Castello di Miramare a Trieste

Castello di Miramare a Trieste
Uno scatto bellissimo del Castello delll'amica Raffaela in visita a Trieste

29/10/17

Cacciare con le aquile tradizione millenaria (dal 940 d.C.) dai mongoli di etnia "kazaka" sui monti Altai



La ragazza del fim da MyMovies -

Tutto è partito dalla curiosità che mi ha suscitato un film uscito in agosto 2017 che parlava di un popolo abbastanza sconosciuto per noi che da oltre 1000 anni praticano la caccia con l'aquila,
Il film "La principessa e l'aquila" racconta di questo modo di cacciare praticato solo dagli uomini e che per la prima volta una "donna" voleva farne parte. L'arte di addestrare le aquile viene tramandata da padre in figlio da oltre mille anni.

La caccia con le aquile è una tradizione della Mongolia risalente al 940 d.C. L'etnia burkitshi di cui fanno parte i kazaki - termine per indicare i cacciatori - abitano la regione mongola di Bayan-Ulghii al confine con il Khazahistan e la Cina. Zona remota ma la più affascinante delle montagne Altai che si estendono per oltre 600 km di piccole colline, cavità, laghi blu, ghiacciai e pareti a strapiombio e picchi di oltre 4000 mt., e la  caccia viene praticata dai kazaki che rappresentano la minoranza ma più consistente della Mongolia.
I monti Altai che si estendono dalla Cina alla Siberia passando appunto per la Mongolia ed il Kazahistan, le temperature invernali possono raggiungere anche i 40 gradi sotto zero.
Ci sono due manifestazioni come vuole la tradizione, praticamente una gara con prove di abilità, velocità ed ogni proprietario è orgoglioso di far vedere come ha addestrato la sua aquila. Sarà anche un occasione per ammirare questa maestosa signora dei cieli - si è solo la femmina che è più grande del maschio  ad essere addestrara -, il poterla  osservare da vicino ed accarezzarla.
La gara si svolge ai primi di Ottobre nella città di Olgi e l'altra istituita più recentemente il 6/7 Ottobre "Golden Eagle Festival. Durano entranbe 2 giorni e, convergono da ogni parte della regione questi cacciatori nei loro abiti tradizionali e sfilano sui loro cavalli con sul braccio l'aquila ben protetto da una spessa guaina di pelle.
Questa descrizione la trovate anche nel libro di Marco Polo che descrive questa caccia praticata però quella volta da i falconieri con i loro "falconi" accompagnandosi al Kublai Khan per la caccia alla selvaggina minuta.
E' meraviglioso vedere come l'aquila seppur liberata ritorni sempre dal suo compagno cacciatore che l'ha allevata portandola via dal suo nido. Sarà tenuta per 10 anni poi lasciata libera per poter far figli che poi, forse, ma sempre solo la femmina sarà una nuova cacciatrice assieme a chi la verrà a prendere dal nido dopo aver scalato una parete impervia dei Monti Altai.
L'aquila ha un apertura alare di circa 2,30 mt con un peso sui 6/7 kg ed una lunghezza dai 75/88 cm.
Il suo veleggiamento sfruttando le correnti, la loro improvvisa picchiata per afferare le prede avvistate con la lora famosa "vista d'aquila", con gli artigli robusti e ricurvi affilatissimi permettono di prendere prede anche di peso superiore alla loro.  La preda viene mangiata immediatamente ed intera se non di grandi dimensioni e le piume - pelo - ossa vengono rigettate perchè non riescono a digerirle.

Ci sarebbero tante cose ancora da raccontare, specialmente su questo festival a cui assistono tantissime persone che vengon da fuori della Mongolia stessa per lo spettacolo che è stupendo abbinato anche a musiche ed altri intrattenimenti per 2 volte 2 giorni. 
Ora vi metto alcune immagini tratte dai siti da cui ho preso le informazioni di cui sopra e metterò tutti i link diretti nella NOTE.

Simulazione del lancio della sua aquila

Il riposo dopo la caccia

Lo stesso cacciatore della simulazione che posa con la sua regina

La tenda di un cacciatore

La strada nella steppa verso il monte Altai


L'aquila è sempre stata simbolo di forza e ancora oggi si trova su bandiere di vari stati quali USA, Germania, Russia ecc. ed alla sua simbologia nel corso dei secoli. Lascio tutto questo alla vostra curiosità che potrete soddisfare da WIKI
Aggiungo anche un bellissimo video di questo festival anche se è del 2013 perchè è anche scritto in italiano sul come si svolge. Ci sono video su YouTube di tutti gli anni anche quello del 2016 che dopo aver guardato questo lo potete trovare subito sulla destra ma, dovete andare a vederlo direttamente su YouTube cliccando sul link perchè è molto più in grande. Vi metto anche il link di YouTube  perchè alle volte il filmato sparisce dai blog :(




Spero che questo post  sia riuscito interessante e vi abbia incuriosito non solo per leggere la storia che non ho lo spazio per riportarla tutta ma anche la voglia di vedere questo film e penso che i vostri bambini ne saranno felici se li porterete al cinema. Può anche essere visto in streaming sul pc o sulla TV se avete predisposto per vedere i film come MyCinema.

Buona domenica.


NOTA Affluente

Qui di seguito vi do i link diretti dalla quale ho tratto le informazioni e le immagini

- Immagini da un articolo su un viaggio sponsorizzato dalla NIKON Scholl  e ci sono altre  splendide come il racconto di questo viaggio

- Informazioni tratte dal suindicato sito ma anche da Mongolia it e da TPI it Mondo


Ho sentito parlare la prima vola della Mongolia - nel senso di chi l'ha visitata - da un nostro amico di famiglia che faceva parte del coro e banda dei Bersaglieri e che sono andati a cantare proprio nella capitale Ulan Bator ma poi sono stati anche ospiti di alcune etnie mongole nei loro accampamenti. Sono poi stati invitati anche i cantori mongoli in uno scambio culturale a Trieste. Il nostro amico era stato anche nominato Console Onorario della Mongolia con tanto di ufficio a Trieste. Le storie che ci ha raccontato e gli opuscoli che ha portato facevano vedere una Mongolia ancora vergine e meravigliosa e per noi anche misteriosa.  Purtroppo gli opuscoli con anche delle ricette favolose anche se non fattibili in completo dato la mancanza della materia prima, in un trasloco sono andati perduti assieme a tante altre piccole come souvenir non preziosi  ma importanti per me :( :(

23 commenti

  1. Cara Edvige, veramente belle le foto, l'aquila è.una perfetta cacciatrice.
    Ciao e buona domenica con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tomaso l'aquila in assoluto è il volatile che più mi piace per la sua forza e bellezza in volo. Buona domenica un sorriso :D

      Elimina
  2. Buon fine settimana cara Edvige.
    Io sono assolutamente contro ogni tipo di caccia. Anche se in questo caso si tratta di cosa diversa ed il discorso sarebbe molto più lungo oltre che la caccia meno insostenibile delle altre versioni
    Un bacione buona domenica ma migliore nuova settimana e mese di novembre in arrivo !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se la caccia è solo per diporto sono d'accordo, ma se la caccia significa sopravvivenza per l'uomo e per l'animale che da mondo e mondo caccia ritengo una necessità. Che qui in quelle montagne la caccia sia necessaria non credo che possiamo con certezza dire di no, dovremmo vivere li in quelle situazioni per prendere una decisione. Giustamente dici che qui trattasi di cosa diversa e concordo. Il mio pensiero era in generale perchè la caccia oggi per divertimento è barbarie ma, l'indotto mi ucciderebbe per quest'affermazione. Buona domenica cara e buon proseguimento.

      Elimina
  3. Molto interessante questo post e belle le foto che hai scelto!
    baci
    Alice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Alice ho cercato quelle che mi sembravano le più belle e rappresentative. Grazie della visita e bacioni.

      Elimina
  4. L'aquila è una anomale splendido, la regina dei cieli.
    Grazie per questo bellissimo post sulla caccia con l'aquila, veramente molto interessante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si è splendida ad averla a portata di mano è un sogno per me non avrei minimamente paura.
      Grazie della visita un abbraccio,

      Elimina
  5. Ciao cara Edvige grazie per i tuoi commenti e per le informazioni che ci dai in questo tuo interessante spazio :). Terrò presente il film i miei bambini amano i film dove vi sono animali ;). Bacioni e buona serata Luisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io lo devo ancora vedere non solo i bambini anch'io lo sono ancora per questi film. Grazie della visita e sempre un piacere leggerti. Buona serata.

      Elimina
  6. Deve essere bello grazie x qst info

    RispondiElimina
  7. Il film non l'ho visto ma concordo sul fatto che la Mongolia deve essere un paese bellissimo e insolito da visitare, per noi. L'aquila ho avuto l'onore e il piacere di vederla da vicino nel deserto di Uluru, in Australia. Pasteggiava su un canguro morto, lungo la strada. Mi sono fermata e l'ho anche fotografata, in tutta la sua crudezza. Purtroppo le foto sono andate perse, su un pc rotto. Molto interessanti, come sempre, i tuoi racconti. Grazie e buon inizio di settimana Edvige

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Peccato per quanto crudo mi sarebbe piaciuto vedere la foto no è la stessa cosa come trovare simili sul web. Anch'io vorrei un incontro ravvicinato....sarà sempre meno rischioso che i nostri gabbiani reali che ormai girano in citta, si abbassano sulla strada per prendere qualsiasi cosa che pensano siano da mangiare. Hanno un apertura alare notevole, sono carnivori, pericolosi perchè le macchine alla volta se li trovano davanti e per evitarli magari vanno a finire sui marciapiedi.... Grazie della visita e buona serata e inizio settimana. Bacione

      Elimina
  8. Ciao Edvige, articolo molto interessante e preciso.Ho visto
    il documentario ed era fantastico.
    Grazie
    Mandi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Rosetta un abbraccio
      Mandi

      Elimina
  9. Trovo che l'aquila sia un'animale veramente stupendo. Il suo aspetto fiero e potente conquistano gli animi. Appena rivedrò le nipotine cercherò di vedere con loro il film, sono sicura che lo ameranno alla follia. Una volta le ho portate a vedere una dimostrazione di falconieri ed erano rimaste affascinate

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si anche la falconeria è stupenda ma l'aquila è ineguagliabile. Anch'io devo vedere ancora questo film e ci vado da sola...e me lo godo meglio :D
      Buona serata.

      Elimina
  10. che bello leggere questo tuo post Edwige...un abbraccio!

    RispondiElimina
  11. Ciao Edvige , mi è piaciuto molto questo post , interessantissimo . Però, e c'è un però, il pensiero che
    si addestrino delle aquile per volare , prendere la povera preda e mangiarsela in un sol boccone , perdona la parola ,
    "mi ha disgustato". Fosse che la preda la porta al
    cacciatore x sfamarlo , è una cosa , ma qui è solo spettacolo . Ho visto la Corrida , spettacolare ma ,alla
    fine avrei pianto x il toro . No , non sono una patita degli animali , ma li rispetto anche se non sono vegetariana ,
    mangiamo poca carne e solo bianca . Abbraccio Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusa ma il discorso è che l'aquila caccia per mangiare e che venga addestrata per portare le prede al ..diciamo cacciatore. .è la sopravvivenza per quei luoghi. La natura è crudele il più debole soccombe e in questa caccia non tutto è pet il cacciatore ma diviso equamente. Paragonare i tori è fuori luogo questo è solo spettacolo cruento. Qui animale e uomo hanno stretto un sodalizio considerando i monti e le temperature dove vivono. Buona serata.
      Ps. Anche la carne bianca viene allevata e muore non c'è differenza rossa bianco piume o pelo
      Ciaoo

      Elimina
  12. ho visto un documentario a riguardo qualche settimana fa e parlavano anche di un grande rispetto che nutre questa popolazione per le aquile tanto che dopo alcuni anni di "collaborazione" gli animali vengono liberati in modo che possano vivere anche la loro naturalità

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti come da info.dopo 10 anni le liberano perche possano figliolare perché sono femmine. Buona serata e grazie di essere passata.

      Elimina

Memento SolonicodiEdvigeDesign byIole