30/10/16

Intermezzo Domenicale !!! ..... cos'è " Il Cavallo di FRISIA " ....

Sul quotidiano locale che parla di avvenimenti del passato in merito all'ultima guerra e non ricordo per quale ricorrenza, ho letto di questo "Cavallo di Frisia". In guerra magari non nell'ultima i cavalli, muli e asini venivano usati per il trasporto di armi, vettovaglie, ecc.
Il mio primo pensiero è stato...ma esistono cavalli particolari che provengono da "Frisia" ???? Non mi sono meravigliata più che tanto perchè Frisia è una Regione dei Paesi Bassi - Olanda e quindi poteva anche esistere un qualche cavallo particolare :D :D
Curiosa come sono e, lo sapete bene, sono andata alla ricerca di informazioni ed ho scoperto che.. il cavallo di Frisia non è un animale ma è questo



Un cavallo di Frisia utilizzato durante l'asseedio di Petersburg. 

Il cavallo di Frisia era ed è un ostacolo difensivo ceh ci rimanda all'epoca medievale ed è costituito da un telaio portatile coperto con chiodi o anche delle vere lance. La struttura può essere di semplice legno ed i chiodi possono essere di ferro o di legno.
Il nome "Frisia" deriva dalla regione dei Paesi Bassi ovvero della FRISIA dove verso la fine del XVI secolo furono usati per difendere la citta di Groninga dall'assaldo della cavalleria spagnola.
Come nota curiosa questi ostacoli difensivi, proprio in base al motivo della loro erezione per difendersi dall'attacco spagnolo, furono chiamati in tedesco e nelle lingue scandinave anche  "cavalieri spagnoli".
Come avrete compreso lo scopo era di fermare le cariche appunto di cavalleria; poi in seguito nel passare degli anni con altre guerre scoprirono che erano validi anche contro la fanteria. Forse ricorderete di avere visto su qualche foto d'epoca di guerra del passato in particolare dela Prima mondiale dei reticolati acuminati sostenuti da pali di legno. Questi erano i precursori del dopo nato "cavallo di Frisia" anche se sembra che un qualcosa di simile come aspetto  fosse già in uso presso i romani ed erano chiamati "triboli" . Questi altro non erano che dei chiodi a quattro punte chiamate anche "piede di corvo" e,  furono ritrovati anche numerosi pali acuminati chiamati "valli" che danno appunto a pensare di un legamento loro come avviene per questo di Frisia.
A voi l'immagine dei triboli dal Wiki




Nella seconda guerra mondiale il cavallo di Frisia fu molto utilizzato ed il più noto della nuova versione  è quello inglese e tedesco noto anche come "porcospino o riccio ceco" perchè venne utilizzato alla vigilia dela guerra dalla Cecoslovacchia al confine con la Germasia di allora come funzione anticarro.
In  ultimo, a Genova nel luglio del 1960 fu utilizzato anche in Italia dalle forze dell'ordine per contenere una grossa e nota manifestazione.

Moderni cavalli di Frisia tedeschi a difesa della spiaggia di Calais (FR). 


Spero che vi possa interessare. Non è il solito post sui luoghi artistici della nostra Italia, ma anche questo "cavallo" ne fa parte.
Vi auguro buona domenica e ricordatevi dell'ora solare se l'avete scordato (come è capito a me tanti anni fa :D :D ) .



NOTE Affluenti

Tutte le informazioni sono state tratte da WIKI. Il cavallo di Frisia QUI , mentre invece i Triboli o piede di corvo QUI, i pali accuminati Valli QUI,.

I chiodi o triboli venivano usati anche in India sempre per contrastare le cariche di cavalleria, dai Romani quale equipaggiamento nelle legioni e anche, "dai pirati" negli abbordaggi alle altre navi lanciavano questi chiodi legati ad una fune per poter salire a bordo della nave avversaria. Penso che tutti avranno visto film sui pirati i cui ultimi erano quelli interpretati da John Depp.





28 commenti

  1. grazie davvero interessante :) mi chiedo se è stato utilizzato anche dalle nostre parti durante la grande guerra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì Andrea vome detto nella prima come pure nel seconda com a differenza che in.questa furono fatti più moderni vome da foto. Ciao buona domenica

      Elimina
  2. Cara Edvige, molto ma molto interessante, non conoscevo che si chiamava con questo nome... Ciao e buona domenica con un abbraccio e un sorriso:) sorridere fa bene!
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nemmeno io . Buona domenica e sorriso

      Elimina
  3. Ciao Edvige, ma sai che anch'io pensavo fosse una razza di cavalli?! Ecco, con il tuo post mi sono liberata dall'equivoco...c'è sempre da imparare, grazie mille!
    Un caro saluto e buona domenica
    Carmen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ....Anch'io mia cara 😆😆 un abbraccio buona domenica

      Elimina
  4. Ciao Edvige, grazie infinite per questo tuo post.
    A volte guardando i film di guerra mi capitava di vedere "cavalli di Frisia", senza ovviamente sapere che si chiamavano così e oggi grazie a te, sò come si chiamano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ....sai una lacuna che ho colmato pure io. BUONA domenica

      Elimina
  5. Carissima Edvige come sempre i tuoi post sono estremamente interessanti e rispecchiano i tuoi numerosi interessi e la caratteristica multitematica propria del tuo blog che lo rende sempre interessantissimo e stimolante qualunque sia l'argomento trattato:).
    In questo caso ho appreso qualcosa che ignoravo:non avevo mai collegato questo nome ad un sistema difensivo adottato tempo fa avente come precursori reticolati acuminati sostenuti da pali di legno utilizzati nel corso della Prima Guerra Mondiale e prima ancora i triboli usati nell'antica Roma...li ricordo.... o per averli visti in qualche film o per averne letto il loro impiego da parte dei pirati in occasione dell'abbordaggio delle altre navi...
    Grazie ancora per il post Edvige:))
    Un bacione e buona domenica:))
    Rosy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Rosy d'ore gentile. BUONA sersta km bacione

      Elimina
  6. Ammetto la mia ignoranza e dico che non ne avevo mai sentito parlare. Da te si scoprono sempre cose molto interessanti. Grazie davvero. Buona domenica sera ormai. Un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Terry non se l unica diamo in due 😆😆 grazie di essere passata e buona serata

      Elimina
  7. Quante cose ho imparato in questo post!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara ed io lo Info sui male up. Buona serata

      Elimina
  8. Non conoscevo il cavallo di Frisia..Grazie per le
    interessanti ntizie!!
    baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo in tre 😆 grazie cara buona serata.

      Elimina
  9. ahahah mitica: un post sui cavalli di Frisia. Io sapevo che erano usati in guerra, perché da piccola mi piaceva leggere romanzi storici e spesso c'erano battaglie o guerre in questi romanzi, con descrizioni anche dell'attrezzatura, ma mi sono illimitata a figurarmi vagamente i cavalli di frisia in testa senza mai preoccuparmi di come fossero fatti in realtà.
    Buona settimana di pace ihih ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. limitata, non illimitata :D

      Elimina
    2. Confesso... io invece non è proprio che pensavo ai cavalli ma avevo dubbi risolto cosi.Buona settimana di pace anche a te ed io con la prossima fra un paio di giorni divento più vintage :) Ciaooo

      Elimina
  10. Nei tuoi posti parli sempre di cose molto interessanti, grazie di condividerli con tutti noi che ti seguiamo. Un grosso abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio io cerco cose che mi interessano e spero sempre di condividere dobbiamo spaziare cara io per non farmi dire che sono un reperto. .. Buona serata

      Elimina
  11. non conoscevo il cavallo di Frisia, molto interessante questo post ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non grazie cara bacione e buona serata

      Elimina
  12. anche oggi ho imparato una cosa nuova! grazie mille per le info davvero interessanti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere che non ti sia annoiata. Grazie e buona serata.

      Elimina
  13. Molto interessante, da te c'è sempre da imparare! Un abbraccio e buona festa di Ognissanti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara buona festa anche x te 😆

      Elimina
  14. Ciao post interessante. Buon pomeriggio.

    RispondiElimina

Memento SolonicodiEdvigeDesign byIole