Mostra delle vecchie "Signore" a 4 ruote

Mostra delle vecchie "Signore" a 4 ruote
Una vecchia Alfa Romeo che ha partecipato alle 1000 Miglia - Foto personale

12/02/12

"Keiserschmarren" alias "Omelette dell'Imperatore"

E' da un pò di tempo che non metto qualche ricetta ma, pur sapendo cucinare ed a detta di amici e famiglia anche bene, non è una cosa che mi piace fare. Quando cucino prediligo una ricetta particolare, accostamenti anche azzardati e provare qualche ricetta proposta da grandi chef o ricettine di amiche del web facili  ma stuzzicano sia il mio palato che la curiosità di provare....
Il freddo di questi giorni invita a gustare piatti caldi come minestre, spezzatini ecc.accompagnati dalla polenta, da patate arrosto o pasticciate e naturalmente dolci. - molto calorici.
Una ricettina austriaca fatta con l'impasto delle crepes ma diversa nel suo insieme, si mangia usualmente in Alto Adige ed ovviamente a casa mia  - rappresenta uno spartito della mia infanzia e quindi la divido con voi.
Ovviamente se cercate nel web con la parola in tedesco di ricette ne troverete tante, ogni cuoca aggiunge o toglie qualcosa di suo ma sono tutte in tedesco ma, trovate la ricetta anche in vari blog italiani basta digitare frittata o omelette dell'imperatore.
E' chiamata appunto "omelette o frittata dell'imperatore" perchè sembra fosse il dolce preferito di Francesco Giuseppe d'Austria  e dice la leggenda che nacque per l'errore di un cuoco che ruppe in tanti pezzi la crespella/frittata che stava preparando.

Ingredienti per 2 persone
3 uova
75 gr di farina
20 gr di zucchero semolato
0,50 dl. di latte
0,50 dl. di panna fresca
50 gr di uvetta
30 gr di zucchero vanigliato
1/2 cucchiaio di rum oppure 1 fialetta di quello per dolci
burro - sale -
1 macedonia di frutta cotta oppure 1 confettura di mirtilli o altro a piacere

Svolgimento
Ammorbidite l'uvetta in acqua tiepida fino a quando si gonfia (circa 30 minuti). In una ciotola unite la farina, lo zucchero vanigliato, latte, panna, rum, i soli tuorlo d'uovo e mescolare bene. Poi montate la chiara con lo zucchero semolato ed un pizzico di sale ed aggiungetelo all'impasto assieme all'uvetta strizzata bene e mescolate il tutto.

Sciogliete in una larga padella il burro e versate il composto facendolo rassodare a fuoco basso. Poi tagliatela in parti in modo da girarla agevolmente e lasciare che si rassodi questa parte. Questa crepes/omelette deve esere alta e gonfia e quindi la spezzettate ulteriormente fino a quando la superificie non diventa croccantina ma l'interno deve restare morbido.
Dopo impiattate, cospargete ancora con lo zucchero a velo vanigliato o semolato io preferisco quest'ultimo e lo accompagnate con la macedonia o quant'altro da voi scelto.


Spezzettata nella padella
Accompagnata con la composto o confettura di frutta a piacere
 (Foto tratte dal web con Google)

NOTA:
Se usate una padella che possa andare anche in forno, potete farla rassodare sul fuoco poi mettere in forno caldo a circa 170° lasciandola cuocere per 5 minuti. Poi l'estraete, tagliate a pezzi e rifinitela per la doratura sul fuoco. Io la preferisco accompagnata dalla coomposta di prugne e la ricetta la trovate a questo link diretto
Composta di prugne è secondo me molto più adatta, meno dolce ed il contrasto freddo è molto piacevole.
Potete aggiungere all'impasto oltre che l'uvetta anche altra frutta disidratata come fragole, pezzetti di arancia canditi o altro a secondo vostro gusto.

Buona merenda e ciaooooo

6 commenti

  1. Cara Edvige, sai che la faceva anche mia nonna, milanese puro sangue? e mia mamma dopo di lei? La chiamava con lo strano nome di "sbrisiga" e noi la mangiavamo coperta di zucchero.

    Ne ho fatto un post anch'io, che trovi sotto l'etichetta "dolci" nel mio blog.

    RispondiElimina
  2. Ciao cara, che piacere parlare con te... Noi lo facciamo spesso il kaiserschmarrn, specialmente quando facciamo la passata di verdure come primo piatto... Lo facciamo così: 2 uova intere con 100 di farina, 25 gr. di zucchero, 1 dl di latte (1 cucchiaio di uvetta, ma a mio figlio non piace), burro per la padella antiaderente.
    La serviamo con la marmellata, o anche senza. Buona serata e ciao a presto. Ale

    RispondiElimina
  3. mmm mi hai incuriosita...deve essere buonissima...ma si mangia calda ?? Ho capito bene??la farò...grazie Edvige...un abbraccio e a presto :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si usualmente si mangia calda appena fatta ma la puoi anche mangiare fredda ma non di frigo. Diciamo la fai a pranzo a mangi a cena in questo caso la frutta di accompagnamento la puoi riscaldare oppureversare una crema di frutti di bosco sciolti con zucchero e versati sopra caldi come contrasto. Ciaoooo grazie di essere passata

      Elimina

Memento SolonicodiEdvigeDesign byIole