22/12/14

L'è 'l pan del Toni». - il "pane di Toni", ossia il "PANETTONE ".

Il panettone, in lombardo panaton o panatton (pronuncia fonetica IPA (International Phonetic Alphabet) : pana'ton o pana'tun,  è un tipico dolce milanese, associato alle tradizioni gastronomiche del Natale e ampiamente diffuso in tutta Italia. Il panettone tradizionale lombardo è notoriamente quello basso, il piemontese è notoriamente alto ed ora è stato presentato anche quello siciliano alla TV.


In questo contesto si parla anche del "pandoro" che ha basi ottagonali o a sezione a forma di stella. Il  panettone è ottenuto da un impasto lievitato a base di acqua, farina, burro, tuorlo d'uovo con l'aggiunta di frutta candita, scorzette di arancio e cedro in parti uguali e uvetta denominato e diventa cosi  ... panetton candìo.  (Ora ci sono panettoni senza canditi con la sola uvetta o anche senza alcuna aggiunta).
Fino alla fine del 1900 erano moltissimi a Milano i fornai e pasticceri che lo producevano ma oggi però le grandi ditte industriali di panettoni sono dislocate in tutta Italia, mentre a Milano rimangono  ancora tanti artigiani che lo producono sempre secondo la ricetta tradizionale.
Ad ogni modo dal 2005 il panettone dolce tipico Italiano è tutelato da una disciplinare che ne specifica ingredienti e le percentuali minime per poter essere definito tale.




 foto da Wiki

Ma vi siete mai chieste da dove deriva il nome "PANETTONE"  ?????
Esistono tante leggende in merito ma due sole sono quelle con maggior credito.
Mentre la prima la potete leggere cliccando sul link suindicato che vi porta a Wiki, la seconda ve la riporto io, è quella che mi piace di più,  sempre da Wiki.

"""
Un cuoco al servizio della corte di Ludovico il Moro fu incaricato di preparare un suntuoso pranzo di Natale a cui erano stati invitati nobili del circondario, ma il dolce, dimenticato nel forno, quasi si carbonizzò.
Vista la disperazione del cuoco, TONI, un piccolo sguattero, propose una soluzione: 
«Con quanto rimasto in dispensa - un po' di farina, burro, uova, della scorza di cedro e qualche uvetta – stamane ho cucinato questo dolce. Se non avete altro, potete portarlo in tavola.» 
Il cuoco acconsentì e, tremante, si mise dietro una tenda a spiare la reazione degli ospiti.
Tutti furono entusiasti e al duca, che voleva conoscere il nome di quella prelibatezza, il cuoco rivelò il segreto:  «L'è 'l pan del Toni». 
Da allora è il "pane di Toni", ossia il "panettone". 

Leggende nel web ci sono tante basta cercare "pan de toni e trovate di tutto e di più.
Io vi ho riportato quella, come dicevo, che piace a me ed ha anche molti crediti, a voi trovarne altre.

Io so che molti di voi conoscono da dove si dice provenga il nome il nome "panettone", ma per chi non la ricorda ...... per poterla raccontare ai nipotui o amici mentre lo stanno gustando magari uno super fatto da voi stesse.
Vi rimetto il link di inizio pagina  WIKI.

Buona giornata.
Ciaoooo




NOTA
Questa nota la riproporrò più volte perchè qualcuno mi ha fatto presente che i caratteri del post sono di difficile lettura. Purtroppo non dipende solo da me ma da come è stato impostato lo schermo/caratteri  in base anche al sistema operativo usato ed al tipo del computer (Mac, assemblato ecc.).
Un  trucchetto per ingrandire i caratteri e/o diminuire e poi comunque tornare a quanto impostato qualunque computer è in grado di eseguire,  non servono programma o modifiche.
Basta tenere sulla tastiera


Ctrl + girare rotellina mouse
il tasto Ctrl - a sinistra della stessa in basso, girare la rotellina in contemporanea  in un senso o nell'altro per ingrandire o rimpicciolire

In questo modo non avrete difficoltà a leggere nessuna pagina che aprirete nel web sia la mia come la vostra o quella di qualunque altro sito.
Sono certa che molti di voi conoscono questo trucchetto ma forse qualcuno non lo sa o non si ricorda e spero di esservi stata utile.

28 commenti

  1. Sempre interessante ciò che scrivi. Mi piacerebbe un giorno incontrarti e chissà mai dire mai...per ora ti auguro un sereno Natale a te e famiglia e un felice anno nuovo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara Sabrina anche a me piacerebbe conoscerti come anche Elena ma per me spostarmi è impossibile. Dopo l'infartino di 13 anni fa maritozzo non vuole che vada in giro sola ha timore...e lui a questi incontri manco se gli proponi un odalisca viene ehehehehehe. Ma mai dire mai hai ragione. Un sereno Natale a te e Famiglia ed un felice in salute Nuovo Anno. Un abbraccio.

      Elimina
  2. Cara Edvige, stiamo quasi arrivati a Natale e ogni volta che passo da te, trovo sempre qualcosa di molto interessante.
    Ciao ti auguro un sereno e felice Natale.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie caro Tomaso è stato una casualità ma sai io sono curiosa.....
      Sereno Natale a te e Famiglia un abbraccio.

      Elimina
  3. Ciao Edvige!!! Grazie per questa curiosità svelata...
    La mia preferenza va al panettone senza canditi e mi piacerebbe provare a farlo ma non disdegno il pandoro che trovo buono ma solo e soprattutto quello di una sola azienda..., sicuramente quelli artigianali sono i migliori ma trovare un panettone di un laboratorio artigianale di Milano è difficile nelle altre regioni anche se li fanno anche altrove ma credo che dalle ricette originali si perda qualcosa ovunque! Ti saluto e se non ci fossero altri post dopo questo io ti auguro un sereno Natale!! Assunta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' stata anche per me una bella soddisfazione scoprirla molto casualmente. Si quelli artigiani sono senz'altro migliori ma bisogna conoscere l'artigiano oggi alle volte....
      Il panettone io non lo mangio troppo dolce per me ma preferisco il pandoro ma stesso discorso per cui...niente. Si ci sarà ancora due a cui tengo molto ma intanto auguri anche a te e Famiglia e ci risentiamo.

      Elimina
  4. ciao, interessante. A me il panettone piace molto. Però preferisco quello senza canditi, si all'uvetta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo ma tanto io non posso nessun tipo. Buona giornata.

      Elimina
  5. So tutto del Panettone - il mio Panettono Edvige ;-)
    Un saluto un abbraccio ed un bacione

    Buone Feste Natalizie - Sereno e Felice Natale Edvige a te e famiglia

    http://ilrifugiodeglielfi.blogspot.it/2014/12/auguri-di-buon-natale-tutti.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh io l'ho scoperto casualmente e non sono molti quelli che la sanno potresti raccontare tu la storia. Un abbraccio e Buone Feste a te e Famiglia.

      Elimina
  6. Interessante il tuo post soprattutto per una come me che ama i lievitati, anche se forse mi da più soddisfazione farli piuttosto che mangiarli, sai la soddisfazione di superare una prova del genere?
    Visto anche il tema ne approfitto per farti tanti auguri di buon Natale!
    Baci!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie è veramente un scoperta casuale ma mi è piaciuta.
      Buon Natale a te e Famiglia grazie e bacioni.

      Elimina
  7. Cara Edvige, come sempre i tuoi post sono estremamente interessanti e mai banali nè scontati, e non poteva che essere così, considerato che sei una persona con molteplici interessi:)).
    Ho letto quindi con interesse il post sul panettone ed entrambe le
    leggende circa la sua origine..anch'io preferisco la seconda, meno scontata e decisamente più originale:).
    Per quanto mi riguarda a me il panettone piace ma non da
    impazzire, sicuramente lo preferisco con uvetta e senza
    canditi..e l'ideale sarebbe riprodurlo in casa in quanto la qualità
    della materia prima utilizzata è molto superiore
    rispetto al medesimo prodotto realizzato industrialmente (si
    guarda più al risparmio utilizzando ingredienti scadenti e spesso
    non salutari che a garantire, assicurare la genuinità degli
    stessi..ma questo vale non solo per panettoni e
    pandori ma per tutti i prodotti da forno realizzati a livello
    industriale). Si potrebbe optare per il panettone artigianale,
    quindi, in teoria di qualità superiore, ma bisogna essere fortunati e trovare chi lo produce rispettando non solo la ricetta originale ma la genuinità della materia prima utilizzata....
    prima o poi mi voglio cimentare ma riinvio sempre, sebbene mi piacerebbe provarci...
    colgo l'occasione per fare i miei migliori auguri per un felice e sereno Natale a te e famiglia:))
    Un bacione:))
    Rosy
    ps: grazie mille per la nota, io sono tra quelle persone che non ricordavano il trucchetto per ingrandire o rimpicciolire i caratteri dei post..quindi..grazie mille:)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissima Rosy è veramente un piacere leggere i tuoi commenti argutamente profondi nel cogliere lo spirito del mio post. Mamma mia quanti complimenti mi fai arrossire. Io cerco sempre di mettere un pezzetto di me in qualsiasi post che scrivo e anche se il soggetto a cui mi riferisco non è forse molto interessante o popolare non do mai per sconrtato che lo sia per tutti. Il panettone sinceramente non è che ci vado matta, lo preferisco con la uvetta ma a me piace sopra tutto il pandoro con tanto zucchero a velo che purtroppo ora non mi posso permettere di mangiare. Quindi tralascio entrambi e mi accontento di un pezzetto di mandorlato e qualche biscottino speziato ricoperto di cioccolata amara che si usano in Austria e che li trovo in questo periodo dalla Lidl che è austriaca. Quest'anno mi sono fatta lo "stollen" ed il link lo troverai domani è molto dolce su ricetta di mia cognata tedesca avuta dalla sua amica di Dresda dove questo dolce è nato. Fanno anche la festa dello Stollen - gigante. Il panettone più che difficile nel contesto è la lievitazione lunga che non fa per me.
      Mi fa piacere di averti ricordato il trucchetto.
      L'avevo detto tempo fa ad una amica blogger che poi ne ha fatto un post....
      Grazie per gli auguri che contraccambio a te e Famiglia di tutto cuore ma ci sentiremo senz'altro ancora.
      Un abbraccio forte e bacione.
      Edvige

      Elimina
  8. Che vergogna! Una milanese doc come me che non sapeva di questa leggenda.
    Quando si danno per scontate le cose e non ci si chiede come e perché...
    Auguro anche a te un sereno Natale in compagnia di chi ami, Lorena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma dai....non sarai l'unica milanese a non saperlo sicuramente la mia amica ed ex collega di lavoro milanese doc per generazioni non la sapeva nemmeno lei...
      Io l'ho saputo per caso e naturalmente siccome sono curiosa vado a vedere....
      Grazie carissima Lorena tanti auguri anche a te e Famiglia passa bene e tanta salute e felicità. Edvige

      Elimina
  9. Nel caso non riuscissi a passare prima, ti auguro un sereno e caloroso Natale ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie carissima altrettanto a te e Famiglia.

      Elimina
  10. Interessante conoscere le origini del panettone! Buonissimo, anche se preferisco quello con l'uvetta! Un abbraccio e felice Natale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Conordo ma non ne mangio non posso. Buon Natale a te e Famiglia ciaooo.

      Elimina
  11. Mi ero dimenticata di questa leggenda. Mi ha fatto molto piacere rileggerla. Chiunque sia stato a inventare il panettone, lode e gloria a lui o lei ^__* Adoro il panettone, quello classico. Buona serata ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie della visita Buon Natale a te e Famiglia e peloso. Ciaooo

      Elimina
  12. Un post molto interessante, è sempre un piacere leggerti!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie io da te ingrasso.....Buona Natale a te e Famiglia,.

      Elimina
  13. Ma va???? Questa proprio non la sapevo.... non sono una divoratrice di panettoni né di pandoro, ma conoscerne l'origine è sempre interessante.
    Un baseto :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io proprio non li guardo non posso quindi.... Buon Natale a te e Famiglia

      Elimina
  14. che bontà!!! quello genovese lo hai mai mangiato??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, purtroppo una lacuna :((
      Buon Natale a te e Famiglia.

      Elimina

Memento SolonicodiEdvigeDesign byIole