Fantasy - Immagine dell'amica del "Rifugio degli Elfi" - clic immagine

Fantasy - Immagine dell'amica del "Rifugio degli Elfi" - clic immagine
Immagine da https://www.facebook.com/groups/1481388275215394/

Dove trovarmi

lunedì 26 marzo 2012

Un piatto insuale e sconosciuto la "gregada"

Ho letto in questi giorni un bellissimo libro "La città dei venti" scritto da Veit Heinichen e Ami Scabar.
Veit Heinichen  è uno scrittore tedesco che vive a Trieste dal 1997. Ami Scabar e una famosa ristoratrice di Trieste titolare del ristorante che porta il suo nome Scabar.
L'inizio del libro mi ha colpito tantissimo che iniziava con il chiedere ....."Avete mai mangiato la gregada?...."
No, e non so nemmeno di cosa trattasi.

Vi riporto la spiegazione che è anche una ricetta antica che è la Prefazione del suindicato libro....

".........Calamari e patate tagliati a fettine, disposti a strati in una teglia con un pizzico d’aglio, prezzemolo, sale e pepe, una spruzzata di vino bianco, un filo di pregiato olio d’oliva e succo di limone, il tutto servito caldo dopo un’ora di cottura in forno? Gli immigranti greci portarono con sé questa ricetta oltre duecento anni fa, quando vennero a cercare fortuna a Trieste e vi si stabilirono. I Greci hanno solcato il mare in direzione delle sponde settentrionali dell’Adriatico sin dall’antichità. Un viaggio breve, se il grecale assicurava cielo terso e gonfiava le vele. Trieste è la città dei venti. All’estremità del Molo Audace, da cui si gode una splendida vista sulla città, c’è una bitta con una rosa dei venti: maestrale, scirocco, libeccio, grecale e, in caratteri più grandi degli altri, la bora, che tutto domina......   Continua a leggere

E' troppo lungo riprendere tutta la prefazione per cui continuate a leggere cliccando sul suindicato link che vi porta al sito "Trieste e dintorni/Scabar" mentre sotto il nome suindicato degli autori del libro vi porteranno direttamente al sito del ristorante ed alle informazioni di Wiki per conoscere la figura dello scrittore tedesco.

Se avete l'opportunità di trovare questo libro presso le librerie della vostra città, vi consiglio di acquistarlo in quanto vi porta in un passato marinaro particolare ed a delle ricette uniche inusuali. Credo che se riuscita a consultarlo prima dell'acquisto ne rimarrete conquistati. Direte che forse sono "campanilista"...no, sinceramente esistono dei spaccati di storia - ovviamente tutte le città ne hanno le sue, che mi affascinano e come già acquistati di altre questa mi fa conoscere una parte di storia della città ove vivo di cui non conoscevo nemmeno la metà. Si dice che le cose belle della città in cui si vive sono sempre in secondo piano perchè vedendole ogni giorno quasi non le vediamo più e dobbiamo acquisire le bellezze locali solo attraverso il turista o l'amico che accompagnamo nella nostra veste di guida.

Ciaoo a tutti
Stampa il post

11 commenti:

  1. ma pensa che pur abitando a Trieste non conoscevo questo libro ma siccome in famiglia abbiamo tanti libri sulla città anche questo los coveremo e lo porteremo a casa con noi. Un abbraccio

    RispondiElimina
  2. Il libro sembra interessante e anche questo piatto è invitante...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so se lo trovi dove vivi ma se ti può essere utile ti indico la casa editrice
      edizioni E/O (si chiama proprio così) www.edizionieo.it forse lo trovi merita per la storia basata sull'aflusso marinaro nei secoli su Trieste dovuto ai venti che passano da qui e quindi anche ricette inusuali merita come lettura molto interessante anche per chi come me vive qui e tante cose proprio non le conosceva.
      Ciaoo amica un abbraccio e buona settimana.

      Elimina
  3. Stefania ciao, guarda che sono molto restia a leggere su Trieste ma questo spassionatamente merita lo trovi da Giunti se ti è vicino il posto ed è una lettura interessante anche se scritta da un tedesco adottato e le ricette di Ami sono soprendenti. Un abbraccio e buona settimana.

    RispondiElimina
  4. Io mi sono traferita a 250 km dalla mia terra...
    Per amore e per lavoro...
    Quello che non vedevo prima, che non apprezzavo appieno....ora... Lo agogno con tutta me stessa!
    Spero tanto, tantissimo di poter sistemare di nuovo le mie radici in quella terra che mi ha cullata senza rendermene conto.

    Si hai ragione edvige, vivamente ragione!

    Se trovo questo linto lo acquisto,amo le storie di mare , viaggi e navi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Emh... Volevo scrivere libro e non linto :P

      Elimina
    2. Luby si hai ragione in tutto, personalmente sono nata ad Abbazia terra sul mare e sono a Trieste città di mare e non potrei vivere lontano dal mare al minimo deve esistere un lago balneabili come Klagenfurt in Austria la terza città dopo il confine ci arrivo in 2 ore poco più. Ma il mare è un altra cosa e quindi ripeto, ti capisco.
      Ho indicato qui in altro commento la casa editrice ed anche l'indirizzo web e forse in qualche libreria lo trovi anche tu.
      Merita come lettura s'impara anche una piccola parte la storia dei venti che qui tutti si danno appuntamento.
      Ciao e buona settimana.
      PS.
      Se non lo trovi fammelo sapere.

      Elimina
  5. Mi piace tantissimo quando libri e cucina s'intrecciano visto che sono le mie due grandi passioni quindi provo a cercare il libro, mi hai incuriosita. ciao, buon inizio settimana

    RispondiElimina
  6. Vale io odio fare la pubblicità ma questa volta devo onestamente dire che ben scritto e se tieni conto che l'autore è tedesco mente Ami Scabar e locale e quindi una parte del libro è stato tradotto e ti assicuro essendo io biligue che la traduzione è veramente fatta bene e rende pienamente quello che l'autore intendeva dire e non è sempre facile.
    Ciao e buona settimana anche a te un abbraccio.

    RispondiElimina
  7. Ciao, piacere di entrare qui da te, molte cose interessanti...ti seguo. A presto :)

    RispondiElimina
  8. Grazie Celeste del tuo passaggio piacere mio buona serata. Ciaoo

    RispondiElimina