Dal gruppo FB "Dragon Life"

Dal gruppo FB "Dragon Life"
Gruppo creato da " Il Rifugio degli Elfi " link su immagine - FB https://www.facebook.com/groups/1481388275215394/

Dove trovarmi

domenica 6 marzo 2016

Intermezzo domenicale !!! ....Prodotti del passato "Coca'Cola" in Italia dal 1927

Tutti conoscono la Coca'Cola, bibita analcolica, che deve il suo colore scuro al caramello. Inoltre il suo nome è dovuto al fatto che nella sua ricetta (segreta) sono impiegati tra le altre sostanze estratti provenienti dalle noci di "cola" e dalle foglie della pianta di "coca" debitamente privata delle sue sostanze alcaloidi-psicotrope (stupefacente).
La ricetta originale sembra sia rimasta segreta anche se a mio parere di segreto potrebbero essere soltanto le proporzioni dei vari ingredienti che la compongono vale a dire: acqua, zucchero, anidride carbonica, acido ortofosforico, caramello, caffeina, semi di cola, foglie di coca decocainizzate.

Oggi nel ventesimo secolo, la Coca'Cola o Coke, viene prodotta,  per avvicinarsi alla richiesta di mercato direi ....mondiale..., senza caffeina, senza zucchero ma con dolcificante e completamente priva di qualsiasi zucchero (sembra).
Tanti ne sono come si dice..."coca cola dipendenti"..., i bambini l'abbinano al gusto americano del panino con la polpetta di carne tritata - hamburger, patatine e.....COCA'COLA.

Come detto, tutti la conoscono ma penso che molti non ricordino chi l'ha inventata e dove.

Il signor John Stith Pemberton nel lontano 8 maggio del 1886, statunitense ad Atlanta e di professione farmacista (studiò medicina e chirurgia), creò questa bevanda come rimedio contro il mal di testa.
La bevanda venne chiamata "Pemberton's French Wine Coca".
Si trattava di una variazione del così chiamato "vino di coca" (o Vin Mariani) prodotto miscelando il vino alle foglie di coca (non credo siano state decocainizzate a quei tempi) creato dal farmacista còrso Angelo Mariani e largo fu il successo in Europa.

Nella ricetta di Pemberton l'alcol venne sostituito con un estratto delle noci di cola, una pianta tropicale reputata non dannosa per la salute. Con la combinazione dei due ingredienti principali, la coca e la cola, la bibita acquisì il nome Coca'Cola.
Dalla pianta della coca si estrae la cocaina e per questo motivo fu bandita ma, la cola (in noci) continuò a essere utilizzata come fonte di caffeina.
Pemberton nonostante questa scoperta accumulò forti debiti e decise di vendere i diritti per appena 550 dollari ad Asa Candler, un uomo d'affari che intuì subito il potenziale (di guadagno) della bevanda e compreso anche l'importanza sul tipo di pubblicità per diffonderla e sbaragliare la concorrenza.
Diventando The Coca Cola Company incluse nella sua lista varie altre bevande gassate come la Fanta, Sprite, ecc.
John Stith Pemberton nacque a Knoxville (Georgia), 8 luglio 1831 e vi morì nel 16 agosto 1888.
 
Altre interessanti informazioni sia sull'evoluzione dell'impresa industriale della Coca Cola anche la storia del suo inventore li trovate a questi link  John Stith Pemberton  e   Coca-Cola 

La storia è stata tratta da Wikipedia come anche le seguenti foto


Manifesto pubblicitario fine 800


il prototipo della futura bottiglia

Negozio World of Coca'Cola a Las Vegas

Dimenticavo, che la Coca'Cola venne importata in Italia solo nel 1927. Nel 1960 comparve la prima Coca-Cola in lattina, mentre nel 1980 anche quella in bottiglia PET.
Inoltre, il celebre logo della Coca-Cola, il più noto al mondo, fu creato con scarsa attenzione nel 1886 dal contabile dell'azienda, Frank Mason Robinson.
Ad ogni modo se andate a guardare sulla pagina segnalata troverete un sacco d'informazioni sulla creazione della bottiglia e su quali basi gli autori l'hanno poi disegnata.

E adesso..... vado a bermi la Coca'Cola senza caffeina altrimenti questa notte non dormo....
Buona domenica.


NOTE Affluenti 

  • Questo articolo a mio avviso interessante l'avevo condiviso nel 2010 all'inizio della mia "carriera" di blogger :D ed ho pensato di riproporlo perchè mi sembra interessante parlare di qualcosa che è sempre presente nelle nostre case. Certo ora abbiamo la Light, Nera senza zucchero, quella senza caffeina ma la classica rimane sempre unica per me.  Questo vassoio che vedete è mio (foto mia) mi  era stato regalato dalla Coca'Cola un Natale ma non ricordo di quale anno,  ne ho parecchi con vari sfondi e colori ma sempre Babbo Natale in primo piano.



Stampa il post

23 commenti:

  1. Cara Edvige, possiamo dire, viva la coca cola!
    Ciao e buona domenica cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Certo che non si può fare a meno della coca cola, pensare che è nata come rimedio per il mal di testa 😊
    Bellissimo post, estremamente interessante, hai fatto bene a riproporlo 😊
    Grazie per l'intermezzo, buona domenica, a presto ....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara amica e anche di essere passata da me. Un abbraccio buona domenica :D :D

      Elimina
  3. Ciao Edvige, quella della Coca Cola è una storia che affascina sempre, a distanza di più di un secolo resta uno dei prodotti che è più commercializzato di qualsiasi altra cosa, sarà pur libero di qualsiasi sostanza stupefacente ma è sicuramente un prodotto che dà assuefazione comunque visto la sua longevità ;)
    !! Buona domenica e alla prossima, Assunta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si hai ragione ;) ma è tanto buona...... Grazie della visita cara e buona domenica.

      Elimina
  4. Solo per un saluto veloce mia carissima e attivissima amica :-) Buona domenica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buona domenica anche a te bacione :k

      Elimina
  5. EVVIVA LA COCA COLA!!!!CHE INTERESSANTE QUESTO POST!!!BACI SABRY

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te cara buona domenica. baci

      Elimina
  6. Bellissimo post Edvige, la Cocacola resta la bevanda più amata del mondo! Un bacione a presto

    RispondiElimina
  7. Veramente interessante questo post , leggo tante cose ke non sapevo . A me piaceva la coca cola , ma poi
    mi sono accorta che mi bruciava lo stomaco e ho
    smesso di berla...A quanto pare , l'inventore non
    si arricchì , ma a fare i soldi fu Candler .
    Ora vado a leggermi il link ke hai messo . Bacio .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma se metti una bistecca immersa nella cocacola la carne si disfa :D :D ciaooo

      Elimina
    2. Sì , ma anche il mio stomaco.....

      Elimina
  8. non sono una gran consumatrice della coca cola, non mi è mai piaciuta tanto. c'è da dire che la sua storia però è davvero affascinante, tante cose non le sapevo proprio! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nemmeno io sono una grande consumatrice mai stata anzi adirittura la allungavo con l'acqua. Ora ogni tanto ma la nera. Buona serata e buon inizio settimana. :k

      Elimina
  9. ogni tanto mi viene il desiderio e me la compro...come si dice,so che mi faccio del male ma lo faccio ben volentieri :D
    grazie per questo bel articolo ricondiviso ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Faccio la stessa cosa solo che mi accontento della Zero lo zucchero proibito... ciaooo buona settimana.

      Elimina
  10. Cara Edvige a dire il vero a casa mia la coca cola non veniva consumata in quanto i miei non l'amavano particolarmente..uniche occasioni in cui, da bambina, la bevevo, erano le feste di
    compleanno , sia degli altri che le mie...a
    casa di mio marito al contrario la consumano molto e anche lui è stato abituato alla sua costante presenza. Per quanto mi riguarda io
    non sono una grande consumatrice ma devo
    confessare che quando mangio la pizza (sia in
    pizzeria che fatta da me) accompagno con la
    coca cola in quanto riesco a digerirla meglio..ma si tratta dell'unica occasione in
    cui la consumo, normalmente no. Veramente
    interessantissime tutte le informazioni relative sia all'inventore bevanda che alla
    stessa,si tratta di notizie che ignoravo....il fatto che in origine contenesse
    le foglie di coca fatte macerare nel vino
    sicuramente creava effetti tali che si è deciso di bandirla e di utilizzare solo la
    cola inoltre la bibita venne resa in aggiunta
    anche analcolica..mi piacciono tantissimo le immagini vintage pubblicitarie e non posso
    dimenticare lo spot che da bambina mi incantava e affascinava tantissimo: dei ragazzi hippy che cantavano una canzone
    natalizia dove veniva nominata la coca cola, ognuno con una candela in mano..disposti in modo che dall'alto si vedeva la forma
    dell'albero di Natale con le lucine accese..spot famosissimo e indimenticabile..
    un bacione e buon inizio settimana:))
    Rosy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma diciamo che la CocaCola è entrata in tutte le case quando è arrivata in Italia. Poi ci sono le scelte personali, le opportunità come la tua ecc. Grazie della visita e buona settimana.

      Elimina
  11. Ciao
    anch'io ho dei vassoi in casa della Coca Cola.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Belli verò e anche utilizzabili :) buona giornata

      Elimina