Un tramonto sul lago Woerther a Klagenfurt (Carinzia)

Un tramonto sul lago Woerther a Klagenfurt (Carinzia)
Foto personale - Giugno 2017

Dove trovarmi

giovedì 29 ottobre 2015

SZEGEDINER Krautfleisch - Goulasch o spezzatino di carne e crauti acidi

Questo piatto è un goulasch o spezzatino di origine ungherese. E' un piatto che mi ricorda la mia infanzia perchè qualche volta, quando c'era qualche soldino per acquistare la carne, la nonna ungherese Franziska  lo preparava ed era una festa ovviamente. Veniva accompagnata con le patate lesse ma alle volte la polenta che era più facile trovare e meno costosa di buone patate che non sapessero di muffa oppure gnocchi di farina.
Ormai non esiste ricetta che provenga da paesi a noi lontani, da altre cucine del mondo che non si trovino sul web. Anche la mia fatta oggi di originale ha solo la struttura ma gli ingredienti che la nonna a casa sua usava in una realtà contadina ora trovarla  è quasi impossibile.  Si trovano sui siti ungheresi ricettie originali ancora della loro realtà contadina, ma gli ingredienti del regno animale da loro proposti non si trovano o sono cadute in disuso nella nostra realtà attuale e sarebbe inconcepibile utilizzarle  come la sugna, certe interiora ecc.
Questa comunque è la versione di casa mia con alcune varianti come le ossa che per le note questioni non vengono più acquistate.


Ingredienti per 4 persone
600 gr. di carne di maiale o anche mista con manzo o vitello a bocconcini
2-3 cucchiai di olio (io metto quelli di semi meno forte dell'evo)
200 gr di cipolla tritata
2 cucchiai di paprika dolce
1/2 cucchiano di cumino
400 ml di brodo (dovrebbe essere di ossa, fatto raffreddare e poi sgrassati ma potete utilizzare anche il dado)
500 gr. di crauti acidi (quelli tagliati a listerelle)
3 cucchiai di concentrato di pomodoro (una volta si usava la passata fatta in casa)
200 ml. di panna acida (la trovate anche al supermercato e la diluite con un pò di latte se troppo densa)
sale - pepe


la foto è tratta da una pubblicità austriaca su una loro rivista  - se esiste anche nel web non lo so -
è da molto che non  faccio questo piatto e prima non avevo un blog e quindi nessuna foto.
Penso però di rifarlo non appena ho i miei al completo 5-6 in totale,  farlo per solo noi  2 ......


Preparazione
Soffriggere nel condimento scelto la cipolla tritata fino a quando non sarà un pò appassita ma non troppo colorata. Aggiungere il concentrato di pomodoro, mescolare e lasciare ancora per un paio di minuti.
Fuori dal fuoco aggiungere la paprika dolce e mescolare ma non rimettere sul fuoco altrimenti il dolce contenuto nella paprika tende a carammellarsi.
Aggiungete a questo punto i bocconcini di carne non tagliati troppo piccoli, una parte del brodo, salare e cuocere a fuoco medio per circa mezz'ora.
In un tegame dai bordi alti fare cuocere per alcuni minuti i crauti mescolati con il cumino in modo che si ammorbidiscano e perdano un pò della loro acqua. Se il sapore è troppo acidulo potete prima di cuocerli sciacquarli sotto l'acqua corrente calda.
Completarli con la panna acida, sale e pepe nonchè un pò di paprika ed aggiungerli alla carne. Mescolare e lasciar cuocere ancora per una mezz'ora circa o almeno fino a quando la carne risulta tenera.

Potete anche cuocere il tutto senza i passaggi a fuoco vivo in forno,  in un contenitore adatto e coperto ad una temperatura di 180° per circa 2 ore.
Il contorno perfetto sono le patate lesse oppure gnocchi di patate. Noi facevano. come detto,  i gnocchi di farina al posto delle patate...dipende da quello che si trovava e cosa potevamo spendere.

Un altro pezzetto della mia infanzia.
Buona giornata a tutti.


NOTA Affluente
  • La carne che veniva allora usata erano le parti meno ....nobili ovvero ritagli della schiena, spalla o anche tipo pancetta e quindi essendo parti un pò grasse si poteva anche fare a meno dell'olio troppo costoso a quei tempi. Voi potete usare il tipo di carne che preferite purchè non sia filetto che non si presta alle lunghe cotture o muscolo troppo stopposa. Io vi consiglio di provare con il guanciale tagliato a pezzi grossi (se di manzo, vi consiglio da farvelo tagliare dal macellaio) e che ha bisogno di una cottura lunga in questo caso non meno di 2-3 ore,  ed il sugo che ne deriva sarà molto denso senza necessità alcuna di aggiungere addensante.

 foto tratta dal web - guanciale di manzo quello di vitello più piccolo ma molto costoso non conviene

  • Questa ricetta l'avevo preparata ancora l'anno scorso con la speranza di poter mettere delle mie foto. Purtroppo per vari motivi non ho avuto l'occasione ed ho pensato che andando incontro alla stagione invernale è un piatto molto adatto proprio a questo periodo e nell'attesa che lo rifaccia mi è sembrato giusto condividere.
  • Per quanto concerne la " paprika ovvero quella piccante ", contrariamente a quello che si pensa la cucina ungherese non è cotta già piccante - anche se nei ristoranti lo fanno anche per far consumare grandi quantità di bevande - ma vicino al piatto viene offerto una ciotolina con il "peperoncino piccantissimo" appositamente preparato ed ogni commensale  lo aggiunge a secondo del proprio gusto.
  • I crauti acidi cotti con il vino si trovano già confezionati in barattoli oppure anche sciolti a peso. Non faccio pubblicità ma mi sembra che l'unica marca sia la Zuccato.
  • Per quanto concerne la panna acida, questa se non la trovate ancora (molte grandi distrubuzioni la vendono) potete farla voi mescolando panna fresca con lo yougurt ed aggiungendo un cucchiaio di succo di limone.


Stampa il post

31 commenti:

  1. che ricetta deliziosa, l'ho gia' assaggiata ma mai preparata!!!!Baci Sabry

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere e spero che tia anche piaciuta. Io sicuramente la farò il mese prossimo che avrò i miei golosi a cena e aggiungerò le mie foto.
      Buona serata bacioni

      Elimina
  2. Un piatto molto appetitoso, adatto per il periodo invernale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si e ti dirò che mangiato il giorno dopo ho anche dopo 2 giorni è ancora più saporito.
      Buona serata.

      Elimina
  3. Ciao Edvige, questo piatto io lo amo molto e anche tutto il resto della famiglia accompagnato da una buona polenta calda :-) Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono felicissima peccato che non siamo vicine si potrebbe fare una seratina con tanta polenta... :D
      Bacioni e buona serata.

      Elimina
  4. Cara Edvige, lo ho provato una volta, ma mi è sembrato troppo piccante, forse avevano messo troppo pepe!!!
    Ciao e buona serata cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, il piccante è dato dalla paprika piccante non dal pepe si vede che ne hanno messa molta io adoro il piccante
      Buona serata anche a te.

      Elimina
  5. Qualcosa di simile anche mia mamma lo faceva e pi la accompagnavamo con della polenta, era un cibo di base al posto del pane, ma era molto buono. La carne più si fa cuocere più buono viene. Sono rimasti solo i ricordi, ma sono belli', era più povertà ma cibi più genuini !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione più povertà e ci si accontentava e nel piccolo anche si era felici. Buona serata.

      Elimina
  6. Questo è un piatto che adoro, lo faccio spesso pure io, bello speziato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie sai non pensavo che tanti lo conoscessero ma forse qui al nord è più conosciuto.
      Buona fine settimana bacioni.

      Elimina
  7. Buonissimo!!!! Hai ragione preparare questo piatto quando c'è tutta la famiglia e tutt'altra cosa anche per il gusto. Secondo me quando la quantità aumenta, aumenta anche il sapore delle pietanze, e allora....... non ci resta che aspettare le foto del tuo piatto!!!!!! Un abbraccio e a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono pienamente d'accordo con te e alle volte è tanto da congelare ma è da un pò che non lo faccio devo provvedere ma attendo il gruppo. Buona fine settimana.

      Elimina
  8. Ecco uno dei miei piatti preferiti (però non mi toccare l'olio di oliva!!!), che mi fa sempre piacere rileggere perché alla fine ognuno di noi ci mette il suo tocco personale ed è bello confrontarsi. Per me è proprio una coccola invernale, quando rincasi dopo una giornata al gelo...slurp!
    Un bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Immagino tu intende l'olio E.V,O. anch'io lo adoro ma non cotto solo crudo. Preferisco usare se devo olio di semi meno invadente come sapore ma se voglio sapore cucino senza grassi solo con l'aiuto dell'acqua e poi mi go l'aggiunta EVO per dare quell'impronta in più che serve. Guai se fossimo tutti uguali sarebbe veramente monotono come a me la zucca proprio non piace quasi allo stesso livello di come detesto la nutella.
      Buona fine settimana bacioni.

      Elimina
  9. Mmm... adoro il goulasch. Il più buono l'ho divorato in Austria. Sicuramente farò tesoro di questa tua ricetta.
    Un sorriso per un solare fine settimana e di buon Halloween!
    ^____^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cero il goulash in Austria è buonissimo ma ricordati che in realtà in Ungheria il goulash è quasi una zuppa carne e patate mentre il tipo di goulash che si conosce in Ungheria
      si chiama pörkölt. Buonissimi entrambi. Ciao e buona fine settimana. :D :D :D

      Elimina
  10. Buonissimo il goulasch, l'ho preparato diverse volte, è un piatto che piace a tutti a casa. Perfetto da gustare in questo periodo! Un abbraccio e buona festa di Ognissanti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho deminticato di precisare che questo goulash non ha nulla a che vedere con quello che noi tutti conosciamo perchè il ...diciamo classico non prevedere la presenza dei crauti acidi e gli ingredienti sono simili ma non gli stessi. Si carissima amica è un piatto che si presta moltissimo e diciamo diventa un passpartout. Buona fine settimana.

      Elimina
  11. Sono sempre interessata dalle ricette di una volta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa credimi è veramente vecchia non è il solto conosciuto goulash. Buona fine settimana.

      Elimina
  12. Che buono il goulasch Edvige! Lo adoro, lo sai? Ho provato a farlo in casa e ...insomma, così e così. L'ho mangiato a Praga qualche anno fa, ne avrei mangiato una tonnellata, buonissimo!! Proverò a salvarmi la tua ricetta. Non posso aspettare di tornare a Praga ahahahh
    Un abbraccio e buon fine settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. terry cara questo giulash non è lo stesso che si mangia un pò ovunque nei paesi dell'est.
      Devo trovare la ricetta di mia nonna ungherese e quando lo rifaccio lo posterò. Ciaooo buona domenica

      Elimina
  13. Carissima Edvige, che bel piatto gustoso, a me piace con tantissima polenta!!!
    Hai ragione è un piatto che si gusta di più in bella compagnia, magari in una fredda serata d'inverno ......
    Baci e buon we con il sole

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara buona fine settimana anche a te qui boraaaa. Ciaooo

      Elimina
  14. buonissimo!! adoro il gulasch :)) tipico della mitteleuropa :) buon sabato! ciao Andrea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Andrea ma guarda che questo non è lo stesso del classico goulash che tu conosci è una versione forse simile ma non uguale.
      Buona fine settimana.

      Elimina
  15. Ciao cara!!
    L'ho assaggiato a Budapest ma non ho mai provato a rifarlo...mi sa che questa è l'occasione...
    Per la chiavetta ho risolto, pare che AVG non la riconoscesse più...ho dovuto disinstallarlo...comunque grazie!!!
    Buon fine settimana!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A Budapest ci sono tre piatti simili:
      goulash che in realtà è una zuppa di carne e patate
      poerkoelt che è il corrispettivo del goulash che conosciamo noi
      ...e questo che è una versione simile ma diversa in quanto cotta con i crauti acidi.
      La chiavetta sui portatili spesso fa di queste bizze e l'unica cosa è reinstallarlo senza disinstallarlo raticamente reinstallandolo va a coprire gli errori della precedente installazione.
      Se mi leggi chiedi sono a disposizione.
      Buona domenica

      Elimina
  16. SwagBucks is the biggest work from home site.

    RispondiElimina