Fantasy - Immagine dell'amica del "Rifugio degli Elfi" - clic immagine

Fantasy - Immagine dell'amica del "Rifugio degli Elfi" - clic immagine
Immagine da https://www.facebook.com/groups/1481388275215394/

Dove trovarmi

domenica 22 gennaio 2017

Intermerzzo Domenicale !!! .......IL PANETTONE ovvero il " PAN DEL TONI"

In questi giorni il "panettone" come anche il "pandoro" hanno fatto la loro presenza "regale" sulle nostre tavole e sono state anche oggetto di regali e moltissime amiche, super brave, hanno sfornato panettoni che poi oltre a gustarli con gli amici sono stati anche regalati: mi sarebbe piaciuto averne uno anche se come dolce lottando con la glicemia è stato meglio NO.
Su una rivista che , managgia a me, leggo di qua e di la ma non ricordo mai il nome, hanno presentato la storia del panettone definendolo "Re incontrastato del Natale" ed io sono andata a documentarmi facendo le mie solite ricerche: nel web trovi tutto basta saper cercare :D

Partendo dall' impasto soffice e dorato, che cela degli aromi favolosi e presenta la sua uvetta e naturalmente i canditi, ma che richiede però una lavorazione attenta e lunga. E' il simbolo, questo lo sapete tutti, del Natale ma rappresenta anche "Milano" ma non solo -  ma della tradizione in se stessa per la tavola delle Feste in tutta Italia. Numerose sono le leggende relative alle origini del panettone ma, la più veritiera (sembra) quella dell'oscuro sguattero alla corte di Lodovico il Moro e  riporto qui quanto scrive Wiki...

Il cuoco al servizio di  Ludovico il Moro fu incaricato di preparare un sontuoso pranzo di Natale a cui erano stati invitati molti nobili del circondario, ma il dolce, dimenticato per errore nel forno, quasi si carbonizzò. Vista la disperazione del cuoco, Toni, un piccolo sguattero, propose una soluzione: «Con quanto è rimasto in dispensa – un po' di farina, burro, uova, della scorza di cedro e qualche uvetta – stamane ho cucinato questo dolce. Se non avete altro, potete portarlo in tavola». Il cuoco acconsentì e, tremante, si mise dietro una tenda a spiare la reazione degli ospiti. Tutti furono entusiasti e al duca, che voleva conoscere il nome di quella prelibatezza, il cuoco rivelò il segreto: «L'è 'l pan del Toni». Da allora è il "pane di Toni", ossia il "panettone".

L'altra leggenda che sembra anche veritiera recita cosi sempre da Wiki

Messer Ulivo degli Atellani, falconiere, abitava nella Contrada delle Grazie a Milano. Innamorato di Algisa, bellissima figlia di un fornaio, si fece assumere dal padre di lei come garzone e, per incrementare le vendite, provò a inventare un dolce: con la migliore farina del mulino impastò uova, burro, miele e uva sultanina. Poi infornò. Fu un successo strabiliante, tutti vollero assaggiare il nuovo pane e qualche tempo dopo i due giovani innamorati si sposarono e vissero felici e contenti.


Si ha traccia a Milano di questo definito allora "pandolce"  già dal 1200 e consisteva in un impasto di farina di frumento mista qualche volta al mais lievitato assieme a dell'uvetta.  I panettoni artigianali hanno inziato ad essere presenti e con molto successo nell'Ottoceno per proseguire fino al 1900.
Oggi il panettone viene prodotto nelle grandi ditte industriali dislocate in tutta Italia ma, a Milano lo si produce ancora  artigianalmente perchè sono presenti ancora piccoli artigiani, che producono il panettone secondo la ricetta tradizionale. Sono come li definisco io "prodotti di nicchia" che solo vivendo in questi luoghi si può assaporare ancora il sapore del passato senza togliere nulla a quelli industriali.
Le grandi industrie presero come si dice piede dal primo quarto del Novecento e prime fra tutte Motta e Alemagna che hanno niziato a produrli in grande quantità. Fu Angelo Motta negli anni 20 che brevettò il metodo che prevede la formatura del panettone nel loro caratteristico involucro.Successivamente emigra, la tradizione del panettone di Milano, verso altre realtà produttive piemontesi da Balocco a Maina ed a Ferrua

Altra storia, quella del "pandoro" che quasi parallelo .... fu il Domenico Melegatti a Verona,  con l'ottenimento però dei primi "pandoro" in quantità, che grazie alla ricetta e all'uso dell'apposito stampo che brevetto emtrambi nel 1894 ed in questo stesso anno che segnò  l'avvento ed il successo di questo dolce natalizio dalla tipica forma a "stella".
Praticamente il pandoro nasce in questo caso a Verona e se volete leggere la sua storia la trovate  QUI


 Pandoro da Wiki


Il panettone oggi è tutelato dal 2005 da una disciplinare che specifica esattamente gli ingredienti e percentuali minime per poter essere definito tale. Parliamo sempre del panettone classico non quelli che hanno aggiunte varie come creme,cioccolate ecc. ovvero farciti. E' esportato come dolce simbolo del Natale anche in moltissimi altri paesi.

Tutte le informazioni come anche le due prima immagini sono state prese da WIKI  mentre entre la terza immagine dell'assortimento tipi di panettone è dal google immagini.


 Vetrina con panettoni artigianali


Il vero panettone tagliato in tavola

Vari panettoni ed il pandoro


Io mi sono divertita in questa ricerca e di ricette per farli oltre che quelle delle mie amiche sono veramente tante. Ma la lavorazione è molto complessa e considerando che più di un pezzettino non posso mangiare non mi cimenterò mai nel farli...mangiare un pò siiii :D :D 

Buona giornata a tutti.

NOTA Affluente

Avevo già fatto post sul panettone due anni fa ma mi è paciuto rifarlo facendo ulteriori ricerche che senz'altro avranno apportato qualcosa di più. E' nuovo non è copiato.
In pari tempo vi metto il link ad un post sul creare qualcosa di diverso con il panettone che avanza sempre e quindi ecco il link  Fette di panettone o pandoro....

Inoltre, a Trieste si usava la "schnitte - fetta " di pane ma è più buona con una fetta di panettone che veniva non solo tostata e poi irrorata con salse dolci  o marmellate, ma anche passata in pastella oppure come si fa con la mozzarella in carrozza farcita con il prosciutto cotto. Infatti a Trieste si usa moltissimo mangiare la famosa "pinza pasquale" con il nostro prosciutto cotto di Praga ma, ultimamente ci sono panettoni senza canditi ed uvette e quindi si prestano moltissimo a questo abbinamento essendo l'impasto simile alla "pinza".  Provare per credere.

PS.
Il post sarebbe dovuto essere pubblicato con la programmazione che purtroppo non ha funzionato. Ma ho visto che nella grande distribuzione sono ancora presenti confezioni di panettone, pandoro a prezzi veramente di stralcio che magari qualcuno che non ha potuto ora forse lo potrà acquistare. Ho pensato quindi di metterlo come un "Intermezzo Domenicale" mi spiaceva non condividerlo oppure attendere un anno :( :(


Stampa il post

31 commenti:

  1. Cara Edvige, come tu sai, io sono molto goloso e un pezzo di panettone po prendo volentieri alla prima colazione.
    Ciao e buona domenica cara amica con un abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Tomaso buona domenica con sorrisone

      Elimina
  2. Brava Edvige, conoscevo già tutta la storia, ma ti ringrazio per avermela rinfrescata.
    Mandi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non avevo dubbi ma molti non la conoscono buona domenica
      Mandi

      Elimina
  3. Io tremo all'idea di avere un domani problemi di glicemia (che già ne ho abbastanza dei miei ....😞) golosa come sono sarebbe una tortura! Si è molto complicato farli, bisogna essere un po' masochiste (parlo per me naturalmente...😂) il mio pandoro di quest'anno lo pubblicherò il prox Natale. Buona domenica Edvige

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per fortuna non lo sono e non lo sono mai stata ma un dolcetto ogni tanto anche per me andava bene. Purtroppo la glicemia è salita dopo i primi cinque anni dall'infartino. Lo sto controllando ma sono on border come si dice. Se il tuo pancreas funziona bene non hai nulla da temere. Buona domenica e buona settimana.

      Elimina
  4. Bel post. Io faccio parte dei seguaci del panettone! Il pandoro lo lascio...Bacioni ❤❤

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai io non amo ne l'uno ne l'altro come pure per i dolci non vado matta ed ora meno che meno per la glicemia. Ad ogni modo preferisco il pandoro senza zucchero a velo. Buona settimana.

      Elimina
  5. Ciao Edvige, conoscevo la storia del panettone come "pan de Toni" d'altra parte in tante zone d'Italia si produce un pandolce arricchito di uvette, canditi e frutta secca...Io non amo il panettone industriale perchè non lo digerisco, e anche quello artigianale, pur carissimo, non sempre è buonissimo...bisognerebbe conoscere gli artigiani giusti!
    Buona settimana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si hai ragione ci sono degli artigiani a metà a Trieste ma non è che il loro panettone sia una meraviglia preferisco allora un pezzetto di pandoro senza zucchero a velo. Buona domenica cara e buona settimana.

      Elimina
  6. Carissima Edvige ricordo di aver letto nel tuo blog la leggenda relativa alle origini del panettone conosciuto come'pan de Tony 'e ricordo che mi era rimasta impressa:))ricordo anche più vagamente la seconda versione (la prima mi aveva colpito un po' di più;)hai fatto benissimo a ripubblicare queste leggende che trovo estremamente interessanti così come quella relativa al pandoro,che sono andata a rivedere;).
    Fin da quando ero piccola vedevo sempre pandori e panettoni industriali,con il passare degli anni li ho un po' snobbati prediligendo quelli artigianali che una volta ho avuto la fortuna di assaggiare...ancora meglio secondo me quelli fatti in casa..mi piacerebbe(ovviamente con il lievito di birra)ma non ho mai avuto il coraggio di provare...
    Un bacione e buona domenica:))
    Rosy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma io non ci provo perchè comunque non è nella mie corde ed ora men che meno non potendo. Grazie cara e buona serata e buona settimana.

      Elimina
  7. bello questo post, io però sono pandoro per sempre!
    baci e buona settimana
    Alice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sau anch'io potendo pandoro a vita lo adoro ma solo un piccolo pezzettino.... buona serata e buona settimana.

      Elimina
  8. Qui da te io imparo sempre qualcosa, sei una fonte di saggezza e ti adoro! Un abbraccio grande grande e felice settimana :) <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Vale ho scoperto che abbiamo molti gusti in comune mi fa piacere. Grazie sei troppo gentile ti auguro una buona serata e una settimana splendida.

      Elimina
  9. Avevo letto anche io la storia del panettone anni fa e mi sono messa la domanda il perché è diventato così complicato a farlo, quando è stato fatto in tempi molto rapidi in quanto è stato un dolce di emergenza, boh. Comunque fa sempre piacere mangiare una fetta di un buon panettone !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io mi ero posta lx domanda penso sia stato motta a renderla più complessa. Buona settimana 😚

      Elimina
  10. Buongiorno! Adore il panettone! Grazie per questo post molto interessante! Prima o poi voglio provare a fare il panettone! Chissà cosa combino :D Buon inizio settimana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se ci riesci fammelo sapere chissà. .. buona settimana 😚 😚

      Elimina
  11. Bellissimo post cara Edvige, molto interessante!!!

    RispondiElimina
  12. Bello il racconto del Panettone . Sapevo che era nato x sbaglio , ma non tutta la storia che hai raccontato . Io comunque preferisco il Pandoro , a piccole fettine perchè molto ricco di burro , e il
    colesterolo.....Buona settimana . Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo sul pandoro mx molti grassi oggi si trovano anche con meno. Buona settimana 😚

      Elimina
  13. adoro il panettone proprio quello classico con uvetta e canditi, non mi piacciono tutte le altre varianti.
    Il pandoro mi piace meno. il natale mi piace xke c'è il panettone :-))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco perché ci sono tante versioni io adoro il pandoro panettone si ma solo uvetta. I canditi buoni ma a parte. Buona x settimana 😚

      Elimina
  14. Ciao cara Edvige - bello questo post su uno dei dolci che più milanese non potevi ........ il nostro buonissimo Panettone !
    Ha una storia davvero antica ;-)
    Un bacione ancora buon anno nuovo - ottima serata e migliore nuova settimana appena iniziata :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie carissima della visita, concordo e ti auguro byuona serata e buona prosecuzione di settimana,

      Elimina
  15. È fantastico sapere la storia del dolce che per noi italiani è il simbolo del Natale..Io però amo di più il pandoro
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo anch'io amo più il pandoro. Grazie della visita e buona serata.

      Elimina
  16. Si, ricordo di averla lette da te la storia del panettone, grazie per avercela ricordata!
    Adoro il panettone, il pandoro anche se mi piace, non so perchè mi crea acidità allo stomaco!
    Un bacione!

    RispondiElimina