Castello di Miramare a Trieste

Castello di Miramare a Trieste
Uno scatto bellissimo del Castello delll'amica Raffaela in visita a Trieste

30/01/18

Trippa di Moncalieri in piemontese tripa 'd Moncalé chiamato anche Salame di trippa

La prima volta che ho sentito parlare di questo "insaccato" che però non è un salame è stato sul blog Battufolando Ricette dell'amica Simona che vive in Piemonte ad a questo link trovate la sua ricetta "Carpaccio di trippa di Moncalieri". La trippa genericamente chiamata cosi proviene dallo stomaco dei ruminanti (grandi) e ci sono ben quattro cavità da cui prende nomi diversi come il rumine, il reticolo, l'omaso e l'abomaso le principali e, provengono sempre dalle cavità dei ruminanti quali gli stomaci e non dall'intestino come molti pensano. In altre regioni sembra che per trippa s'intenda anche l'esofago ed il duodeno.

Senza riscrivere trovate le varie nozioni sulle differenza, uso, ecc. vi rimetto


e per altre informazioni come trippa da esofago e duodenao le trovate da






che però con il salame non ha nulla a che fare anche se trattasi di un insaccato.
La trippa di Moncalieri è un Prodotto Agroalimentare Tradizionale P.A.T. italiano prodotto in Piemonte e precisamente a Moncalieri che si trova nella prima cintura Sud di Torino. 
Le origini sembra vengano dalle usanze galliche definiti cosi dai romani per le popolazioni celtiche. Era usanza preparare le salsicce insaccando varie parti dei stomaci animali e, l'innovazione introdotta a Moncalieri sin dal Medioevo fu quello di comprimere la "trippa" per ottenere un insaccato consistente di una salsiccia ed assimilabile come un salame.
Esiste una documentazione storixa che attesta che la produzione della Trippa di Moncalieri fosse già nota nel 1400 . Era anche sede di un  importante foro boario  ove venivano macellate grandi quantità di animali e quindi luogo di elezione per la lavorazione e la trasformazione di carni e frattaglie.
Questo insaccato viene preparato in questo caso con lo stomaco del suino, salato e cotto in acqua bollente e poi ancora caldo collocato in uno stampo e compresso per raggiungere un diamero di 12 cm ed una lunghezza di 30 cm.


 Trippa 2

Esiste anche una "Confraternità della Trippa" come potete vedere con tanto di divisa e l'immagine nonchè maggiori info.su questa particolarità le trovate sul sito "Le attività della confraternita"






Ho cercato dove eventualmente poterlo acquista online ma non ho trovato alcun venditore e se qualcuno che legge lo conosce e sa dove potrei acquistare mi lasci l'indicazione se può nel commento oppure privatamente. Grazie.

Vi auguro una bellissima giornata.




NOTA Affluente
Clic sulle foto per ingrandire.
L'immagine e le info della seconda parte credits QUI
L'immagine Trippa 2 dalla pagina "La Trip 'd Muncalè"

29 commenti

  1. Wow Edvige che onore! Sono felice che ti sia piaciuto così tanto, hai scritto un bellissimo e nutrito post, ti ringrazio. Avevo pensato lo avessi trovato e ne ero molto felice 🤗 peccato sia da conservare assolutamente in frigo al pari della carne, altrimenti te lo avrei spedito, ci avevo anche pensato. Avessi fatto la mia ricetta nel periodo natalizio, te lo avrei mandato da mio figlio che ha soggiornato a Trieste molto giorni, che peccato. Non ti testa che fare una gita in Piemonte 😘 baci e grazie per la citazione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te ho scoperto qualcosa di inusuale e penso anche molto buona. Sul sito che ho trovato dicono che la trippa viene cotto 8 ore dopo pressata ecc. ma non credo sia facile imitare :( provero in loco come da te suggerito. Grazie ancora e buona giornata.

      Elimina
  2. Non la conosco affatto ma le tue informazioni sono fantastiche! Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nemmeno io fino a che non ho letto da Simona. Sono preparazioni come le definisco io di nicchia e quindi non vanno in giro in altre regioni purtroppo. Buona serata.

      Elimina
  3. Ciao Edvige, grazie di tutte queste informazioni, mi aveva incuriosito molto la ricetta di Simona, bacioni buona settimana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te fammi sapere se riesci a trovare chi la vende... Buona serata.

      Elimina
  4. Ma sai che non conoscevo proprio questo insaccato...grazie per questo post!

    My Tester Food

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non lo conoscevo nemmeno io ma come "insaccato" classico non a nulla a che fare ma deve essere buono a trovarlo però..... buona serata

      Elimina
  5. Cara Edvige, non conosco questo tipo di trippa, sicuro che alla mia dolce metà farà una grande festa!
    Ciao e buona serata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' la solita trippa solo che a questa viene data una forma come salame e viene affettata ed è già cotta. Anch'io non ho mai visto questa preparazione. Grazie della visita e buona serata.

      Elimina
  6. Ciao Edvige, a me le trippe piacciono molto, ma questo particolare insaccato non lo conoscevo e sarei molto curiosa di assaggiarlo!!!
    Baci, speriamo passino in fretta queste umide e grigie giornate

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so se mi leggi ma qui carissima abbiamo anche la nebbia mai avuta ed un umido freddo una schifezza.... Anch'io non conoscevo prova a vedere se da te a Mestre qualcuno la vende??? Bacioni.

      Elimina
  7. Questo insaccato l'ho letto anche io dalla Simona di Batuffolando, altrimenti qui non l'ho mai visto. Però non sono molto convinta mi piaccia, visto che non amo molto la trippa classica. Ti lascio un saluto e un abbraccio grande

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non amo proprio la trippa ed a parte le polpette di trippa fatte una volta sola.... altro no ma queste cosi a fette messe poi con altre cose penso non sia male. Oltrettutto è di maiale di solito è dai ruminanti. Buona serata cara un abbraccio e spero tu stia meglio. :k

      Elimina
  8. Ma che brava, Edvige, pensa che io sono di Torino è sono anche stata alla "Sagra della Trippa" a Moncalieri, ma non conoscevo buona parte delle informazioni che hai raccolto nel tuo post, perciò ti ringrazio per averle condivise!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai alle volte le cose di casa nostra le diamo per scontate chissà cosa troveresti tu di Trieste. Sono contenta di aver condiviso questa per me curiosità.
      Buona giornata

      Elimina
  9. Come sempre i tuoi post ci spalancano nuovi orizzonti . Un abbraccio grande Edvige

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Lisa sei troppo gentile un abbraccio e buona giornata.

      Elimina
  10. Non conoscevo questo insaccato. Da noi si fa una cosa simile ma non solo con lo stomaco, anche con altre parti "di scarto" tipo muso e viene chiamato musetto o musotto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si lo so da noi si faceva anche qualcosa di simile con altre parti del maiale e gelatina poi affettata di solito per il periodo pasquale. Non mi ricordo però come la chiamavano perchè è da anni che non la vedo più. Grazie e biona iornata,

      Elimina
    2. Da noi invece si trova ancora senza problemi

      Elimina
  11. Sei una fonte inesauribile di notizie nascoste, non conoscevo questo salame e mi hai incuriosito! Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ely se trovi dove si acquista dimmelo qui non si trova. Buona serata,

      Elimina
  12. Grazie Edvige, è bello conoscere cose nuove!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Peccato che non si trova almeno non da me. Buona serata,

      Elimina
  13. Ciao Edvige, qui la trippa di Moncalieri non la trovo proprio. Le reginette sì, facilmente perché sono un formato molto comune in Liguria. Bacioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara qui a Trieste spaghetti tagliatelle larghe o meno fresche o secche altri formati ma le reginette un solo fornitore che ora si trova raramente. Un abbraccio buona giornata.

      Elimina
  14. Deve essere buonissima!!! ciao ciao

    RispondiElimina

Memento SolonicodiEdvigeDesign byIole