Un tramonto sul lago Woerther a Klagenfurt (Carinzia)

Un tramonto sul lago Woerther a Klagenfurt (Carinzia)
Foto personale - Giugno 2017

Dove trovarmi

domenica 30 aprile 2017

Intermezzo Domenicale !!!...... Stormi di "Storni" ... quasi un scioglilingua in vari cieli ... vediamo a Roma

Ho visto l'ultima puntata del documentario bellissimo della BBC andatoin onda in prima tv su Retequattro dal 23 marzo in tre prime serate : «Planet Earth II». 
Di documentari se ne sono visti tantissimi, anni fa erano proprio una moda ma questo mi ha colpito di come animali selvaggi e anche pericolosi si sono adattati a vivere bel tessuto urbano specialmente nei paesi come l'India, Marocco e Cina.  Scimmie - non so dirvi il nome della razza - ma molto grandi e numerose che vivon in questo tessuto cittadino cinese e sono quasi venerate e tutti portano da mangiare. Loro sanno che devo andare in questo splendido giardino con un tempio dove i cittadini si recano e portano loro un sacco di cose buone: inutile dire che si sono moltiplicate in modo esponenziale.
In un altro paese indiano nel tessuto cittadino ci sono i ghepardi che vanno a caccia alla notte in particolare alla ricerca di maiali che in quel contesto sono allevati in gran numero ma girano anche la cittadine. Ovviamente le prede sono i piccoli che riescono eludendo le mamme - enormi, a catturare catturare con velocità.
In Marocco invece in questa cittadina vengono a mangiare le iene maculate. E' tradizione che tutti i macellai conservano le ossa degli animali per darli alle iene in quanto è l'unico animale che riesce a frantumare qualsiasi osso grande o piccolo che sia. Mi ha molto colpita un anziano marocchino che per tradizione di famiglia da generazioni nutre nella notte con carne buona queste iene che passano da lui senza fare danni o aggredire: mangiano e poi se ne vanno e lui stesso che le chiama ed attende.
Sapete che a New York esiste il più grande numero di "falchi pellegrini"... solo perchè i grattacieli cosi alti forniscono a loro una botta di aria calda che loro sfruttano per volare in alto senza muovere le ali e, ogni grattacielo ha talmente una quantità enorme di amfratti, buchi, ecc, che permetto loro facilmente di nidificare e spiccare il volo.
Però hanno mostrato anche gli animali che vivono nel nostro contesto urbano italiano e che si sono adattati alle città come i gabbiani, i colombi, ma sopratutto mi ha colpito lo " storno " che sopra tutto a Roma alla sera quando rientrano lasciano cadere tonnellate di guano che coprono macchi, edifici, ecc. e bisogna chi sta da quelle parti alla sera girare con l'ombrello.
Ed io vi voglio parlare di questi "storni".


Lo storno comune nome latino "Sturnus vulgaris" è un uccello passeriforme appartenente alla famiglia Sturnidae ed è originario dell'Eurasia (Europa-Asia unite) ma introdotto in tutti i continente tranne l'America Meridionale e l'Antardide.
E lungo circa 20-23 cm con un apertura alare di circa 35-40 cm e pesa circa 70-90 g.
In estate il pimaggio è nero lucente con riflessi mettalici violacei e verdi con punte delle pime bianche. In inverno il nero diventa meno brillante ed i riflessi si attenuano ma le punte bianche diventano ancora più evidenti.
 Becco aguzzo, in estate giallognolo e bruno in inverno mentre le zampe sono rossastre e la coda è corta. L'unica differenza tra maschi e femmine è una macchia sulla base del becco che è azzurra nei maschi e rossarstra nelle femmine.


 Uova di un nido di storno

Voi penserete ma cosa hanno d'importante e cosi particolare questi storni???

E' un uccello gregario e si riunisce appunto in stormi che possono  contare diverse centinaia che appunto dopo aver trascorso l'intera giornata nei campi o parchi alla ricerca di cibo, alla sera i gruppi si dirigono verso i dormitori costituiti da canneti o gruppi di alberi dove, prima di trascorrere la notta si contendono chiassosamete le postazioni migliori. Vengono talvlta attaccati dai falchi pellegrini ma disorientano il predatore con evoluzioni di gruppo che ricordano curiosamente le strategie difensive dei banchi di pesci. 
Non è molto salutare sopra tutto per la grande quantità di feci che lascia in particolare dove dorme la notte perchè portatore di alcune malattie micetiche, ecc.

Ora vi metto alcuni filmati tratti da  You Tube e uno di questi è stato anche trasmesso in questo documentario. 











Vi lascio i link diretti al video You Tube il perchè non so i video messi con tanto di codice sparisce :( :(
Tutte le info. ed immagini trat da Wiki link diretto nel post.
Spero che troviate l'articolo interessante e mi spiace per i miei amici romani se hanno a che fare con il problema "guano". 

Vi auguro una buona domenica.

NOTA Affluente
Di video con queste magnifiche evoluzione ci sono parechie su You Tube e anzi vi consiglio di andarlo a vedere direttamente sulla pagine ufficiale perchè si vedrà meglio che qui che ho dovuto rimpicciolire un pò per problemi di pixel.



Stampa il post

15 commenti:

  1. Cara Edvige, nei cieli è il periodo che si vedono questi stormi di uccelli che che vengono dal sud e ritornano qui in primavera.
    Ciao e buona domenica con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì ma questi storni rimangono anche fissi dipende dalla temperatura se mite della città. Buona domenica e promo maggio un sorrisone 😆

      Elimina
  2. Anche qui da noi ci sono sempre storni di storni ogni anno - ma quest'anno se ne sono già andati ...........
    Un saluto grande Edvige buona domenica e migliore nuova settimana in arrivo. Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A Trieste non ci sono forse perché fa sempre troppo freddo per loro ed il caldo dura poco. Un abbraccio e buon nuova settimana.

      Elimina
  3. E' uno spettacolo vedere questi stormi di storni. Qui da me non li ho ancora visti, forse perchè le giornate sono ancora freddine! Buona domenica, baci!

    RispondiElimina
  4. Carissima Edvige complimenti per il post come sempre estremamente interessante!Ignoravo le informazioni relative alla presenza di animali selvatici come scimmie,ghepardi e iene maculate nel tessuto urbano di Paesi come India,Cina e Marocco,trattati benissimo..in India addirittura un certo tipo di scimmia viene quasi venerato.... queste si recano in un bellissimo giardino con un tempio dove le persone portano loro da mangiare!Interessante anche l'usanza presente in questa cittadina marocchina dove i macellai conservano le ossa per darle da mangiare alle iene maculate che evidentemente sono presenti in un certo numero!Anche a me ha colpito la storia dell'anziano marocchino che da generazioni,per tradizione di famiglia nutre con carne buona le iene che si recano da lui senza fare danni o aggredire...addirittura lui stesso le chiama e attende!
    Interessantissime inoltre le storie dei falchi pellegrini presenti nei grattacieli di New York e degli storni di Roma..a parte il fastidio dei 'ricordini'che lasciano in quantità essendo un numero così grande,disagio per i cittadini che se ne trovano imbrattate le auto(ho visto l'immagine nel video)ma non solo quelle(a parte i problemi relativi alle malattie micetiche di cui sono portatrici le feci)si corre il rischio,data la presenza massiccia,di vedersi sporcati in prima persona!Mi ha colpito inoltre la nube fitta che si allarga e restringe,visibile nei cieli romani,data da questi volatili il cui colore del piumaggio muta a secondo della stagione...talvolta raggiunge una concentrazione così fitta da fare davvero impressione!!
    Grazie mille per l'articolo carissima,un bacione e buon 1 Maggio e inizio settimana anche a te:)).
    Rosy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Rosy sei una personaolio attenta sono contenta che hai trovato tutto interessante grazie ancora. Buona giornata ed inizio settimana. Ciao

      Elimina
  5. Niente qui non ne ho visti, peccato.
    Mi consolo col tuo post,bellissimo intermezzo, Buona domenica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qui qualche volta si vedono ma abbia più gabbiani e corvi stanziali sopra tutto dove abito. Buona giornata 😚

      Elimina
  6. Davvero interessante...anche io m'incantoa guardare gli stormi quando capita...qui si vedono anche i fenicotteri rosa, ma stanno negli stagni...in città abbiamo spratutto gabbiani...di dimensioni inquietanti...
    Un abbraccio e buon primo maggio!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I fenicotteri no ma i gabbiani si è tanti sono anche nei giardini fanno i colombi ed essendo un.uccello rapace dove so va al mare ti osservano e ti portano via dalla mano il panino facendoti male. Buona giornata 😚

      Elimina
  7. Ciao Edvige, molto interessante il tuo post...qualche giorno fa ho trovato una tortora ferita e con mio figlio siamo riusciti a portarla ad un centro del wwf dove curano e salvano i volatili...poverina, avrebbe fatto di sicuro una brutta fine!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono molto belle le tortore, da noi le trovi lungomare ma non molte cosa vuoi ormai i gabbiani e cornacchie fanno da padroni e anche i colombi sono diminuiti mentre i gabbiamo che sono rapaci diventano sempre più pericolosi ti rubano anche il panino dalle mani ma ti prendono anche le dita... Buona serata

      Elimina
  8. ciao anche qui da me ce ne sono tanti! grazie per le info, buon 1 maggio!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao a Trieste ci sono pochissimi. Buona serata e proseguimento di settimana.

      Elimina