Mostra delle vecchie "Signore" a 4 ruote

Mostra delle vecchie "Signore" a 4 ruote
Una vecchia Alfa Romeo che ha partecipato alle 1000 Miglia - Foto personale

17/03/12

Un sufflé che non si sgonfia

Devo sempre ringraziare Marina del sito Mangiare Bene che con le sue news settimanali mi porta sempre tante novità, quelle più salienti senza contare che visitare il suo sito è sempre una scoperta.
Ovviamente parliamo di Gastronomia ma anche di avvenimenti, curiosità ecc.ecc. non solo si parla...direbbe qualche mio amico "di panza = pancia".
Mi ha colpito dalla sua news questa ricetta riportata da  Franco Santasilia di Tarpino   leggete chi è merita di leggerle perchè racconta di averla gustata a casa del suo amico Pierre Bergé  nella  villa a Marrakech: Giardini de la Majorelle che è la casa di Yves saint Laurent (il famosolo stilista francese erede di Pierre Cardin) e di Pierre Bergé. La villa è aperta al pubblico. Leggete la nota su  Yves saint Laurant e Pierre Bergé  anche qui merita leggere.

Potrei darvi anche il link della ricetta ma la voglia riportare come l'ho fatta per me, al caso la potete rileggere sempre cliccando su "Timbaletti Soufflè" nella pagina che troverete cliccando sul secondo link.

Ingredienti per 3 persone
  • 250 di latte
  • 40 gr di burro
  • 40 gr di farina
  • 4 uova, separate
  • 50 gr di formaggio gruyère grattugiato
  • sale
Procedimento 
Fate fondere il burro e versateci la farina che deve cuocere a fuoco dolce senza diventare scura. Quando ben cotta aggiungere poco alla volta il  latte caldo mescolando bene che non si formino grumi e fino ad avere una besciamella densa ma non troppo ed aggiungere un po di sale. Quando la besciamella sarà tiepida, aggiungere sempre mescolando solo i rossi d’uovo e amalgamarli perfettamente al composto. Aggiungere il formaggio grattugiato e mescolare il tutto ancora molto bene. Le chiare d'uovo devono venire montate a neve ferma con un pizzico di sale e poi aggiunta al composto delicatamente in modo che il tutto non si smonti.
Usate delle coccotine possibilmente antiaderenti che imburrerete e riempirete fino a quasi l'orlo. Immergetele in acqua ion un contenitore più grande contenente dell'acqua calda (vanno cotte a bagnomaria) adatto poi ad essere trasferito  in forno ad una temperatura di 150°C per una 30 di minuti.
Dopo averli estratti dal forno, lasciateli un attimo su un piatto di pirofila sempre adatta per forno e raffreddati aggiungete un po' di formaggio gruviera e rimetteli in forno per una 20 di minuti in modo che il formaggio si sciolga e vada a fromare una bella crosticina.
Serviteli caldi.

L'autore della ricetta Pierre Bergé riportata da Franco Santasilia  ...aggiunge .....
" Questo metodo di cottura, cioè cuocerli in due volte, permette di servire i soufflé senza il pericolo che si sgonfino. Potete addirittura prepararli con un giorno in anticipo e poi, poco prima di andare a tavola, rimetterli in forno per la fase finale della cottura."

Devo doverosamente aggiungere una nota:
- la ricetta è per 6 persone io l'ho ridotta perchè noi a casa siamo solo in due quindi gia abbondante
- Franco Santasilia è diventato amico di Pierre Bergé come leggerete voi stessi quando nel 1988 ha pubblicato il libro La Cucina Aristocratica Napoletana che voi potrete leggere di più andando ai suindicati link che vi portano anche al sito Mangiare Bene di Marina.

Questo è il libro scritto da Franco Santasilia di Tarpino

Cosa dire, io l'ho provata ed è squisita finalmente un sufflè che non si .....abbatte !!!!!
Ciaoo a tutti

Nota personale
Chi  non trovasse il gruyère-gruviera oppure non ami il suo sapore, può usare l'emmentaler, il parmigiano reggiano o altro formaggio invecchiato che si possa ben grattuggiare e che non abbia difficoltà a fondersi per formare la crosticina.
Questo come detto è un aggiunta personale non fa parte della ricetta. Io adoro il gruyère proprio per quel suo sapore particolare e anche perchè grigliato fonde formando la crosticina che è una delizia.

12 commenti

  1. Sufflè...non so prepararli ma so come mangiarli....li adoro!! mi piace moltissimo la foto con quei due cuccioli alla finestra...bellissima!! ciao buon sabato

    RispondiElimina
  2. Grazie Gincarlo ma credo che tu saresti capace di fare questo sufflè, anch'io non li so fare ma questo mi è riuscito almeno la soddisfazione di non vederli sgonfiare. Ciaoo e buona fine settimana anche a te.

    RispondiElimina
  3. E' un metodo per me nuovo, ma vuoi mettere il gruvière con il nostro montasio ?
    Grazie per esserti iscritta nel mio blog. Ti ho ricambiato e sarò sempre aggiornata sui tuoi post.
    Buona domenica
    Mandi

    RispondiElimina
  4. Rosetta, si hai ragione il montasio è una cosa diversa il massimo per il frico....ma per certi piatti il sapore è il massimo.
    Mandi cara un abbraccio e grazie per esserti aggiunta.

    RispondiElimina
  5. ciao,
    il soufflè non l'ho mai cucinato, grande sconosciuto per me!!
    sono anche io tra i tuoi followers ora :-)
    buona Domenica

    RispondiElimina
  6. Ciao grazie del passaggio spero di vederti come followers perchè ora ancora non appari :o((
    Buona domenica anche a te.
    PS.
    Prova questo soufflè è facile e buono.

    RispondiElimina
  7. eeehhh lo so bene come si chiamano in romagna!io sono modenese!uehiii non vedo l'ora arrivi l'estate che vengo in vacanza nella "mia"bella Rimini(come tutti gli anni!)

    RispondiElimina
  8. Mi fa piacere che sei passata ma non capisco cosa intendi per ...so bene come si chiamano in "romagna!io sono modenese!" se intendi il rapporto tra i due personaggi ok! ho capito altrimenti spiegami magari con messaggio privato.
    Buona domenica
    ciaooo

    RispondiElimina
  9. Ti avevo scritto ma non è apparso alcun commento, uffff
    Volevo dirti che io in cucina sono una frana e se hai una ricetta per il mio dolce preferito, il tiramisù! Bacione!
    Kika

    RispondiElimina
  10. Ciao Kika meno male che ti sei firmata altrimenti i commenti anonimi li cancello voglio sempre vedere chi scrive.
    Ti farò una ricetta semplice semplice per il tiramisù come piace a me senza la base di pan di spagna o pavesino inzuppato in liquore o caffè ed uno con.....
    Ciaoo e ben tornata ci sentiamo.
    Un bacione

    RispondiElimina
  11. Ciao cara,se passi a trovarmi ho una sorpresa per te!!!

    RispondiElimina
  12. Silviaaaaaaaaaaa GRAZIE come lasciato il commento al tuo blog sono COMMOSSAAAAAAAAAAAAAAAA non mi sarei mai aspettata un riconoscimento di questo tenore visto che io dolci perchè devo stare attenta alla glicemia li mettoin angolo però copio dai blog e preparo per figlia e nipote golosoni.... Grazie ancora di tutto cuore.

    RispondiElimina

Memento SolonicodiEdvigeDesign byIole