Un tramonto sul lago Woerther a Klagenfurt (Carinzia)

Un tramonto sul lago Woerther a Klagenfurt (Carinzia)
Foto personale - Giugno 2017

Dove trovarmi

martedì 25 gennaio 2011

Il RISO

Il riso ovvero Oriza sativa  è una graminacea che appartiene al gruppo dei cereali ovvero piante che producono chicchi o semi adatti all'alimentazione. E' di origine asiatica ed i cinesi la coltivavano a scopo alimentare già nel VI millennio a.C., così come testimoniato da diversi siti del neolitico e nella parte orientale della Cina stessa. Si diffuse poi in Mesopotamia, Persia, Egitto ed infine in Europa.
Assieme alla Oriza glaberrima dal pericarpo pigmentato rosso che si coltiva in Africa, sono le due piante dalla quale si produce il riso. La Oriza sativa viene coltivata su circa il 95% della superficie mondiale. E' alla base dell'alimentazione di moltissime popolazioni e rappresemta un cibo importante in quasi tutte le cucine mondiali.

Come detto, la Cina coltivava il riso da millenni con tecniche che si sono evolute nel tempo. Diversi passaggi però ancora oggi vengono effettuati manualmente.

I cinesi sono anche maestri nel trarre dal riso diversi prodotti quali:

- l''acqua di cottura nell'epoca Ming era utilizzata come malta e come rinforzante per le mura.
- dalle foglie macinate si otteneva la cosidetta carta di riso che poi tinta era utilizzata in vari modi.
- i baccelli sono utilizzati come fertilizzante oppure materiale d'imballaggio o cibo per gli animali.
- dalla farina di riso si ottengono gli spaghetti molto presenti nella tradizione culinaria cinese
- dal riso si ottiene anche l'aceto ed il vino.

Famose sono le coltivazioni terrazzate.
Viene coltivato oltre che in Cina (maggior produttore), anche in India, Indonesia e altri della stessa area con quantità inferiori.
Anche l'Italia ha coltivazioni importanti ed è il principale produttore europeo ed il ventisettesimo a livello mondiale. La coltivazione è concentrata principalmente nelle regioni Piemonte e Lombardia, nel triangolo  Vercelli, Novara, Pavia ed in Veneto nella Bassa Veronese oltre che in Sardegna nella valle del Tirso.

Dal web e wikipedia traggo queste  foto


Oriza sativa

Oriza sativa

Oriza glaberrima (rossa)

Ci sono moltissime varietà a secondo di dove avviene la coltivazione soprattutto del riso diciamo bianco come pure in Italia ne abbiamo di tipi diversi quali il vialone nano, arborio, carnaroli giusto per citarne qualcuno.
Come sempre le mie informazioni le ho tratte da Wikipedia e da altre varie letture sull'argomento.

Il riso a me piace tantissimo, più della pasta e nonostante sia facile da usare nell'ambito della cucina e si presta a mille preparazioni ed per i suoi apporti nutrizionali non ultimo la facile digestione,  è ancora poco utilizzato.

Visto che il maggior produttore mondiale è la Cina, il loro famoso "Riso alla Cantonese" è forse la ricetta più conosciuta e riproposta anche dalla grande distribuzione.

Vi passo la ricetta che dovrebbe essere quasi l'originale avuta da un amico viaggiatore.



(foto da immagini di Google)

Riso alla Cantonese

Ingredienti per 4 persone
- 250 gr di riso basmati (non assorbe molto ma potete usare anche riso di produzione italiana) 
- 1 cipolla media finemente tritata
- 6 cucchiai di olio di semi (arachidi di preferenza)
- 250 gr. di piselli (surgelati o anche in scatola)
- 60 gr di gamberetti (facoltativi)
- 1 cucchiaio di salsa di soia
- sale q.b.
- 3 uova

In un recipienta graduato mettete il riso e misurate la stessa quantità d'acqua e versate il tutto in una pentola. Fate cuocere il riso a fiamma molto bassa fino a che l'acqua non sarà completamente assorbita dopodichè spegnete il fuoco, coprite e lasciate riposare per mezz'ora.
Mettete nel frattempo l'olio in una padella (il famoso WOK sarebbe l'ideale), fate saltare la cipolla, i piselli (cotti se erano surgelati freschi), i gamberetti se scelti, la salsa di soja e poco sale.
Sbattete le uova, salatale e strappazzatele ed in un tegame con un pò d'olio fatele cuocere e dopo in un piatto spezzettatele se sono rimasti pezzi grossi.
Incorporate alle uova quanto prima preparato (cipolla, piselli.ecc.) aggiungete il riso e mescolate il tutto in modo che comunque il composto rimanga diviso senza formare dei grumi compatti.

PS.
La versione più conosciuta prevede l'uso del prosciutto cotto a quadretti, ma viene anche utilizzato la polpa di granchio. Nella grande distribuzione nel settore Alimenti etnici confezionati freschi, il riso alla cantonese è sempre e soltanto con il prosciutto cotto.


Buon appetito.
Stampa il post

Nessun commento:

Posta un commento