Un tramonto sul lago Woerther a Klagenfurt (Carinzia)

Un tramonto sul lago Woerther a Klagenfurt (Carinzia)
Foto personale - Giugno 2017

Dove trovarmi

domenica 3 aprile 2016

Intermezzo domenicale !!! .. la "Pudicizia" e la "Tuccia Velata" due sculture nascoste e "velate"

Il post dell'altra domenica il Cristo velato  ci ha portati a conoscere o ricordare questo capolavoro presente nella Cappella Sansevero considerata oggi uno dei musei più importanti di Napoli.
Vi avevo anticipato che sono presenti nella Cappella Sansevero altre sculture che pur essendo fatti da altri scultori ripropongono il favoloso lavoro "della velatura" espressa con il marmo di rara bellezza e trasperenza.



(clic per vedere grande)

Quest'immagine tratta da Wiki rappresenta l'insieme, il primo colpo d'occhio della Cappella Sansevero di Napoli. Già vedere quet'immagine si può immaginare tutte le altre meraviglie che si trovano all'interno.

L'altra scultura che fa parte di un trittico ma di scultori diversi è la "Pudicizia Velata" che come la scultura del "Cristo Velato" anche questa ripropone "la velatura" che lascia intravedere in trasparenza "marnorea" le fattezze femminili di questa dama.

(clic per vedere grande)

L'immagine tratta da Wiki è opera dello scultore  Antonio Corradini  nato a Venezia e morto a Napoli nel 1752 e mi permetto di consigliarvi di leggere la sua biografia molto interessante.
A questo LINK    è raccontato esattamente come è nata questa statua, da chi fu commissionata e vi posso anticipare per solleticare la vostra curiosità che fu dedicata a Cecilia Gaetani d'Aragona madre di Raimondo di Sangro (un Sansevero) morta giovanissima all'età di 20 anni.

Però le scoperte non sono finite, lo sculture era anche noto per le sue "donne velate" perchè esiste una scultura di donna la "Tuccia Velata" che so trova invece al Palazzo Barberini a Roma.
L'immagine qui sotto di questa opera è tratta da Wiki e come biografia lo trovate sul link diretto al nome dello scultore.

 
(clic per vedere grande)

Con queste due sculture la "Pudicizia Velata" alla Cappella Sansevero di Napoli e la "Tuccia Velata" al Palazzo Barberini di Roma concludo il lavoro dello sculturo Antonio Corradini.
Anche qui le informazioni trovate sono andate ben oltre a quello che volevo codividere rimanendo al Museo Cappella di Sansevero di Napoli e quindi ci risentiamo per il terzo capolavoro presente nel museo di Napoli che chiude il più famoso trittico di sculture "velate".

Mi auguro di aver solleticato la vostra curiosità pur rendendomi conto che forse come intermezzo domenicale non è uno dei più leggeri ma, quando ho chiesto cosa avreste voluto leggere, mi è stato suggerito di far coscere le bellezze che sono presenti in Italia e che forse pochi conoscono.

Buona domenica alla prossima.


NOTE Affluenti

  • Lo scultore ANTONIO CORRADINI ha realizzato altri tre lavori, prima della "Pudicizia Velata",  molto importanti sempre per la chiesa napoletana di "S.Maria della Pietà", o "Pietatella", meglio nota come Cappella Sansevero, oggi considerata uno dei più importanti musei napoletani realizzando:
  
  1. Monumento a Giovan Francesco de'Sangro
  2. Il Decoro
  3. Monumento a Paolo de' Sangro

    • Ho messo il link del post referentesi al "Cristo Velato" in apertura ma ho pensato di rimetterlo anche   QUI  

    Stampa il post

    18 commenti:

    1. Buona domenica cara Edvige, un abbraccio grande!!!

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Grazie carissima un abbraccio anche a te buona domenica :k

        Elimina
    2. CHE BELLE SCULTURE CARA, GRAZIE PER AVERCELE RICORDATE!!!BUONA DOMENICA!!!BACI SABRY

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Sono contenta di avertele ricordare beata te che le avrai viste ma molti come la sottoscritta pur essendo stata a Napoli più volte non ne sapevo l'esistenza. Meglio tardi che mai :) Buona domenica

        Elimina
    3. Risposte
      1. Linda eravamo in due perchè anh'io non sapevo nulla nonostante che sia stata più volte a Napoli e mio suocero era napoletano doc. Di solito ed è un peccato si guarda la città poi i musei ed il resto....
        Spero che molte persone leggano di questa meraviglia io credo che nemmeno i napoletani tutti la conoscano.
        Buona domenica.

        Elimina
    4. Mi sono innamorata di queste sculture velate .
      Incredibilmente belle . Grazie di avercele fatte vedere e conoscere . Anch'io sono stata a Napoli ,
      ma le persone che mi ospitavano non hanno detto
      di queste sculture......Buona settimana , a presto .

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Io credo che pochi sao i napoletan che la conosco di solito e cose di casa nostra passano cosi....a Trieste che una grotta la Grotta Gigante una delle meraviglie nel mondo ed io non l'ho mai vista ed ora men che meno ci sono mi sembra oltre 600 scalini ( ciaoo buona domenica.

        Elimina
    5. Carissima Edvige sono rimasta veramente colpita da entrambe le sculture, a me sconosciute. Alcune impressioni che ho avuto sono state confermate dal link da te
      segnalato..innanzitutto il contrasto, per
      quanto riguarda la Pudicizia, tra la sacralità del luogo in cui si trova (una cappella sepolcrale) e le nudità appena velate
      della statua (ogni particolare corporeo viene evidenziato e non occultato dal velo marmoreo che genera come scritto, 'un effetto ottico di
      umidità', tanto (a mio giudizio) è attaccato al corpo, quasi come una seconda pelle!). Per quanto riguarda poi il significato della
      statua diversi elementi presenti in essa si prestano ad un'interpretazione di tipo esoterico (esempio, lo stesso velo è
      considerato un'allusione alla sapienza velata, e la stessa quercia, raffigurata,simbolo della conoscenza del bene e del male mentre qualcuno
      ha interpretato la cinta di rose che parte dalla mano, attraversa il grembo fino ad arrivare all'altro braccio come simbolo della
      Rosa Mistica..). Ma esiste anche un'interpretazione cristiana, che vede in questa chiave gli elementi presenti nella
      statua (la quercia, i boccioli di rose,il turibolo, il bassorilievo, la lapide spezzata e il velo come simboli della vita e della
      resurrezione)pare che , considerata anche la collocazione della statua (nel tempietto del Cristo Velato), tale interpretazione abbia
      molto credito:).
      Splendida anche la Tuccia Velata, dello stesso autore:)
      Grazie mille per il post cara Edvige, come sempre interessantissimo come tutti quelli che pubblichi: sempre utili e mai banali nè
      scontati:))
      un bacione e buona domenica:))
      Rosy

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Grazie mia cara Rosy, c'è stato qualcuno non qui ma su FB che adirittura ha detto che parlare di questa cappella e come bestemmiare...:( poi in separata sede a detto che scerzava però ufficialmente chi legge cosa può pensare... la gente scrive senza nemmeno sapere quello che sta scrivendo ed io ho cancellato da FB le poche righe ce porteebbero qui. Gia FB che sono da 10 anni mi aveva iscritta nipote per gioco, viaggiano polemiche veramente pazzesche.Essendo dietro un anonimato ma nemmeno tanto ora,parlano anche di cose personalissime e di beghe familari io mi vergognerei. Cosi ho eliminato su Fb no ho nessuna voglia di discussioni scritte sono sterili.
        Grazie cara prossima domenica metto la terza statua il Disinganno. Bacioni.

        Elimina
      2. Cara Edvige penso che chi scrive certe cose lo fa per ignoranza causata da un rifiuto,da una chiusura,da un totale disinteresse a documentarsi,a interrogarsi sul reale significato di qualcosa,ad andare oltre le immediate apparenze!Hai fatto bene a cancellare quelle righe....e concordo in pieno con quanto scrivi:con la scusa dell'anonimato si arrivano a scrivere delle assurdità incredibili o problemi talmente personali che anch'io,essendo comunque riservata,mi vergognerei a spifferare ai quattro venti:(
        Tanti bacioni anche a te,non vedo l'ora di vedere la statua del Disinganno e leggere il relativo post:))

        Elimina
    6. Ciao Edwige,nonostante la distanza,vivo a Trieste,visito almeno una volta all'anno Napoli,una citta meravigliosa dove ho diversi amici e una visita al "Cristo velato non manca mai.
      Ciao,fulvio

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Si Napoli è bella ma ognuno delle città grandi in Italia hanno la loro bellezza. Ormai parenti ed amici tutti dipartiti :(
        Ciaooo

        Elimina
    7. Ma che meraviglia quelle statue! Quando mi capita di vedere il marmo così lavorato resto incantata a guardarlo. sai che le ho viste dal vivo le gallinelle di mare? Sono degli uccelli belli e molto eleganti. Un bacione e buona settimana

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Si è bellissimo quello che sono riusciti ad esprimere. Le gallinelle stupende. Grazie cara della visita e buona settimana bacioni

        Elimina
    8. La cappella di San Severo è' uno dei luoghi più belli da vedere. Merita di essere vista, come tutta la città di Napoli.

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Conosco abbastanza Napoli diciamo la parte centrale ma questo San Savero non conoscevo l'esistenza purtroppo :(
        Ritengo tu l'abbia vista.
        Grazie della visita e buona serata.

        Elimina
    9. Grazie per averle condivise, non conoscevo queste opere d'arte meravigliose! Buona giornata!

      RispondiElimina