Dal gruppo FB "Dragon Life"

Dal gruppo FB "Dragon Life"
Gruppo creato da " Il Rifugio degli Elfi " link su immagine - FB https://www.facebook.com/groups/1481388275215394/

Dove trovarmi

mercoledì 26 febbraio 2014

Coq au vin...... il mio!!

"Coq au vin" è una ricetta molta famosa che sta girando ultimamente tantissimo nel web ed è anche ripresa e riproposta da riviste molto note di gastronomia.
Si parla però sempre di "pollo al vino" anche se in qualche caso si precisa che la ricetta originale intende "galletto" e non pollo che in francese è il "poulet".
Si cambia anche perchè trovare il galletto non sempre è facile mentre il pollo è alla portata di tutti ed ovunque. Anche i famosi galletti "Valle Spluga" con lo scudetto rosso non si trovano più io almeno non li vedo da tanto tempo.
Il mio "pollo al vino" riprende gli ingredienti originali ma con alcune variazioni in base a quello che avevo a casa. Il vino che dovrebbe venire usato per marinare deve essere un vino rosso corposo, pregiato e...costoso aggiungo io ed anche con vino semplice la marinatura era perfetta come il sapore dopo la cottura.

Ingredienti per 4-5 persone 
(infatti io ho congelato una parte siamo solo 2)

4 cosce di pollo complete con sovracoscia possibilmente della stessa grandezza
100 g di guanciale (io quello pronto tagliato a quadrucci) (era prevista la pancetta dolce)
 1 confezione di cipolline circa 250-300 g (se sono grandi le tagliate a pezzi)
1 confezione di champignons circa 250-300 g freschi ( previsto il porcino  anche surgelato)
750 ml di vino rosso  (io vino rosso in domopack ) (previsto vini rossi pregiato tipo Bordeaux)
50 ml di Brandy (ho usato quello semplice ) (previsto Cognac)
2 cucchiai di pomodoro concentrato
500 ml di brodo vegetale
farina q.b.
1 pizzico abbondante di ciascuno di questi odori :
timo-maggiorana-erba cipollina-coriandolo-prezzemolo-aglio in polvere-aneto-basilico-dragoncello-  sale -  (tutti questi sono freschi e surgelati e già tritati li tengo sempre)
 15 grani di ginepro - pepe (se non l'avete usate quello macinato)
olio evo q.b.


funghi e cipolline in padella

Preparazione
Tagliate le cosce dalle sovracosce e togliete la pelle.
In una capiente terrina mettete i pezzi in modo che stiano uno accanto all'altro anche un pò sovrapposti.
Amalgamate in una terrina separata tutti gli odori, versate il vino e mescolate e versate sui pezzi di pollo in modo che siano completamente coperti. Rigirateli un pò che assorbano bene e poi chiudete con un coperchio o con una pellicola e fate riposare in frigo per tutta la notte. Al mattino mescolate i pezzi e lasciateli ancora fino al momento della cottura.
Prima di togliere il pollo dal frigo preparate i restanti ingredienti.
Pulite con  carta da cucina o altro i funghi dal terriccio e levate la prima buccia dalle cipolline anche se le avete acquistate gia pelate.
Affettate i funghi non proprio sottilissime e tagliate le cipolline se sono grandi in più pezzi o se piccole lasciatele intere.
In una padella fate sciogliere il guanciale a fuoco basso in modo che il grasso si sciolga per benino e diventi croccante. Aggiungete i funghi e le cipolline e fate insaporire per una decina di minuti che diventino un pò colorati. Versate in una casseruala grande i funghi e cipolline dorate.

 il vino della marinatura che va gettato - i pezzi a scolare - cipolline e funghi in padella

Scolate i pezzi di pollo dalla marinatura togliendo il più possibile le erbe e fateli dorare da tutte le parte nella stessa padella di cottura dei funghi e cipolle a fuoco vivo. Infarinate poi i pezzi prima di trasferirli nella casseruola assieme ai funghi/cipolle mantenuti caldi. Bagnate con il brandy, versate il brodo tiepido, tutto deve essere coperto e iniziate la cottura a fuoco medio per circa 30-35 minuti.


 sovracosce e cosce ad inbiondire - casseruola completa inizia a cucinare


Passato il tempo, date una piccola rimescolata, alzata un pò la fiamma se vi sembra ncora troppo liquida e cuocete ancora per 10-15 minuti senza copertura.
Se il sugo non vi sembra ancora della densità giusta secondo il vostro giudizio,  estraete i pezzi di pollo e aggiungete al sugo un cucchiano di agar-agar che è un addensante naturale insapore. Se non l'avete stemperate  un cucchiaio di farina con una piccola parte di sugo in modo che poi l'aggiungerete evitando cosi di formare grumi, alzate la fiamma e fate addensare. Rimettete i pezzi di pollo mescolate delicatamente e impiattate.
Io l'ho accompagnato con fette di pane leggermente tostato (assorbe più lentamente il sugo e non si spappola), ma potete mettere vicino del riso al vapore, polenta oppure nulla a voi la scelta.


Piatto finito in tavola

Non sarà la ricetta originale ma vi assicurò che la bontà c'era tutta.
Buona giornata.

Stampa il post

39 commenti:

  1. Cara Edvige, prima di tutto, grazie dei tuoi fiori che ci doni!!!
    io sto facendo una collezione dei tuoi bellissimi fiori.
    Poi devo farti mi complimenti per la tua chiarezza delle belle ricette, che se non si sta attenti non è chiaro di cosa si tratta.
    Ciao e buona giornata sempre con il sorriso.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie caro Tomaso certo magari mi dilungo troppo ma come dici tu qualche volta si trovano ricette che non si comprende bene meglio qualche parola di poù. Un abbraccio buona serata.

      Elimina
  2. ciao Edvige, un piatto molto saporito e gustoso, complimenti, bellissimo, grazie per la ricetta mano a mano, molto chiara, grazie dei fiori, ci vogliono per rallegrare un po' queste giornate uggiose, ciao baci rosa, buona giornata.)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Rosa per la gentilezza è un piacere e ti auguro una bella serata.

      Elimina
  3. Carissima, ma sai che il tuo "non galletto ma pollo" è superlativo? Hai ragione circa il pane, tostato è meglio rispetto a quello fresco ma ci vedrei accanto una bella polenta (ci vado matta), mia suocera serve sempre i sughi di carne così e l'abbinamento è buonissimo. Un bacione, cara amica, e grazie per le rose :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ros...certo che la polenta sta bene ma in questo contesto ti assicuro che l toc...del pane è meglio assorbe di più altrimenti una polenta molle...ma la vedo più pasticciata. Ciaooo bacioni

      Elimina
  4. A me piace molto questo piatto, la tua è un'ottima versione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..diciamo un pò in economia ma buona ugualmente. Buona serata

      Elimina
  5. ciao edvige,un pollo d'eccezione, ma il pane per l'accompagno è superlativo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Enrica e ti confesserò che siccome ne ho fatto tanto e siamo in due, surgalto e ce lo siamo spazzolato ieri sera e siccome non c'era tanto sughetto una fetta di polenta duretta e crostolosa è stato il massimo.... Ciaooo buona serata

      Elimina
  6. Ho preparato il coq au vin per il calendario della Francia a Tavola... Come sempre le ricette tradizionali si prestano tantissimo alla rielaborazione e proprio questo è il bello della cucina!
    Al sughetto non si può resistere e la carne diventa così tenera in cottura...una meraviglia!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si lo so ma quello era una ricetta dei piani alti tutta perfetta con le cose più raffinate, la mia è cucina di poca spesa ma il risultato è stato ugualmente super certo non posso paragonarlo al tuo perchè non ho assaggiato ma un Bordeaux... e di vino me ne intendo con cognizione di causa.
      Le rielaborazioni alle volta riescono meglio delle originali o almeno sussiste tale convinzione visto che di solito l'originale o si è del posto oppure non si assagerà forse mai.
      Grazie cara ti ho votato.
      Buona serata,

      Elimina
  7. cavoli che bontà! bravissima :)) si il pane tostato lo vedo veglio che con la polenta :D buona serata, ciao Andrea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Condivido Andrea assorbe meglio ciaooo buona serata.

      Elimina
  8. Ma lo sai che non lo mai preparato? ma visto questa tua delizia mi sa tanto che presto apparirà anche sulla mia tavola ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sai anch'io l'ho sempre letta e mai fatta. Grazie e buona giornata.

      Elimina
  9. Sarà anche la tua versione, ma a me sembra profumato e appetitosissimo!!
    Ciao, Tatiana

    RispondiElimina
  10. Una ricetta ottima che dà più sapore al pollo. Laproverò di sicuro.
    Buon giovedì grasso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me non piace tanto il sapore del pollo ma cosi non sembra più ...lui.
      Buona serata

      Elimina
  11. allora mi sa che ero l'unica che non la conosceva, grazie per averla pubblicata, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eravamo in due solo letta mai fatta grazie dimmi come ti viene e se ti piacerà ciaooo buona serata.

      Elimina
  12. Buongiorno Edvige!

    Abbiamo visto che hai tantissime deliziose ricette nel blog! Vogliamo presentarti il sito Ricercadiricette.it, dove gli utenti possono cercare tra oltre 230000 ricette che appartengono a siti web e blog in italiano. Abbiamo anche creato il Top blogs di ricette, dove puoi trovare tutti i blog che ci sono già aggiunti. Puoi anche aggiungere il tuo blog all’elenco! Noi indicizziamo le tue ricette e gli utenti le potranno trovare usando il nostro motore di ricerca. E tutto su Ricercadiricette.it è gratuito!

    Ricercadiricette.it ha diversi siti fratelli in Svezia, Spagna, Francia, Stati Uniti e in tanti altri paesi. Vuoi diventare un membro di questa grande famiglia?

    Restiamo a tua disposizione!
    Andreu
    Ricercadiricette.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero che Andreu legga. Si perchè no basta che mi dite come fare sono andata al sito ma non trovo come allacciarmi...vedo che i messaggi vanno indirizzati in Svezia. Attendo vostre nuove ciaooo

      Elimina
  13. Adoro il coq o poulet au vin! E quel sughetto è un invito alla scarpetta! Un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione non sono tanto portata alla scarpetta ma in questo caso ho fatto una scarpona.... ciaoo e buona serata

      Elimina
  14. Anche io avrei fatto una scarpona, con tutto quel buon sughetto, brava Edvige, una ricetta piena di sapore che con i tuoi accorgimenti è anche alla portata di tutti. Bacio buona serata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scarpona si l'ho fatta anche se un gesto buono ma inusuale per me. Bacioni e buona fine settimana.

      Elimina
  15. Con il vino buono e tutti quegli odori profumati, questo galletto dev'essere proprio fantastico! E se avanza un po' di sughetto, non si butta niente...! Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie alla grande se rimane condisci una pasta ciaoo

      Elimina
  16. Non fatico a credere che la bontà c'era tutta nel tuo piatto cara edvige!! E' così invitante e succulento!! Ho mangiato questo piatto a parigi e ricordo che mi era piaciuto proprio tantissimo, però non ho mai provato a rifarlo: ora mi salvo la tua ricetta così forse mi deciderò!!
    Hai ragione, i galletti non è facile trovarli, non sempre li hanno.
    Bravissima, hai preparato un piatto veramente straordinario!! Tanti bacioni, salutami maritozzo!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie carissima un abbraccio anche a te e lui contraccambia...bacio

      Elimina
  17. Grazissime per i fiori che accetto molto volentieri, grazie per la ricetta, molto esplicativa, semplice con ingredienti a portata di portafoglio sgonfio ma sicuramente gustosa.
    Buon fine settimana amica mia.
    Un bacione
    Mandi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Figurati prendili....si fatta proprio al risparmio ma ugualmente buona anzi...
      Buona domenica ormai carissima.
      Mandi

      Elimina
  18. Hai preparato un piatto veramente gustoso e sicuramente da farci la scarpetta, brava! Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara un abbraccio e buona domenica.

      Elimina
  19. Cara Edvige, m'hai fatto venir voglia di pollo! E' da tanto che non lo cucino così, a pezzi...
    Sai che questa ricetta io la conosco da almeno 45 anni? Quando ero ragazzina/ragazza andavo in vacanza sul Lago Maggiore; in paese c'era un ristorante/night molto chic, la padrona era francese e la ricetta per cui il locale era famoso era proprio il "coq au vin"!
    Buona domenica, cara amica!
    PS: il galletto Vallespluga io lo trovo sia all'Auchan che al Carrefour...non so se da te ci sono questi ipermercati...

    RispondiElimina