Lu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che nulla è realmente brutto e che noi lo vediamo cosi secondo i canoni del nostro punto di vista della bellezza. Buona fine settimana.

      Elimina
  6. Bel post li conoscevo ma non che fossero monogami!!!
    buon week-end ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sobo contenta che almeno qualcuno a differenza di me n ha sentito parlare. Buona fine settimana.

      Elimina
  7. Buongiorno Edvige, sempre curiosa!!
    Sapevo dell'esistenza di questo uccello ed è proprio da questo uccello che prende il suo nome il frutto, infatti il suo manto è simile alla buccia del kiwi "alimentare".
    Ora ne so qualcosa in più. Grazie per esser così curiosa. Assunta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Graziea te la somiglianza con il kiwi frutto mi era sfuggita. Eh si penso che lo sarò sempre è nel mio dna. Buona fine settimana.

      Elimina
  8. E invece è bellissimo questo tuo essere curiosa di tutto: tra l'altro torna utile anche a chi, come me, non consoceva affatto questi uccelli. Poverini in effetti non sono proprio degli adoni, però simpatici sì e dici bene: ispirano molta tenerezza.
    Grazie invece di tutte e ifnormazioni: ogni tanto bisogna pure uscire dalla cucina e scoprire nuove cose, no?!
    Tantissimi baci Edvige, e un abbraccio forte forte !io non mi ricordo se ti ho ancora fatto gli auguri di buon anno...ma nel caso te li rifaccio, che tanto non guastano mai: felice 2014!!!!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie di cuore per la bella opinione che hai di me. Eh si io in un posto sempre lo stesso non ce la faccio per questo avevo scelto un lavoro uguale come legge proprio cosi non parola sola, ma per questo vario tantissimo. Sai un augurio in più non guasta mai per cui grazie e te li rifaccio anch'io di tutto cuore buon proseguimento un bacione.

      Elimina
  9. decisamente interessante non ne avevo mai visto uno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... se per questo ora gli ultimi due lo sanno tu ed io. Buona fine settimana.

      Elimina
  10. Ciao Edvige! Grazie per la visita e per esserti unita ai miei lettori!
    Eccomi qui, mi fa molto piacere conoscere te e il tuo blog! Ci sono un sacco di articoli interessanti come questo che hai pubblicato l'ultima volta. Conoscevo solo il frutto kiwi, ma ora grazie a te anche questo uccello.
    Buon sabato, a presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Any è un piacere, buon a domenica.

      Elimina
  11. La Natura con la N maiuscola ^____^
    Un abbraccio, cara, buona Domenica

    RispondiElimina
  12. Sapevo dell'esistenza di questo esserino molto tenero, grazie per le informazioni! Buona domenica!

    RispondiElimina