Dicono che si chiami Franz Josef penso la cordata...manco a pagamento ci andrei !!

Dicono che si chiami Franz Josef penso la cordata...manco a pagamento ci andrei !!
Immagine sempre con il programma automatico di Picturethrill

Benvenuti Amici e Grazie di seguirmi

giovedì 23 aprile 2015

Maccheroni freschi con ragù di salmone e creme fraiche (simile panna acida)

Come gia saprete non sono un amante della pasta ma piuttosto una risottara. 
Ovviamente non  la disdegno e quindi anche per accontentare il mio maritozzo pastaiolo al contrario di me, invento qualcosa...certo mi deve arrivare la voglia di cucina perchè per me cucinare significa fare qualcosa di particolare, originale di ricerca e non la cucina di tutti i giorni.

Mi trovavo in casa una confezione di pasta fresca "maccheroni" ed ho deciso di condirla con un sughetto fatto con salmone e creme fraiche non francese ma austriaca....(di solito la faccio personalmente mi piace moltissimo).

Ingredienti per 2 persone (ma anche per 3)
200 g di maccheroni freschi (pasta)
1 confezione di 200 g di ritagli di salmone affumicato
1 confezione (barattolino) di creme fraiche alias panna acida 
50 g di burro (io uso soltanto la margarina mista con un pò di burro per il sapore)
1 spicchio d'aglio o mezzo cucchino di quello in polvere
1 piccola cipolla o 2 scalogni piccoli (io uso lo scalogno)
2 cucchiai di latte
1 punta di curry (giusto ma dare un incisività di sapore e colore)
sale poco  - pepe se piace


 
 la panna acida usata ed i miei maccheroni non è pubblicità uso quello che trovo se giudico buono



Procedimento
In una capiente padella io uso come vedete il wok, mettete un piccolo pezzetto di burro e aggiungete subito i ritagli di salmone che nel caso vi sembrano troppo grandi sono da sminuzzare a punta di coltello.
Aggiungete l'aglio se non  vi piace lasciatelo intero per toglierlo poi e la cipolla o scalogno sottilmente affettata. Fate rosolora ben bene senza che si abbrustolisca circa 10 minuti e poi aggiungete la panna acida e lasciate amalgamare a fuoco bassissimo.



Nel frattempo avrete messo l'acqua per i maccheroni, questi cuociono in 5/6 minuti. Io ho lasciato 4 perche poi c'è il passaggio in  padella.




Scolate e passatele subito in padella a mantecare assieme al sughetto. Impiattate, una grattatina di pepe se vi piace e in tavola.
Mi spiace ma mentre passavo dalla cucina al tavolo non sono riuscita a fare la foto finale grrrrr :( :(  mentre andavo a prendere la macchina, avevano già iniziato a mangiare :)

Buon appetito e buona giornata.

NOTA
Se non trovate i ritagli,  nella grande distribuzione il salmone affumicato è sempre presente. 
Ad ogni modo potete ovviare se lo preferite con il salmone fresco o un trancio/cuore di salmone surgelato già pronto solo da cuocere. Certo, non avrà lo stesso sapore dell'affumicato ma potete ovviare aggiungendo se vi piace una grattatina di bottarga (tonno) o quella già grattugiata in vasetto che è salata e da un certo sapore in più. Si trova anche salmone affumicato in scatolette tipo sardine sempre per dare un tocco di sapore sull'affumicato.

Stampa il post

martedì 21 aprile 2015

Prosciutto cotto alias "Prosciutto cotto di Praga" con l'osso, tagliato a mano (solo a Trieste )

 

Prosciutto di Praga
da non confondere con il classico prosciutto cotto che si trova in vendita di varie marche: Gran Biscotto, Citterio, ecc. Questo è originario del Friuli Venezia Giulia quando ancora faceva parte dell'Impero Asburgico (da qui il nome di Praga), e nasce dall'arrostitura della coscia di maiale appesa alla cappa del focolare nelle cucine contadine. La coscia (con l'osso) prende il classico sapore dell'arrostito oltre ad un gradevole sentore di fumo che è la sua caratteristica principale.
Ora, in particolare a Trieste, la coscia viene cotta in una crosta di pane in forno mantenendo cosi tutti gli umori e sapore della coscia stessa previa marinatura con aromi, una leccornia per i cittadini triestini in quanto la trovano sempre di giornata ed è senza conservanti. Una fetta calda con senape e/o radice di rafano grattuggiata (kren) è uno spuntino classico con un bicchiere di vino o di birra in estate bella gelata.
Infatti, il maggior produttore locale Masé lo serve quasi ogni giorno nei suoi punti vendita e l'acquirente chiede sempre "la ga cotto caldo ....".ovvero tiene cotto caldo oggi....

Purtroppo il cotto di Praga che da generazioni porta il marchio della famiglia Masè per un insieme di circostanze ha dovuto cedere l'attività (da poco) ed è subentrato l'imprenditore Duckcevich che è anche famoso nella regione per i suoi salumi ma principalmente per il prosciutto crudo di San Daniele.
Ho trovato un filmato sull'azienda quando era ancora  di proprietà della famiglia Masè che in questo video, presentato proprio dall'ultimo erede della famiglia,  specifica tutti i passaggi della coscia di maiale a come diventa "cotto Praga".



Oggi i punti vendita in città come lo stabilimento,  pur mantenendo il nome sono ora di proprietà del marchio Duckcevich ed ho trovato anche un filmato recentissimo del 23 febbraio 2015 alla trasmissione di "Linea Verde" che ha presenta il prosciutto di Trieste - cotto Praga proprio nello stabilimento e l'imprenditore Duckcevich racconta come si svolge la lavorazione inclusa quella dei suoi storici prodotti.
Le fasi della lavorazione si equivalgono in quanto il prosciutto cotto Praga di Trieste è una tradizione che si è aggiunge alla produzione dell'imprenditore stesso che l'ha rilevata.
Essendo una trasmissione RAI non è possibile mettere il codice del video ma vi metto il link per andare direttamente alla pagina in questione. La lavorazione è la stessa del filmato Masè ma ci sono delle innovazioni ed altre informazione sulla sua produzione che merita vederla. E' sempre interessante conoscere la produzione di un prodotto che arriva sulla nostra tavola e nella nostra cucina per tantissimi piatti che facciamo già o che andremo a fare.

Linea Verde - 23.2.2015 -
http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-8acc3a1f-cec6-4e95-8201-738535f06407.html


Il prosciutto cotto di Trieste è unico per il suo sapore e come sfizio verso le 11:00 di mattina,  il classico "rebecchin" ovvero merendina....si usa andare al Buffet da Pepialtro locale storico per farsi un "rodoletto" (una fettina arrotolata su uno stecchino) assieme ad un bicchiere di vino oppure un "birillo" piccolo bicchiere di birra alla spina. Andate a vederlo al link cliccando il nome merita davvero una visita come curiosità locale, come locale storico di Trieste.... e forse vi viene anche fame. 

Grazie di avermi letta e spero che qualcuno che passa per Trieste si ricordi di questo locale e del "rodolette di persutto" - rotolino di prosciutto perchè non lo troverà da altre parti e magari mi avvisi che sarò ben lieta di accompagnarlo.

Un abbraccio e buona giornata.

Stampa il post

domenica 19 aprile 2015

Intermezzo Domenicale !!!! - Cetacei - balene e orche di/a Vancouver





Questa meravigliosa immagine presa da questo video vi farà subito capire che sono le code di due meravigliose balene libere nel loro habitat.
Il video mostra le balene immense e le orche che nuotano nel mare di Vancouver. E' uno spettacolo meraviglioso e vederlo di persona sarebbe un emozione inimagginabile ma purtroppo possiamo sognare solo guardano le immagini.
Ho tradotto in italiano quanto l'autore diceva ed è stato possibile perchè è libero da vincoli e l'autore stesso dice di condividerlo.


video


Spero che vi piaccia e vi auguro una bellissima domenica.
Stampa il post