Un tramonto sul lago Woerther a Klagenfurt (Carinzia)

Un tramonto sul lago Woerther a Klagenfurt (Carinzia)
Foto personale - Giugno 2017

Dove trovarmi

martedì 1 marzo 2016

Nuova Rubrica: Cucina e Pasticceria: Piccolo glossario tecnico e non solo: "F" - prima parte (interessante in particolare per chi fa i lievitati)


 

Proseguiamo il Piccolo Glossario ed entriamo nella lettera "F" 


"F"

Farcia e Farcire : alimenti crudi o cotti tritati più o meno finemente e conditi rapprersentano poi il composto per farcire a strati come per una torta o l'azione in se stessa per disporre la farcia alternata alle varie composizioni alimentari.


FARINA
  • debole: è una farina povera di glutine e serve per le lavorazioni di impasti o lavorazione che non necessitano di elasticità.
    • forte : tipo di farina ricca di glutine quindi l'impasto risulterà resistente ed elastica  richiedendo un buon sviluppo.
    • rinforzata : una farina debole con l'aggiunta di farina forte che serve da rinforzo

    Farina debole, forte e rinforzata sarebbe troppo riduttivo e semplice quindi sono andata a documentarmi ed ho trovato un sacco di ulteriori informazioni almeno per me illuminanti.
    A parte che le farine non sono solo di grano ma anche di altri cereali e non solo e,  i dettagli come le sue caratteristiche, le proteine, umidità, classificazione che trovate QUI , esistono anche i mezzi per determinare la forza della farina cioè la proprietà quale la resistenza nel tempo alla lavorazione, contenuto proteico, l'acqua, ecc. La possibilità per misurare tutto questo viene data da una macchina, dall' Alveografo Chopin la cui immagine è tratta da Wiki

    Alveografo Chopin



    Proprio in base alle proprieta reologiche della massa verra stabilita la S = stabilità, T=tempo di sviluppo, W= caduta e forza, P=resistenza, L= elasticità classificando cosi le farine in base all'utilizzo finale.
    Elevati valori S + W saranno farine che sopportano tempi lunghi di impastamento, fermentazione e/o maturazione e quindi varierà anche il tempo di lievitazione. Se volete leggere quali sono i criteri che determinano queste regole non dovete far altro che andare QUI che è lo stesso link di cui sopra ma lo rimetto per vostra comodità.
    • Fino a W 170 (deboli): per biscotti, cialde, dolci friabili; anche per besciamella e per rapprendere salse 
    • Da W 180 a W 260 (medie): pane francese, panini all'olio, pizza, pasta:  assorbono dal 55% al 65% del loro peso in acqua.
    • Da W 280 a W 350 (forti): pane classico, pizza, pasta all'uovo, pasticceria a lunga lievitazione: babà, brioche. Assorbono dal 65% al 75% del loro peso in acqua.
    • Oltre i W 350: in genere fatte con particolari tipi di grano, vengono usate per "rinforzare" farine più deboli, mescolandovele, oppure per prodotti particolari. Possono assorbire fino al 100% del loro peso in acqua. Vedi anche farina manitoba.
    Le farine in commercio al dettaglio hanno una forza variabile. Solitamente quella delle farine 0 e 00 generiche si aggira sul W 150, quella delle 00 specifiche per prodotti non lievitati  a lievitazione chimica come il  plum cake, biscotti, crostate dal W 80 al W 150, quella delle 00 e 0 specifiche per pizza dal W 200 al W 280, quella delle 00 specifiche per dolci lievitati intorno al W 300. Le farine vendute come manitoba (quasi tutte 0) riportano il nome di una varieta di grano appunto Manitoba (specifica zona in Canada di origine della varietà utilizzata) ma non identificano il valore della forza per cui non è detto che siano più forti di altre varietà.

    Tutte le informazioni riportate sono da WIKI dai due link suindicati ma lo rimetto ancora QUI


    La voce "farina" ha ampliato il post per cui preferisco dividere in quanto la lettera "F" in questo glossario è molto nutrita.

    Grazie di leggermi e buona giornata.

    Il link che ragruppa tutto il glossario dalla A alla Z
     QUI



    NOTA Affluente

    • Ritengo che tutte le informazioni che ho raccolto potranno essere utili a chi si avvicina alla panificazione ai cosidetti lievitati. Io non faccio pane ne pasta ma ho scoperto scrivendo questo post tantissime informazioni che non avevo la minima idea. Le farine erano tutte uguali forse anche perche la distribuzione della mia città a meno di non andare da venditori esclusivi del prodotto, le differenze non esistono: 0, 00, farina per friggere, farina per dolci, ecc. ma senza indicazione sulla forza ecc. 
    • Ovviamente le informazioni non serviranno a chi panifica o comunque usa i lievitati e produce da se il lievito madre.

    Stampa il post

    20 commenti:

    1. Buongiorno Edvige e buon marzo ! Il post che parla di faine è sempre importante in quanto si usa tutti i giorni. Un abbraccio !

      RispondiElimina
      Risposte
      1. L'ho pensato anch'io quando mi sono resa conto di quante informazioni stavo trovando un mondo sconosciuto per me.
        Buona giornata un bacione :K

        Elimina
    2. Ciao Edvige,
      i lievitati danno sempre grandi soddisfazioni, il pane più di ogni altro!
      Le informazioni sull'universo delle farine fanno sempre comodo, se non altro per verificare le proprie competenze( reali o presunte:-D)
      Complimenti per la tua rubrica
      Marilena

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Carissima non lo metto in dubbio d anche il profumo alla cottura ma io non ne faccio mangimo pochissimo e siamo solo due. Buona giornata grazie della visita.

        Elimina
    3. Cara Edvige, pure con il pane ci sai fare!!!
      Immagino che sarà buonissimo.
      Ciao e buona giornata cara amica.
      Tomaso

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Grazie Tomaso un abbraccio e buona giornata.

        Elimina
    4. Edvige cara ma quante ne sai? Utilissimo questo post sopratutto per chi come me con la farina non ha proprio un rapporto amichevole :D Grazie. Bacetti.
      Marina

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Mi sono imbattuta in una serie di informazioni interessantissime ed ho pensato e sperato che siano utili. Grazie cara un abbraccio bacione e buona giornata. :D

        Elimina
    5. Utilissimo il tuo post. Effettivamente le w per me sono un'incognita e così compro le farine relative all'uso. Grazie

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Si hai ragione se pensi che io non ho mai letto le w :D :D buona giornata cara un abbraccio.

        Elimina
    6. Edvige, questo post é utilissimo,
      in tutti i corsi che ho frequentato hanno sempre enfatizzato l'uso delle farine specificando gli usi e i W! Grazie di cuore per averlo condiviso!
      Un caro abbraccio e felice giornata!
      Laura<3<3<3

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Mi fa piacere che possa esserti stato utile quando il glossario sarà finito sto pensando di metterlo in un pdf vediamo. Buona serata e bacioni. :k

        Elimina
    7. Per me questo post è già una bibbia, grazie Edvige e un abbraccio

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Spero possa esserti utile però. Grazie a te e buona giornaa. Bacioni :k

        Elimina
    8. Un post tutto da studiare e super utile! grazie Edvige!

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Ne sono felice. Un abbraccio e buona serata.

        Elimina
    9. Cara Edvige grazie mille per il post interessantissimo:).Tante informazione relative a tipologie e caratteristiche delle farine mi sono sconosciute e grazie a te ho colmato diverse e importanti lacune;).
      Un bacione e buona serata:))
      Rosy

      RispondiElimina
    10. wow! davvero interessante, grazie mille!

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Grazie a te di avermi letta buona serata.

        Elimina