Il riposo della guerriera "Ciccia"

Il riposo della guerriera "Ciccia"
Troppo stanca deve riprendersi per fare la ronda stasera - Foto personale

31/12/16

A TUTTI " BUONA ANNO 2017 " OVUNQUE VOI SIATE ED A TUTTO IL MONDO

 

Carissimi amici, sono contenta che il 2016 finisca perchè non è stato molto bello  e spero che l'anno 2017 sia migliore per tutti e per tutto il mondo.
Negli anni passati scrivevo sempre qualche storia o aneddoto ma questa volta voglio solo esprimere il mio ringraziamento a tutti voi che mi seguite, che avete perso del tempo per me per leggermi e lasciare un segno del vostro passaggio. Qualsiasi sia il commento che lasciate ha un significato di "attenzione" per me e forse anche un approvazione per quanto scritto e che state leggendo.
Spero di essere stata all'altezza delle vostre aspettative considerando che i vari argomenti che tratto come -  informatica, arte nel mondo ed in Italia, glossari, ecc. senza dimenticare la cucina, rimane sempre un multitema e quindi seleziona le visite secondo l'interesse del visitatore.
D'altra parte questa sono IO e in tutti i miei 73 anni con la curiosità ancora viva  di spaziare in quanto di interessante si trovi nel mondo curiosità ,  che però non finisce e non finirà - mai - o finchè la "testa" lo permetterà : c'è sempre tanto ancora da scoprire in ogni campo.
Personalmente cercherò sempre di essere coerente con il mio modo di essere incapace di soffermarsi su un unico tema che, prima di passare ad altri, tento di approfondire per quanto possibile. Non voglio essere una di quelle che si dice "tanto per fare e/o parlare" ed è per questo che nuovi ed interessanti percorsi ( almeno per me) vanno a rilento, non devono essere superficiali ma per quanto possibile completi.

Grazie ancora di cuore.


Auguro a tutti voi uno splendido passaggio dal vecchio 2016 che ormai stanco va a godersi il meritato riposo ed il baldo giovanotto 2017 che arriva e,  che vi porti prima di tutto la salute, la felicità e che possiate continuare nel miglior modo la prosecuzione della vostra vita ed in quanto state svolgendo o vorrete svolgere e trovare e che i desideri possano concretizzarsi.
Auguri a tutte le nuove mamme, alle nonne che finalmente lo sono diventate, a tutti i nuovi amori e dico a quelli finiti che dietro l'angolo un altro amore - indifferente quale tipo - vi sta attendendo.

BUON ANNO 2017
OVUNQUE VOI SIATE



Un abbraccio forte virtuale a tutti e ci risentiamo ...fra un anno :D :D 

29/12/16

Panna cotta salata con parmigiano e mortadella su letto di salsa ai pistacchi

PREMESSA
Pensavo di concludere l'anno con il post del 31 dcembre ma ho pensato che questa ricetta potrebbe dare qualche idea dell'ultimo minuto e spero possa esser così.

La panna cotta usualmente è sempre dolce ed a me piace tantissimo ma purtroppo tutti i dolci e comunque alimenti che hanno un indice glicemico alto li devo evitare come ad esempio i piselli, l'uva, i fichi, la pasta raffinata, il riso a meno che non sia basmati, ecc. tutte cose che adoro.
Ho trovato nel web ma mi sono soffermata sulla versione di un amica del blog "Il bosco di alici"
perchè mi dava molto affidamento e tutto l'insieme m'incuriosiva.
Avevo anche questa volta il solito amico di famiglia a cena per cui quale occasione migliore per provare questa ricetta.
Purtroppo il tipo di mortadella di Prato da lei usato non è reperibile nella mia città ma questo salume è molto gradito dai triestini per cui non mi è stato difficile trovarne uno molto molto buono.
Ho aumentato un pò i quantitativi degli ingredienti, ho usato una coppa tonda purtroppo quella a forma di cuore non l'avevo e la quantità a commensale era di più in quanto non rappresentava un finger food ma bensi un antipasto vero e proprio.
Ha entusiasmato tutti noi da replicare.

Ingredienti per 3 persone (abbondande)
600 ml di panna fresca
100 g di parmigiano grattugiato
100 g di mortadella semplice non al pistacchio
13 g di colla di pesce
sale - pepe

Per la salsa ai pistacchi
60 g di pistacchi sgusciati possibilmente anche senza la pellicina non salati
3 -4 cucchiai di acqua calda 
sale - pepe 
olio q.b.




le mie ciotoline grandi e due piccole a buttare con la panna cotta pronta per andare in frigo e/o congelatore - come vedete con questa quantità ne ho fatte ben 5 più due piccole quindi regolatevi voi 


Preparazione

Ammollare la colla di pesce in acqua fredda. Sminuzzate la mortadella.
In una casseruola media - dopo averla sciacquata impedisce che la panna si attacchi - oppure usate una antiaderente, portate a bollore la panna fresca aggiugendo il formaggio, salare un pò, pepe e mescolare bene a fiamma bassa affinchè non formi grumi o si attacchi. Nel caso che ci siano filtrate il tutto.
Fuori dal fuoco aggiungere la colla di pesce ben strizzata e la mortadella sminuzzata e riempite gli stampi, io ne ho usati 4 perchè il risultato era molto abbondante ed uno è avanzato per il giorno dopo.
Attendete che si sfreddiscono e poi metteteli in frigo se avete dinanzi a voi minimo 3 ore oppure nel congelatore per 1 ora ma prima di impiattare attendete una decina di minuti.

Per la salsa ai pistacchi, metteteli in un mixer con sale e pepe e alcuni cucchiai di acqua calda e frullate aggiungendo poco alla volta un pò d'olio. Io ho preferito aggiungere più acqua che olio perchè non mi piace una salsa troppo grassa.

Per impiattare, stendere una cucchiata della salsa sul fondo piatto, sformate la panna cotta e guarnite con i restanti pezzetti di mortadella.

Io li ho accompagnati con delle  crostini sottilissimi di pane non salato tipo lingua delle suocera che hanno fatto da cucchiaio.

Questi sono i miei tre piatti



Come vedete le formine di panna cotta erano alquanto grandine e usarne delle più piccole è meglio in quanto la panna cotta è molto sostanziosa.


NOTA Affluente

Il risultato è stato molto soddisfacente. Quando la rifarò, proverò con una salsa più leggera in modo da non utilizzare l'olio. Opterei per un pestato di verdure a sapore non incisivo oppure una leggere salsa di pomodorini tipo datterini a crudo per rendere il tutto più fresco e leggero.

27/12/16

Come stampare la rubrica dai nostri cellulari con Android su cartaceo....

Una differenza tra me e le mie amiche "blogger chef" è che posso permettermi di saltare qualche post di cucina e, ho pensato, che dopo le libagioni di Natale e quelle che saranno per la fine anno, una mia ricetta non mancherà a nessuno tantopiù che non son da "chef".
Parliamo ora e come ci informa Vinnie che oggi tutto o quasi le nostre rubriche e contatti sono salvati nella rubrica virtuale ce è più comoda da portare e consultare. Sarebbe però anche comodo ed utile per qualsiasi evenienza avere anche memorizzato da altra parte oppure meglio ancora una versione cartacea della stessa qualora non avessimo provveduto ad esportare il tutto con copia di backup.
Serve sia nel caso di problemi del nostro cellulare come pure la possibilita di averla sempre a portata di mano.
Per vedere e capire come stampare su carta la rubrica ed i nostri contatti sul cellulare Android, Vinnie lo spiega molto bene con i vari passaggi necessari per eseguire bene la procedura.
Il riportare quanto scrive non sarebbe corretto ed inoltre molte cose rischierebbero di andare perdute perchè ci sono anche vari collegamente per rafforzare le sue spiegazioni.  Sarebbe anche cortese da partie mia nei suoi confronti perchè una visita al suo sito vi farebbe scoprire tantissime utilità nei cari campi e nei vari utilizzi dallo smartphone al PC fisso e quant'altro concerne i "mobili" e ricompenseremo con la visita la sua sempre continua ricerca che ci fa risparmiare tempo oltre il fatto di portarla a nostra conoscenza.

Vi trascrivo solo il primo passaggio gli altri li trovate a questo link
Guidami..come stampare la rubrica..  inclusa l'immagine come segue:

1. Per fare ciò innanzitutto è necessario esportare in un file CSV o vCard tutti i contatti della rubrica Android. Dunque come nell'esempio sotto in figura:


Android esportare rubrica contatti 

Gli altri punti direttamente da Vinnie sul suo Guidami e le spiegazioni sono molto dettagliata e chiare.

Buona giornata a tutti.


25/12/16

Ovunque voi siate " BUON NATALE "

Come sapete ho il pc che è tutto incasinato e su quelli di fortuna mi arrangio.
Ho scritto parecchi post sul Natale in questi 7 anni e non voglio richiamare con un link ma, ho pensato di mettere qui quello che più di tutto mi fa ritornare indietro nel tempo.


Stille Nacht Heilige Nacht - Silent Night Holy Night - Astro del Ciel

Questa canzone che è stata tradotta in ben più di 300 lingue è senz'altro la più famosa. Le parole sono scritte dal reverendo  Joseph Mohr salisburghese e musicato da Franz Xaver Gruber un insegnante e organista nella lontana vigilia di Natale del 1818.
Chi ha piacere di leggere la storia la trova QUI
E' la prima canzone in assoluto che io ho imparato da bambina e nella lingua originale il tedesco.
La nonna ungherese che parlava  per fortuna anche il tedesco me la cantava sempre in entrambe le lingue ed il motivo del perchè io parlavo solo la lingua tedesca lo potrete apprendere cliccando sul "QUI" del vecchio mio post.
Il video con la canzone Stille Nacht- Silent Night cantata dal coro di Saint Thomas è troppo commovente e ve la ripropongo


Questo è il link nel caso che il video sparisca 

Questa è la locandina è stata messa nel Jubileo del 1918 - 100 anni dopo la nascita della canzone
immagine da WIKI


L'altra bella canzone natalizia nota come le altre di questo periodo tipo Jingle Bell, White Christmas ecc. è "O Tannenbaum" - l'inno al verde abete di Natale. Anche questa mi ha fatto compagnia durante la mia infanzia. A differenza dell'altra canzone di cui si conosce l'origine, di questa si sa poco o niente è di un anonimo e sembra sia una canzone popolare e del periodo mediovale. Maggiori notizie da Wiki
Vi metto qui la canzone cantata da un coro di Vienna ed il link al video sempre della stessa canzone però in italiano e canata dal piccolo coro dell'Antoniano nel 1968 e questo è il link 



Beh non è un grande post di Natale ma è quello che sono riuscita a fare ed è quello che sentivo perchè fa parte dei miei ricordi e sono felice di condividerli con voi.

Buon Natale carissimi amici a voi tutti e Famiglia ed a tutti quelli del Mondo.

 (gif gratuiti dal web)

24/12/16

Gratis programmi commerciali per Natale ... approfittate se qualcosa è di vostro interesse !!!!

Usualmente di sabato non metto online nessun post perchè è una giornata che quasi tutti sono un pò a riposo o assieme alla famiglia ecc. per cui il tempo per leggere è molto poco.
Ma questa volta ho voluto fare un eccezione per la chicca di poter scaricare programmi commerciali gratuitamente è un occasione da non lasciarsi scappare anche perchè ha una scadenza quindi....spero che leggerete e andrete a curiosare o avvisarete amici, figli, ecc. che forse hanno bisogno di qualche bel programmino......gratis.


Il mio carissimo amico Vinnie informa che anche quest'anno aziende produttrici di programmi per computer e forse non solo...mettono a disposizione gratuitamente come "giveaway" alcuni dei loro software commerciali usualmente a pagamento ora gratis.
In questo modo i produttori si fanno pubblicità per farsi conoscere e far conoscere i propri programmi e, noi piccola utenza clientelare, ci possono tornare comodo, magari li avremmo avuti ma erano troppo cari ed ora li possiamo avere gratuitamente.
La lista promozioni di Natale 2016 è lunga e sono programmi adatti sia a Windows che a MAC per un valore non indirifferente.

Siccome la lista è molto lunga e dettagliata con indicato l'uso, la tipologia ecc. vi rimando al sito di Vinnie che vi consiglio di leggere quanto prima per non perdere un'opportunità.
L'immagine qui sotto è tratta dalla sua pagina


Giveaway di Natale di WonderFox 
Vi raccomando solo una cosa, il programma che vi interessa e vi piace scaricatelo subito ed installatelo prima della scadenza perchè ovviamente essendo un regalo di Natale non è che duri per sempre.

Buon Sabato a tutti.



23/12/16

Crema di patate con bacon o pancetta croccante e formaggio cheddar

Minestre, vellutate e simili non erano presenti spesso in tavola. Minestre di verdura fredde in estate e qualche minestra della tradizione triestina in inverno come lam pasta e fagioli e la famosa "jota".
Con l'esperienza e miscelando vari ingredienti che una volta non era uso si possono creare delle zuppe e simili meravigliose e in quest'ultimo periodo le faccio spesso. Certo prendo spunto magari da quale zuppa presentata dalle mie amiche "chef" oppure da qualche rivista ma anche le creo in base a quanto ho in frigo.
Avevo delle patate che dovevo assolutamente usare e non adatte ad essere fritte o al forno, del formaggio cheddar che avevo trovato sulla bancarella tutta "english" di Natale ed il bacon che non manca mai mi piace moltissimo sopra tutto sbriciolato croccante anche nei sughi o su insalate composite.
Come al solito le porzioni sono sempre abbondanti e quindi mi avanza sempre un piatto caldo anche a pranzo visto che comunque pasti completi non ne facciamo mai. Passiamo alla ricetta ... estremamente semplice e veloce  :)

Ingredienti per 4 persone (anche qualcosa di più se seguono altre pietanze)
500 g di patate
100 g di bacon o anche pancetta ma affettata molto sottile
100 g di formaggio cheddar  **)
2 cipolle medie bianche oppure 4 scalogni piccoli
1 dado vegetale (io gelatinoso senza glutammato)
prezzemolo
1,5  lt di acqua




Preparazione

Pelate le patate e la cipolla o scalogno  e taglietele grossolanamente.
Prima fate rosolare/appassire un pò la cipolla o scalogno in una pentola e poi aggiungete le patate e l'acqua.
Dopo 15 minuti di bollitura aggiungete il dado a meno che non abbiate avuto gia un brodo vegetale con le verdure fresche classiche : carota, sedano - la cipolla è già presente.
Continuate la cottura complessivamente per 30-40 minuti.
Nel frattempo in una padella fate diventa croccante il bacon ed il grasso sciolto lo utilizzerete per rendere più gustola la zuppa : passate parte del brodo nella padella e aggiungete al resto.
Frullate la zuppa con il frullino ad immersione fino a renderlo cremoso. 
Aggiungete una parte del formaggio cheddar che si scioglierà e sbriciolate una parte del bacon. Fate andare ancora per 5 minuti, spegnete.




 


Tagliate a bastoncini il resto del cheddare e spezzettate grossolanamente il restante bacon croccante.

Impiattate molto bollente la zuppa e su ogni piatto aggiungete i bastoncini di formaggio ed il bacon spezzetato ed ogni commensale si troverà ad ogni cucchiaiata la zuppa calda ed il formaggio filante con il "crok" del bacon come contrasto.

 
 La zuppa con l'aggiunta del bacon spezzetato ed una parte del cheddar


Essendo la zuppa molto piena e densa io non ho semplicemente messo da parte dei crostini di pane che però non sono stati usati.


 Impiattato 


Mi dovete scusare per le foto strane. Ma le avevo fatte diciamo "online" con un amica di Roma tramite messengere e da li poi le ho salvate sul cellulare e scaricate qui. Purtroppo messenger recepisce le immagine in "lungo" mentre l'impiattato è stata fatta poco prima di portare in tavola non online.
Grazie :)

Buon appetito e buon venerdi.

NOTA Affluente

Questa crema o zuppa come la volete chiamare è ottima anche se sostituite le patate con il porro, con le zucchette, con il sedano rapa oppure con i legumi come le lenticchie, i ceci o anche i fagioli. L'aggiunta di cheddar e del bacon croccante rimane validissimo perchè si sposa perfettamente è ravviva il sapore.

20/12/16

Video messaggio Babbo Natale che nomina il bambino ..anche in italiano

Dal mio solito amico Vinnie un altra chicca che ho pensato di condividere con voi al posto di una ricetta che sicuramente non vi mancherà :D
In questo periodo magico con le tecnologie ma avere ancora  Babbo Natale a disposizione e coinvolgere cosi ancor di più secondo me non è da cestinare. Moltissime sono le applicazioni come quella che simula l'arrivo di Babbo Natale a casa o la famosa magia di Natale della CocaCola per farsi chiamare al telefono proprio da Babbo Natale ma sembra che quest'anno non funzioni tanto bene.
Però abbiamo il PNP - Polo Nord Portatile disponibile anche su internet nonchè come applicazione Android e iPhone che permette di creare un videomessaggio personalizzato da parte di Babbo Natale che dice anche il nome del bambino alla quale è indirizzato anche in italiano, la sua età, il paese e la scuola oppure l'asile se ancora lo freguenta. Tutto per coinvolgere e stupire i bambini di tutte le età.
Come al solito non posso mettere qui tutti i link dirette alle applicazioni e non solo ma dovete passare alla sua pagina che è completissima e chiara su come agire e qui vi metto il link diretto ed all'immagine  di Babbo Natale che lo troverete passando al suo post.



e questo è il link a Guidami alle istruzioni di questo videomessaggio e nella sua pagina troverete tanti altri collegamenti a delle vere chicche sul Natale.

Resta ancora da dire che il video che andrete a fare si può anche scaricare sul proprio PC.
Io credo che possa essere simpatico magari in occasione del pranzo di Natale con i bambini nell'attesa di andare a tavola far partire questo video messaggio che Babbo Natale magari chiama a tavola proprio il piccolo ospite oppure qualche adulto...a voi la scelta.

Buona giornata.

NOTA Affluente

Mi rendo conto che il tempo sia di leggermi che andare alla lettura della pagina per trovare l'applicazione è poco ma se pensate alla sorpresa carina che potrete fare un piccolo tempo si trova magari lo fate cercare a qualche nipote grande oppure a qualcuno che ha tempo e s'intenda di queste applicazioni.
Io non ho nessuno a cui fare questa sopresa e spero che qualcuno di voi la faccia.
Un abbraccio e grazie di essere passati da me.




18/12/16

Internezzo Domenicale!!! ... scusate solo foto di Mercatini

Avevo sperato e scritto che con oggi sabato il pio PC sarebbe stato attivo invece...dopo aver fatto il suo dovere per un paio di ore si è inchiodato di nuovo e sembra questa volta il problemia sia adirittura dovuto ad un malfunzionamento della memoria interna di 1TB (1000Gb).
Il mio computer portatile ha ancora il vecchio sistema operativo VISTA del 2007 anno del lancio e purtroppo aggiornamenti non ci sono e quindi programmi nuovo non si possono utilizzare e funziona a ... singhiozzo :( :( ogni tanto si ferma.
In queste condizioni non posso fare poco o niente perchè le ricerche e altre cose possono riuscire male e creare qualche problema anche al blog visto che anche questo è un pò "vecchiotto".
Ho deciso, di farvi vedere alcune immagini che avevo scaricato su una chiavetta dei mercatini di Trieste.
Questo riesco a farlo :D :D


Una bella preparazione particolare di patate formaggio e cipolle allo stand francese


Dolcetti di tutti i tipi di cioccolata e non solo...non mi sono soffermata molto :(


Il famoso aglio "rosa" francese e lo scalogno qui i prodotti mi piacciono molto


Una raccolta di coltelli ..da tasca e non bellissimi ma parecchio costosi


Un bellissimo Babbo Natale


I famosi biscotti Betroni che si prendono assortiti da soli per il nostro sacchetto... :D

Assortimento Vini e Sidro molto buono sia caldo che freddo


Queste foto sono del Mercatino di Natale Francese, ora c'è quello solo di Natale che dura fino al 24 corrente ma purtroppo pur avendo tante foto non riesco a scaricarle, mi dispiace :( :( 

Anche quest'anno però è presente lo stand di uno dei più vecchi dolci ungheresi dalla pronuncia ormai dimenticata anche se la nonna era ungherese. E' il più antico dolce di tutta la Transilvania ed avevo fatto un bllissimo post tre anni fa in dicembre e ve lo ripropongo mettendovi il link ed alcune foto.
Il link al mio post  Kurtőskalács

dove troverete anche uno splendido video su come viene preparato e cotto questo dolce.


La foto del dolce acquistato e portato a casa
Foto dal web di un sito ungherese



Vi metto ancora delle immagini della mia città illuminata


 Quest'albero è posizionato sul retro del Teatro Verdi nella piazza che porta lo stesso nome


Piazza Verdi - teatro Verdi una traversale importante dalla Piazza Unità d'Italia


L'altro albero sempre come si dice nel "salotto e vie centrali della città qui siamo in Piazza della Borsa


A questo punto penso che ho messo anche troppo cose che forse avrete già visto chi freguenta FaceBook. Altre mie concittadine hanno messo foto della città illuminata.

Spero che con la prossima domenica che è Natale di poter fare un post decentro considerata la giornata importante ma per quanto il mio tecnico sia anche un amico chissà perchè tutti hanno grane con il PC proprio in questo periodo e lui, essendo anche modesto nella richiesta compenso, è oberato di lavoro: speriamo bene entro martedi di aver risolto il problema.
Per intanto vi auguro una buona domenica a tutti e grazie.

16/12/16

Zuppa alias Crema di Zucchine con Vongole Veraci

Piccola premessa:
..è una ricetta fatta quest'estate ed è paciuta tanto che mio marito ha suggerito di farla in quantitativo inferiore :D :D come antipasto per la nostra cena di Natale ...figlia, nipote e genero che si aspettano sempre qualcosa di particolare e non il solito menù che comunque lo gusteranno a casa della mia consuocera . Quindi pensando che forse possa interessare la condivido subito.


Anche questo è un piatto favoloso che per fortuna non serve stare tantissimo sul fuoco ed è anche semplice da fare e fa parte di una cena servita in occasione della visita del nostro amico da Venezia sempre a luglio.
E' una ricetta che ho visto su Sale & Pepe penso di luglio stesso  (non ne sono sicura me lo passa un amica parzialmente vuotato di pagine e anche copertina... :D ) che mi ha stuzzicata molto. 
E' piaciuto tantissimo ed è quasi un pasto completo in quanto assieme al pane tostato e facendo la classica "scarpetta" ci si sazia moltissimo. Poi le mie porzioni sono sempre molto abbondanti in quanto gli ingredienti calcolo sempre per 1-2 commensali in più sui soliti 3 che siamo noi :D :D 

Ingredienti per 4 persone (io per 6)

1,500 kg di vongole veraci 
600 g di zucchine medie le grandi hanno troppa semenza
2 scalogni
1 cipollotto
2 spicchi di aglio
1 cucchiaino di burro
2 cucchiai di panna fresca
1/2 bicchiere di vino bianco secco
1 mazzetto di maggiorana fresca oppure 1 cucchiaino secca **
sale - pepe
2-3 fette di pane tostato ai 4 cereali o a vostro piace




Preparazione
Mettete per una mezz'ora le vongole sotto l'acqua corrente per eliminare eventuali impurità.  Poi in una capiente casseruola mettete le vongole con il vino e l'aglio che potete lasciarlo anche in camicia  schiacciato e fate aprire coperto a fuoco vivace.

NOTA
Dopo un paio di minuti scoperchiate e togliete man mano le vongole che si aprono. Non tutte si aprono allo stesso momento ma se non levate le prime queste già aperte diventano stracotte.

Dopo averle tolte tutte passate al colino il liquido e lo tenete a parte.
Affettare gli scalogni, tagliare a rondelle le zucchine. In una padella bordi alti fate soffriggere lo scalogno in un pò di burro dopo aggiungete le zucchine, la maggiorana, sale ma poco e fate stufare il tutto per circa 10-20 minuti a secondo della grandezza della zucchine : tutto deve essere molto tenero.

Dovete passare il tutto con il frullatore ad immersione e vi consiglio di scegliere un bicchiere atto all'immersione molto alto e largo, le zucchine devono diventare una crema aggiungendo il liquido di cottura delle vongole tenuto a parte e la panna.
Sgusciate 2/3 delle vongole le altre le lasciate con il guscio: sceglite le più grandi.
Unite le vongole scusciate alla crema di zucchine, assaggiate per l'eventuale aggiunta di sale e pepe.
Distribuite la crema in una ciotola o un piatto fondo come il mio, aggiungete le vongole con il guscio e se vi piace una spruzzata di pepe macinato fresco ed un filino di olio evo come dicono gli "chef" per lucidare

Accompagnate questa zuppa con dei crostini di pane, io ho usato 2-3 fette di pane ai 4 cereali tostato leggermente affinchè il cuore rimanga morbido, sfregato con uno spicchio d'aglio e tagliato a bastoncini e servito a parte su un piatto a piacere del commensale.

Un piatto semplice, completo, poco condito e molto gustoso.
Buona giornata.

NOTA Affluente

Potete usare le vongole dell'Atlantico sotto vuoto che sono molto buone e non hanno bisogno di particolari attenzioni prima dell'uso. Hanno il colore del guscio come le nostre o trovate quelle a guscio bianco.

Potete anche usare altri molluschi come le cozze se preferite oppure metà e metà.

PS.
Finalmente domani sabato rientrerò salvo eventuali altri problemi del mio pc. Non vedo l'ora lavorare con il notebook e/o smartphone è un incubo per non avere tutto quello che mi necessita. Ora dovrò ricominciare a installare programmi vari ma andrà tutto al meglio. :D :D 

13/12/16

Arrotolata di maiale arrosto in salsa di funghi, olive e capperi

Ogni tanto mi diletto a fare un arrosto o brasato. Il primo è quasi sempre di maiale mentre il secondo di manzo oppure uso il guanciale che richiede una cottura lunga ma come brasato è perfetto.
Ieri avevamo mangiato il minestrone di verdure ma oggi ci voleva un piatto un pò più diciamo sostanzioso ed mi sono lasciata convincere dal mio macellaio questo arrotolato con tanto di retina ma senza alcun ripieno che a me non piace.
Solo l'arrosto senza un pò di sughetto.... avevo degli ingredienti a casa che mi sembravano ottimi per un sughetto particolare e corposo e quindi detto e fatto e ....come dice la trasmissione Tv "Cotto e Mangiato" :) :)

Ingrediente per 2 persone (abbondante)
750 g arrotolato di maiale pronto nella retina
1 busta surgelata di funghi misti
1 vasetto di funghi sott'olio (avevo le taggiasche)
1 cucchiaio di capperi sotto sale (ma non dissalateli)
1 cucchiaino di patè di olive
1/2 lt di brodo vegetale
prezzemolo- erba cipollina - 2 spicchi di aglio - sale - pepe
2 cucchiaio di olio (ho usato quello di semi)
 1 bicchiere di vino bianco





Preparazione

In una casseruola con un pò d'olio, l'aglio tagliato sottile ed  ho dato il primo via all'arrotolota per chiudere i pori e dare una crosticina al maiale.
Successivamente ho aggiunto e sfumato il vino e poi il brodo vegetale che nel frattempo mi ero preparata.
A casseruola coperta ho cotto bagnando ogni tanto con il brodo per complessivi 45 minuti a fuoco medio.
Tolto l'arrosto, ho allungato con un pò di brodo il fondo di cottura, aggiunto i funghi non decongelati, gli aromi e cotto fino a quando questi non si sono decongelati ed ammorbiti. Casseruola coperta ho continuato la cottura per 20 minuti. Poi ho aggiunto le olive, i capperi non dissalati e proseguito la cottura per altri 5 minuti e poi con il frullino ad immersione ho frullato tutto a crema.
Se troppo liquido alzate un pò la fiamma, verificate la sapidità e aggiungete la pasta di olive e mescolate bene.
Tagliate l'arrosto a fette spesse e metteteli in una padella per riscaldarli un pò e poi versate la salsa su tutto e fate insaporire.
Impiattate ben caldo con il sughetto e una spruzzata di prezzemolo.

Come contorno un insalata fresca per marito....zzo e per me un pò di patate fritte ma in forno che poi ho diviso con la mia dolce mtà...anzi se ne appropriato :) :)

Come vino, abbiamo bevuto un Nero d'Avola - un rosso molto robusto come piace a me che però bevo solo mezzo bicchiere.

Buona appetito e buona giornata.


NOTA Affluente 
Questo post l'ho preparato tempo non è il massimo come presentazione e immagini ma purtroppo non posso rimediare perchè il mio PC fisso è...morto. Forse lunedi il mio tecnico riuscirà a fare qualcosa ma è partita la scheda video...purtroppo.
Scusatemi, ho parecchi post già fatti e spero almeno con quelli di poter continuare le condivisioni.
Scusatemi anche se non sarò cosi celere nelle risposte ai vostri commenti e le mie visite ai vostri blog.
Buon martedi.

11/12/16

Intermezzo Domenicale !!! ....La Faglia di Silfra .. e vi porto in Islanda

La "Faglia di Silfra - Silfra Fissure" che si trova nel cuore Þingvellir National Park in Islanda è una fessura che divide la placca nordamericana da quella euroasiatica del nostro Pianeta. Qui si può nuotare proprio tra i due continenti ed immergersi nelle sue acque cristalline significa appunto fare un viaggio a nuoto in mezzo a questi due continenti.
L'acqua è gelida e cristalline e permettere una visibilità oltre i 100 metri ed il panorama subacqueo è oltre ogni immaginazione.
In questa parte dell'Islanda le due placche tettoniche si sono incontrate e, sempre qui, si distanziano di circa 2 centimetri che causano terremoti con frequenca decennale.
E' un paradiso terrestre ed inoltre, Silfra è anche considerata un luogo di altissimo interesse archeologico, paradiso per gli amanti - i più temerari - delle immersioni i quali si potranno avventurare nelle tre sezioni in cui questa fessura si divide: il salone, la laguna e la cattedrale.

Le informazioni che sono riuscita a trovare sono da WIKI QUI ma solo in lingua inglese che però potete fa tradurre da google anche se sarà una traduzione alquanto carente :(.
Altre informazioni le ho tratte da questi siti GreenMe Silfra e da quest'altro Islanda.it Silfra che vi prego di andare a dare un occhiata perchè veramente merita. Inoltre sul sito GreenMe... ci sono anche due video stupendi fatti dai subacquei che hanno effettuato la "nuotata". Purtroppo uno di questi video si vede su YouTube ma non permette di accedere al codice per postarlo qui e l'altro è solo presente in questo sito ed è quello che merita veramente.

Io vi metto alcune immagini tratte da questi tre sitie sotto ognuna indico i credits di ciascuno mentre i link diretti sono indicati qui sopra e evidenziati.




Queste due immagini crediti tratte da Wiki Inglese



Queste tre immagini crediti tratte dal sito GreenMe



Questa immagine crediti tratta dal sito Islanda.it


E' una vera chicca, non ne sapevo l'esistenza ma per me che ho fatto il sub è una cosa bellissima peccato non averlo saputo prima penso che in qualche modo ci sarei andata. Con la muta in acqua fredde e cristalline ma non da sola mi sarei buttata in questa avventura. La voglia ci sarebbe ma purtroppo non più la possibilità oltre che anche l'età :( :( 
Guardatevi il filmato dell'immersione è un altro mondo.
Spero che questo post vi porti un pò magari con la fantasia in Islanda questo paese pressochè sconosciuto dalla maggioranza ma affascinante.
Vi auguro un buona e serena domenica di Avvento. 


09/12/16

Memento Solonico compie 7 anni : Auguri - Buon Compiblog

Dall'anno scorso mi ero ripromessa di fare per il settimo anno del mio blog qualcosa di carino e magari un Giveaway oppure altro... ma putroppo anche se il tempo c'era questo poi è ...sparito.
Come sapranno le amiche che mi hanno letta, quest'estate è stato un disastro per tutti noi. Lo sfilacciamente quasi totale del tendine di Achille di mio marito accaduto proprio 4 giorni dopo inizio della nostre vacanze in campeggio ha dato il via al NON avere più tempo nemmeno di pensare e organizzare.
Il resto dell'estate tra gessi, recuperi ecc. siamo andati avanti quasi fino alla fine di settembre e poi un'operazione molto delicata al palato per una ciste di mio genero....insomma mai pace.  Penso che mi capirete se vi dico che in questi mesi la casa nell'insieme è stata.... un pò trascurata. Per fortuna che ho una mansarda esclusivamente a nostro uso per cui con il sistema scala a chiocciola interno e le sante parole....porta tutto su quello che giù non va bene tanto non vede nessuno... abbiamo fatto una fitta raccolta :( :( Certo che non vede nessuno ma io ho impiegato tra mettere in ordine, cambio di stagione, vuotare la roulotte/caravan e renderla...agibile come deposito delle cose estive :) :) un sacco di tempo arrivando a dicembre senza accorgermi e senza aver ancora pensato a nulla : mi dispiace ma sono a mani vuote. :(  Non vorrei essere tacciata per retorica ma vi ricordate una frase che dicevano i nostri nonni ... l'uomo propone e Dio dispone" nulla a che vedere a mio avviso con la religione ma un modo di dire e che poi qualcuno ci credeva non cambia nulla al presente contesto.

Cosa dire, non mi sono nemmeno resa conto che sono già passati 7 anni e che allora ne avevo 66 e già mi si prendevano in giro che così "vintage" andavo ad aprire blog, iscrivermi nei social network, ecc.ecc. ma hanno sbagliato. A me l'informatica, se cosi posso chiamarla, già usata per lavoro, mi è sempre piaciuta ed i miei primi approcci con il computer ad oggi sono già passati una trentina di anni. Dall'avvento dei primi "Personal Computer alias PC" anche se internet esisteva si ma non per tutti ed il "WEB - World Wide Web" la "Grande Ragnatela" era ad uso esclusivo militare e solo dopo parecchio tempo veniva messo a a disposizioni di tutti e Bill Gates iniziava a diventare "NOTO".

Posso dire che i contatti che ho avuto tramite il mio blog e come in tutte le cose esiste il positivo e negativo.  Io ritengo che anche il negativo non è mai tale, in fondo c'insegna comunque qualcosa che servirà nella vita e ne fa parte. Il blog, nonostante i pareri contrari di amici che l'avevano e secondo il mio amico web master che mi aveva aiutata, creare un blog "multitema" sarebbe stato un ...cosidetto buco nell'acqua... :( :(  Io sono andata avanti ugualmente e penso di non avere avuto torto perchè rispecchia esattamente il mio carattere, il mio essere curiosa in tutto anche verso la nuova tecnologia che si pensa sia solo appannaggio dei giovani.  Certo anche la cucina ne fa parte ma come gli altri argomenti trattati, nessuno è predominante.
In questo ultimo periodo avendo molto spesso a Trieste il nostro amico d'infanzia che vive a Venezia, ho abbondato nella ricerca di piatti un pò particolari essendo come si dice "una buona forchetta" e le solite cose.....per quanto buone diventano monotone  :D :D ma senza accantonare nessun tema.
Il glossario che va piano... se lo si vuole fare bene :), i consigli tratti da un vecchissimo libretto ancora da consultare..., ecc., ho pensato di fare dei PDF e metterli online in modo che tutti voi se li gradite potrete accedere e anche scaricarli.
Personalmente mi sento una "giovane vintage" sia nello spirito ma anche nel fisico non mi posso lamentare. Lo sport praticato da sempre come  pesca subacque con bombole ed in apnea, gare di nuoto ecc. ginnastica in varie discipline, mi hanno certamente aiutata a mantenermi in forma. Ancora oggi, anche se limitatamente al solo nuoto che pratico due volte alla settimana: le mie 40-45 vasche (calcolate voi la distanza) per 25 mt l'una non me li toglie nessuno :) Purtroppo la pesca in apnea non lo posso più fare dopo aver avuto 15 anni fa a 58 anni un "infartino". E' possbile farlo ma solo con le bombole perchè la respirazione sarebbe continua e non trattenuta come l'apnea. Sapete in fondo non mi interessa... l'ho già provato e goduto e mi sono divertita sott'acqua ....tutto ha il suo tempo !
Ho anche la palestra in casa con macchinari che usa marito alla quale accedo anch'io non con una regolarità :D e poi ho 14 scalini della scala a chiocciola interna che faccio come minimo 20-25 volte al giorno. Direte come mai tante volte al giorno.... è che in mansarda c'è la mia postazione computer, il mio angolo artistico di cucito e pittura su tela e stoffa oltre ad altri utili di casa come stirare....li su si stà più freschi sotto il tetto - anche se in inverno si gela.... mentre in estate ci si arrostisce...  :D :D
Si anch'io ho i miei piccoli doloretti, spalla - ginocchio ecc., ma non  saranno mai questi dolori a fermarmi che sopperisco appunto continuando con lo sport ed il nuoto è il massimo. Sapete dopo un pò ci si abitua anche al dolore ed alle volte ci si chiede ...ma è sparito !!!

Penso di aver parlato troppo di me, ringrazio chi sarà arrivato fino in fondo...stoico/a... e vi auguro ogni bene e buona prosecuzione per l'anno che verrà visto che ormai siamo agli sgoccioli. Certo ci sentiremo ancora per gli auguri di Natale e Anno Nuovo.
Vi ringrazio per avermi seguita e vi raccomando se non riuscite a passare o lo fate dopo tempo o non riuscite, non ci sono problemi io capisco ognuno ha i suoi tempi e molte cose da fare in seno alla famiglia, figli, lavoro che sono molto più importanti. Io passerò sempre,  indipendentemente se mi leggerete o meno, io vi leggo perchè mi fa piacere scoprire cose che non conosco e anche seguirvi per la bella amicizia che si è instaurata con molte di voi. Parecchie sono "sparite" non hanno più i blog, altre si sono stufate e vanno su altri... lidi e, in minima parte per fortuna,  sono quelle che aspettano di ricevere prima la visita e solo dopo passano ....e, credetemi, se è questo il loro modo di agire con gli amici è meglio che non passino.

Amici cari non ho fatto dolci anche perchè non devo mangiarli e mi riservo almeno qualche piccolezza per Natale. Avevo preparato un piccolo video di Natale ma purtroppo a causa rottura scheda video del mio pc non è stato possibile realizzarlo. Scrivo questo post dal mio notebook molto limitato :( :( ma, vi lascio almeno con un fiore trovato sul web gratis.




Con affetto vi auguro una buonissima giornata ed un fine settimana stupenda.



PS. 
Questa sera ho fatto delle foto della mia città in veste natalizia e sono riuscita anche a scaricarle sul notebook perchè l'altro pc è "morto" - scusate se non sono splendide :( :(

Piazza Unità d'Italia ci sono 12 alberi illuminati per parte bellissimo


 Sempre Piazza Unità d'Italia

 Presepe in Piazza della Borsa


Uno dei tanti sparsi alberi illuminti quest'anno per la città... questo è in 
P.zza S.Antonio e la gente che vedete sta bevendo il vino brulè, fa un pò freddino

Una strada del centro pedonabile
(Tutte le foto clic sopra di esse per ingrandirle, qui non mi è possibile postarle più grandi)

06/12/16

Crepes farcita piegata a metà poi farina, uovo e pane grattugiato e passata in forno

Io adoro le crepes o come la chiamiamo noi a Trieste e cosi anche in Austria e Germania "Palatschinken" che sono +/- la stessa cosa solo che le crepes sono un pò più sottili. Da non confondere con "omelette o omelette confeture" che è una frittata con molte uova cotta solo da una parte e poi piegata a lunetta con farcitura di formaggio o altro ma anche dolce.
Questa "crepes" è particolare perchè dopo la cottura viene farcita, piegata a metà e passata nella farina, uovo e pane grattugiato per essere fritta. Siccome il fritto non va bene per me l'ho cotta in forno e vi assicuro che era squisita e croccante al punto  giusto.
Questo piatto è stato presentato tanti anni fa dalla televisione tedesca in una trasmissione appunto di cucina sul tipo di Alice TV giusto per citare quella attualmente più nota.
Io memorizzo le ricette guardando, ma poi devo anche annotarmi gli ingredienti di base. Sinceramente non perchè mi piace modificare ma non riesco mai a copiare una ricetta ci devo mettere sempre qualcosa di "personale"come d'altronde lo fanno anche i "chef" ma forse per non essere tacciati da "copioni".

Ingredienti per 3 crepes grandi

200 ml di latte 
farina q.b.
sale 
3 fette di prosciutto cotto possibilmente tonde
2-3 fette di provolone
50 g di salame ungherese (o altro a vostro piacere)
pane grattugiato q,b,
1-2 cucchiaini semi di sesamo
1 uovo
burro o olio per cuocere le crepes

Per la salsa 
2 confezioni di yougurt parzialmente scremato
1/2 tubetto di Wasabi 
(lo trovate nei centri commerciali rep.etnici)
1 cucchiaio di panna fresca




Preparazione
In una terrina metto 200 ml di latte in questo caso ed aggiungo poco alla volta la farina e l'uovo fino ad avere la densità giusta, un pò di sale e poi la lascio riposare per 30 minuti anche 1 ora in frigo.

NOTA
Io inizio sempre con il latte in questo modo mi regolo sulla quantità di crepes che devo fare aggiungendo poco alla volta la farina fino alla densità giusta. Viceversa mettendo al caso troppa farina la pastella sarebbe tanta che avrei da fare crepes per un esercito :)


Per cuocere le crepes normalmente si usava il burro ma io preferisco ungere pochissimo una padella antiaderente con un pò d'olio di semi (evo troppo forte come sapore). La padella usata questa volta era una del diametro di 24, mi serviva un crepes grande.
Versate un pò di pastella nella padella calda, ruotate fino a coprirla tutta, cuocete pochi minuti da una parte il tempo di rapprendersi poi la girate e come prende un pò di calore la togliete e mettetela su un piatto tiepido. Continuate cosi fino ad esaurimento della pastella ne dovrebbero riuscire 3 al massimo 4 dipende dalla grandezza della padella che userete.

Scaldate il forno a 160° e mettete della carta da forno sulla leccarda.
Coprite la crepes con una fetta di prosciutto cotto, con 1-2 fettine di formaggio se sono piccole e 1-2 le fettine  di salame ungherese e piegate il tutto a metà badando che i bordi siano privi di farcitura.

Mescolate il pane grattuggiato con il sesamo e sbattete un uovo con un pò di sale ed un goccio di latte.
Passate le crepes  delicamente prima nella farina, poi nell'uovo bagnando in particolare i bordi e passate poi nel pane grattugiato misto e subito sulla carta da forno (io uso quella antiaderente).
Passate in forno a 180° e lasciatele per 10 minuti e poi giratele dall'altra parte per altri 5-8 minuti.
Se le volete più colorate accendete il grill basteranno 3 minuti per parte.


Preparate la salsa mescolando lo yougurt con un cucchiaio di panna fresca, sale, pepe e sbattete in modo che si amalgami bene. Il Wasabi è piccante e se preferite una maggior piccantezza aumentate la dose.
I miei commensali l'hanno usata a fianco della crepes intingendo il pezzetto tagliato. Io invece l'ho subito versato sulla crepes prima di tagliarla a pezzetti.

Buon appetito.


NOTA Affluente
Avevo gia postato una ricetta sulle crepes con altre farciture e curiosità che trovate
  QUI


Guardando indietro nelle mie ricette, quelle fatte con le crepes ci sono diverse con varie farciture sia in forno che a tortino. Se avete piacere le potete trovare cliccando nel cerca qui sulla sinistra con la parola crepes.




PS.
Vorrei chiedere scusa alla mie amiche se risponderò in ritardo ai loro commenti e se salterò qualche visita nei loro blog, ma il mio PC ieri sera si è bloccato e sembra che la scheda video sia saltata e non sia solo questo il problema gia notevole. 
Resterò in contatto con il PC di mio marito ma purtroppo non ho a disposizione tutti i miei programmi e appunti per le ricette e parte con la connessione del mio smartphone ma limitato.
Vi ringrazio per la vostra comprensione e vi abbraccio augurandovi una buona continuazione di settimana.
 
Memento SolonicodiEdvigeDesign byIole