Il riposo della guerriera "Ciccia"

Il riposo della guerriera "Ciccia"
Troppo stanca deve riprendersi per fare la ronda stasera - Foto personale

29/11/13

Zuppa di vongole ...e non solo

Devo premettere che ho sempre detestato le zuppe, minestre o brodo.
Mio nonno soleva dire che " il brodo era un lavastomighi ovvero per lavare lo stomaco" oppure " il brodo serve per abbassare lo stomaco in modo che poi si mangi di più"  Non ero d'accordo con nessuna delle due, detestavo il brodo e se lo mangiavo ero talmente sazia, magari solo per poco, che non m'entrava altro. Cosa volete i vecchi avevano le loro massime........
Ho scoperto però che se non le fai troppo liquide ma con una giusta densità per accompagnare con fette di pane tostato o altro a secondo del tipo di zuppa, non è niente male. Ovviamente non la solita "zuppa o minestra" ma qualcosa di particolare come questa che segue che ho modifica dall'originale. Ho mantenuto solo gli odori, vongole e fagioli anche perchè ho usato quello che avevo in casa.....insomma un mezzo  riciclo.


Ingredienti per 3 persone
1 scatola di fagioli bianchi di spagna
1 scatola di fagioli canellini
1 bottiglietta piccola di vino bianco (250 ml)
450 g di vongole (io surgelate) e quindi a peso netto  oppure
1 kg di vongole veraci fresche
1 costola di sedano
3 spicchi di aglio
2 carote medie
2 scalogni medi o 3 piccoli
1 cucchiaio di prezzemolo
1 dado di quelli gelatinosi di pesce
1/2 cucchianino di concentrato di pesce (esistono piccole confezioni che si conservano a lungo in frigo per insaporire)
1 cucchiaino di bottarga
1 cucchiaino di cardamono in polvere (potete usare anche pistilli di zafferano)
sale - pepe se piace



 (le mie foto fanno.. ma vi assicuro che era buonissima e clic per ingrandire)



Preparazione
Se usate le vongole fresche ricordatevi di farle spurgare in acqua e sale e poi farle aprire come al solito conservando l'acqua rilasciata che conserverete e filterete prima di usarla.
Se invece usate le vongole surgelate non serve farle scongelare  le mettete in pentola ancora surgelate assieme al liquido è il loro "brodo".
In un tegame alto versate un pò d'olio evo (io ho usato quello di semi) e fate appassire dopo averle tagliato grossolanamente  sedano, carota, scalogno, aglio. Aggiungo un pò d'acqua a coprire, il vino che lascio un pò evaporare e la scatola di fagioli canellini lasciando e cuocere coperto per circa 10-15 minuti.
Dopo, mettere tutto ancora caldo (attente a non scottarvi) in un bicchiere alto per usare il frullatore ad immersione (ho visto che stretto e alto funziona meglio) probabilmente tutte lo avranno in casa.
Dopo frullato il tutto, rimettelo nel tegame alto, aggiungete ancora circa 500 ml.di acqua tiepida e le vongole con la loro acqua ghiacciata se usate le surgelate, altrimenti le fresche assieme al liquido che avete conservato e filtrato. Mettete il dado, la punta di ristretto di pesce e lasciate cuocere per ancora una decina di minuti.
Se vi sembra troppo liquido potete usare se avete,  un cucchianino di Agar Agar o maizena come addensante.
Poco prima della fine cottura  mettete i fagioli bianchi di spagna, il cardamono per dare colore e sapore e verificate il sale e pepate se vi piace.
Il tutto deve diventare abbastanza denso ma ma non troppo per inzuppare le fette di pane tostato magari sfregate con l'aglio.

Se vi avanza vi assicuro che il giorno dopo è ancora più buona.

Un saluto e buona giornata a tutti.


27/11/13

PER CHI E' CURIOSO.......

Non so voi ma io mi soffermo spesso su parole, azioni, colori, cose che mi affascinano, ecc. e mi chiedo perchè ha quel colore, perchè quell'azione deve essere fatta così, perchè quel lavoro deve essere svolto così, perche...perchè... !!!!!!!

Vi siete mai chiesti perchè il mare è BLU' ??????
Io si, ma non mi sono mai soffermata per cercare una spiegazione magari scientifica o altra in quanto il mare fa parte della mia vita da sempre. E' blu quando c'è il vento ovvero la nostra "bora", è grigio quando arrivano le nubi scure per il temporale in arrivo, è azzurro pallido quando splende il sole o quando in quel punto l'acqua è bassa per divenire poi scura man mano che la profondità aumenta. Sono tutte cose che ho sempre davanti agli occhi ma, un giorno,  casualmente leggo un trafiletto su un giornale con una spiegazione sul perchè il mare è blu che vi riporto di come la ricordo....
"è blu perchè riflette il colore del cielo ma è blu anche quando il cielo è grigio di tempesta e quindi come mai???? Dovrebbe essere scuro ma  invece questo dipende dal cosidetto "effetto RAMAN"
Il sole che manda la sua luce è formata da tante onde diverse ed ognuna corrisponde ad un determinato colore. Queste, quando attraversano l'acqua vengono assorbite e spariscono alla nostra vista, ,a noi non ce ne accorgiamo. Le onde di colore rosso e giallo vengono assorbite subito, poi a una profondità maggiore il verde ed il viola. Le onde blu invece riescono a penetrare per ben 400 metri rimanendo però le uniche visibili all'occhio umano."
 Questo è il lago Woerther l'occhio vede verde per quanto lo circonda

Il mare del mio stabilimento balneare è azzurro intenso pur essendo il cielo chiarissimo

La domanda sorge spotanea, perchè si chiamata "effetto Raman" e chi ha scoperto ????? 
Nel 1928 il fisico indiano RAMAN da cui prende nome "effetto Raman", durante una lunghissima traversata dall'India all'Inghilterra si rese conto e notò che il mare rimaneva blu nonostante il cielo fosse di un colore plumbeo.
Inizialmente pensò che fossero le molecole dell'acqua a diffondere la luce ma non ne era convinto infatti si sbagliava.
Dai studi che effettuò su questo diciamo "fenomeno" che durò diversi anni, arrivò a quello che oggi viene appunto chiamato "Effetto Raman".
Questo effetto è dovuto alle particelle sospese nel liquido che diffondono la luce nel mare eliminando le ombre solo a pochi metri di profondità. Ma ciò che ne definisce il colore blu è l'assorbimento ovvero la radiazione luminosa del sole che è formata da onde eletromagnetiche con diverse lunghezze d'onda.
Il nostro occhio vede solo lunghezze d'onda inferiori all'infrarosso ovvero al rosso, l'arancione, il giallo, il verde, il blu, l'indaco e il violetto. L'acqua invece assorbe i raggi luminosi in base alla profondita.
In questo modo vengono eliminate le onde elettromagnetiche della regione rosso e di altri colori che a scarsa profondità si percepiscono come nero mentre l'acqua fa vedere all'occhio il colore blu fino a 400 metri di profondita e questo diventa quell'inconfondibile colore blu del mare. 

Il fisico Sir Chandrasekhara Venkata Raman  nato a Tiruchirapalli nel 1888 e morto a Bangalore nel 1970 è stato anche Premio Nobel nel 1930 proprio per la fisica e quale riconoscimento per gli studi sulla diffusione della luce e per la scoperta di quello che poi si chiamò "Effetto Raman".
Raman è anche zio di Subrahmanyan Chandrasekhar che è stato Premio Nobel nel 1983 sempre per la fisica. 

Tutte queste informazione le ho trovate e riportate parzialmente con mie parole QUI  e QUI ma il discorso è lungo e se siete curiosi andate a vedere.

Certo tutte queste nozioni/informazioni non sempre rimangono nella memoria ma siate certi che in un angolino remoto ove ci sono i famosi cassetti....alla parola Raman qualcosa vi ritornerà in mente e potrete così aiutare magari vostro figlio o nipote dando una bella spiegazione e stimolando anche la ricerca della stessa. 
Io dico sempre "nulla è o va perduto" perchè tutto fa parte di una bagaglio culturale che è molto più efficace di quello che si apprende a scuola che essendo un obbligo molte volte dopo averlo usato viene immediatamente dimenticato. Queste ricerche invece sono volute e quindi rimangono molto più impresse e ricordate.

Buona giornata miei cari amici alla prossima.

25/11/13

Giurgiulèna

Non mi dite che vado sempre alla ricerca di parole o situazioni curiose e forse anche inusuali perchè mio malgrado dovrei dirvi che avete ....RAGIONE!!!!!
Cosa volete sono fatta cosi ed alle solie dei miei settanta non ho nessuna intenzione di cambiare, fino a che la testa come detto tante volte funziona a dovere.
Maritozzo mio dice che quello che mi salva.....per il momento ancora...è la memoria anche se la mia è solo visiva ma per nomi e date sono una frana. Mi salvo perchè chiudendo gli occhi visualizzo tutto quello che ho visto non ha importanza di dove, come o da quanto tempo.....ah se fossi superman con la sua vista per proiettare quello che ho visto sarebbe magnifico !!!!

Ho letto quindi la parola "giuggiulena" e da questa sono partita per saperne di più anche se la parola stessa nello scritto indicava di cosa trattavasi ma, io non ero sodisfatta.
Quindi cosa vuol dire e di cosa si tratta ?????

La parola "giuggiulena o cubàita " sono gli altri due nomi della "giurgiulèna" che sta ad indicare nel dialetto siciliane e calabrese il "sesamo". Viene chiamato anche gigiolena o ciciulena olte che giuggiulena.
Viene utilizzato...il sesamo naturalmente, assieme al miele e fissati dalla caramellizzazione degli zuccheri nei famosi "croccanti al sesamo" che si trovano per Natale nelle pasticcerie oppure sulle bancherelle delle Fiere.
In versione arrichite si aggiunge anche mandorle e scorzette di arancia candite e diventano un simile al torroncino.
La preparazione è alquanto lunga e laboriosa e richiede un riposo di almeno 24 ore.
Usualmente dopo aver preparato l'impasto, versato su un piano e fatto raffreddare ma,  ancora tiepido viene tagliato a rombi o rettangoli. Alle volte si presentano leggermente colorati perchè cosparsi da confertti appunto colorati e poi  presentati anche su aromatiche foglie di arancio. 
Come molti dolci siciliani anche la giuggiulena o dolcetti al sesamo e miele sono un eredità araba.
Tutte le informazioni le ho estrapolate da Wiki come anche l'immgaine sottostante.


 

 La mia curiosità è nata da un articolo inerente il pane che viene presentato con la "giuggiulena" ovvero cosparso di sesamo con un profumo particolare dovuto  al fatto che il lievito usato è il lievito madre in quanto usano lasciare da parte da produzioni precedenti e di lavorazione una parte per essere usato in successive panificazioni. Questo impasto viene lavorato in grandi vasche di legno manualmente.
Il profumo che emana  sa di legno e riporta a chi lo può gustare a sapori e metodi antichi che testimoniano la genuinità del prodotto.

Vi posto la foto di un tipo di pane con il sesamo trovato sul web - sono le cosidetta mafalde








e questo è il link pane alla giuggiulena  con le indicazioni di come viene prodotto.

Vi auguro una buona giornata e perchè no, fate i croccanti al sesamo i bambini e non solo ne andranno matti e a questo uso vi lascio il link per il croccante al sesamo

Ciaooooo

24/11/13

Intermezzo domenicale !!! (42)



Questa è l'ultima domenica Novembrina poi con la prossima siamo in Dicembre, per me  il mese più corto. Ho meno cose da fare che nel passato lavorativo ma ugualmente tantissime, sembra che me le vada a cercare ma non è così arrivano senza che io le chiami....
Finalmente si chiude questo mese che veramente è stato impossibile considerando i spandimenti che ho avuto uno dietro l'altro con operai in casa, impossibilità a servirmi degnamente del bagno principale, polvere e rumori assordanti di trapano e sempre gente per la casa per quasi 5 settimane.
Ora mi aspetta il lavoro di rimessa in ordine che sarà anche impegnativo e pesante perchè devo fare ripetutamente per mettere a posto una scala interna di 14 scalini, penso almeno 20-30 volte ......fate il conto voi di quanti scalini al giorno !!!  Dicono che fare le scale fa bene però qui mi sa che si esagerera ....
Il fatto è che voglio sia tutto a posto quanto prima perchè l'albero di Natale lo faccio da sempre già ai primi giorni di dicembre.
Purtroppo non è un albero vivo e profumato come nei tempi passati ma, il vero costerebbe tanto e durerebbe con il caldo secco in casa poco e poi mi piace pensare che anche se sono alberi di vivaio almeno uno, il mio rimanga nella terra.
Ho molti video da farvi vedere ma considerando il tema festivo a cui andiamo incontro la scelta diventa più ardua. Il primo che voglio condividere con voi e non solo per le immagini che sono belle, ma per la musica "Il Flauto di Pan" suonato da Vangelis  che trovo stupendo. Le immagini che vedete si riferiscono alla Terza Stagione dell'Anno, l'autunno quella corrente.




Ho pensato anche di condividere con voi delle bellissime immagini di animali "Mamme ed i loro piccoli" che sono versamente deliziosi. La musica di sottofondo è una canzone francese non è male e spero che la possiate udire bene.




Non mi stuferò mai di chiedervi scusa se non sentite bene ma purtroppo per condividere con voi sono obbligata a convertire e non posso nemmeno passarle attraverso YouTube perchè presentazioni in PowerPoint non sono accettate e devono obbligatoriamente essere convertite in AVI. Passarle dopo convertite via YouTube o direttamente qui non cambia assolutamente nulla nella qualità ma posso solo cercare di fare del mio meglio e spero di esserci riuscita.

Un abbraccio e buona domenica a tutti.


PS.
Un aggiunta dell'ultima ora, ho ritrovato il video dei gatti che rubano la cuccia dei cani che avevo messo in un post domenicale ma che all'ultimo momento era sparito su YouTube.
Ora è riapparso.....e siccome lo trovo veramente carino che questi cani grandi si lascino "fregare" la loro cuccia anche se poi se la riprendono, desidero condividerlo con voi sperando che fino a domani non sparisca di nuovo. Ciaoooo




22/11/13

Curiosità dal Mondo

Anche questa volta due foto particolari hanno attirato la mia curiosità e come al solito devo andare a vedere di cosa trattasi.
La prima è il più piccolo fiore al mondo la

"WOLFFIA"

Questo è il più piccolo fiore al mondo. E' una ianta acquatica e vive in stagni e risaie. La sua collocazione la vede in Europa, Africa e Asia. La specie "Wolffia arrhiza" e presente in Italia, è priva di foglie, radici e fusto in quanto consiste in un piccolo globulo del diametro di un millimetro. Sta comoda anche su una capocchia di spillo.
Wolffia è un genere di 9-11 specie chiamato anche watermeal o lenticchia d'acqua. 
Assomigliano granelli di farina di mais che galleggiano sull'acqua. Sono di colore verde o giallo-verde ed è prodotto in una depressione sulla superficie superiore del corpo dell'impianto con stame e pistillo. Galleggiando insieme ad esempio a coppie e possono formare anche una tappeto galleggiante. Le Wolffia sono composte da circa il 40 per cento di proteine circa come la stessa soia e per questo sono una fonte di cibo ad alto contenuto proteico umano. Per questo il Thailandia li mangiano con il nome di "uova d'acqua" ma anche in gran  parte dell'Asia. (Foto qui sotto da Wiki inglese)


Ogni granello è un singolo impianto




La secondo è invece l'opposto il grandifoglie la

"WELWITSCHIA"

La "welwitschia mirabilis" è un vero e proprio albero,  parente dei pini e abeti. Il tronco è basso ma largo con una radice e due foglie  - solo due che però possono raggiungere anche 5 metri di lunghezza. La base di queste cresce continuamente mentre si seccano le punte. Può vivere la bellezza di ...2000 anni.
In Africa, in lingua africaans è chiamata tweeblaarkanniedood e significa "due foglie non possono morire".
Si diffonde nell'Africa sud-occidentale e nelle zone desertiche del Kalaharu e della Namib ed ancora tra l'Angola e la Namibia.
È l'unica specie dell'ordine Welwitschiales e della famiglia delle Welwitschiaceae.
Il nome "Welwitschia" deriva da Friedrich Welwitsch il botanico austriaco che per primo ne documentò l'esistenza presso la comunità scientifica europea. L'aggettivo mirabilis si riferisce alla forma insolita della pianta. 

L'esemplare più grande di Welwitschia conosciuto, soprannominato The Big Welwitschia, raggiunge un'altezza di 1,40 m e un diametro di 4 m.
E' proprio vero che la natura stupisce sempre, da quello infinitesimale all'enorme, bellissimo e interessante.
Tutte le info e la foto le ho prese da QUI

Auguro a tutti una bellissima giornata.

20/11/13

Schiacciate di....cicerchia


Questa ricetta è partita da cosa dovevo fare con un sacchetto di cicerchie.
Per chi non l'avesse mai sentita, la cicerchia è un legume appartenente alla famiglia delle Fabaceae.
Viene coltivato per il consumo umano in Asia, Africa orientale e limitatamente anche in Europa. E' importante la coltura di questo legume perchè si può coltivare bene anche in presenza di luoghi ad alta siccità e/o tendenti alla carestia perchè fornisce un buon raccolto quando altre colture falliscono. Come legume è molto nutriente.
E' anche nota con altri nomi come pisello d'erba, veccia indiana o pisello indiano, veccia bianca, almorta o alveriòn in Spagna, chicharos in Portogallo, guaya in Etiopia e khesari in India.
In italia è limitata in alcune aree del centro e centro sud ma è purtroppo in costante declino.
Per alcune regioni quali Lazio, Marche, Puglia e Umbria queste hanno ottenuto per la produzione delle cicerchie il riconoscimento di prodotto agroalimentare tradizionale italiano dal Ministero delle Politiche Agricole.
Altre info. QUI.


Cicerchie essicate del Molise da Wiki

Ed ecco la mia ricette, un pò inventata ed un pò ricordo di quella gustata dal nostro amico ristoratore a Sapri (SA).

Ingredienti
300 gr di cicerchie secche
200 gr di patate
100 gr di fontina (o altro che possa fondersi)
100 gr di prosciutto cotto (oppure anche crudo, speck o altro a vostro piacere)
100 gr di formaggio gratuggiato
2 uova
pane gratuggiato q.b.
sale - noce moscata - 
olio per friggere o burro chiarificato oppure margarina

 
Foto non granchè usciti dal forno...


Preparazione
Mettete a bagno tutta la notte le cicerchie in acqua (come si fa con i fagioli secchi).
Sciacquatele bene sotto l'acqua corrente e mettetele a cuocere in abbondante acqua (non salata) per circa 90 minuti oppure nella pentola a pressione per circa 35-40 minuti.
Lessate a parte con la buccia le patate.
Scolate le cicerchie, pelate le patate, aggiungete 1 bicchiere d'acqua e frullate il tutto molto bene in quanto anche le pellicine devono venire tritate molto bene per rendere l'impasto compatto (toglierle quando cotte è utopia...).
Aggiungete poi il fomaggio, sale e mescolate bene. Se il composto vi sembra troppo tenero aggiungete una bella manciata di pane gratuggiato. Il composto deve avere la consistenza di polpette.
In un piatto rompete e sbattete le uova e vicino preparatevi un contenitore con il pane gratuggiato.
In una padella capiente mettete l'olio non tanto perchè man mano che le friggete ne dovrete aggiungerete altro in quanto le polpette leggermente schiacciate non devono nuotare nell'olio.
Formate della pallline come polpette appunto, passatele nell'uovo e poi nel pane gratuggiato e prima di metterle in padella le schiacciate un pò affinchè diventino più sottili e larghe e friggitele a fuoco alto da ambo le parti.
Preparate una capiente contenitore da forno oppureusate la leccarda foderandola con carta da forno e mettete queste polpettine schiacciate una vicino all'altra.
Completate con una fetta di prosciutto (o quello che avete scelto) ed una fetta di formaggio.
Passate il tutto in forno sotto il grill fino e lasciatele fino a quando il fomaggio si sarà sciolto e un pò colorato.
Togliete dal forno, aspettate una paio di minuti prima di impiattare.
Servite subito caldo magari cospargete ancora un pò di formaggio grattuggiato ed una macinata di pepe.
Un insalata fresca completerà il tutto.


NOTA
L'impasto secondo le quantià indicate sono abbondanti e in leccarda mi sono stati circa 20 polpettine schiacciate. L'impasto che mi è rimasto l'ho conservato in frigo ed il giorno dopo ho aggiunto 1 uovo e circa 200 gr di farina (la quantità rimastami era circa la metà). Reimpastato ho fatto gli gnocchi. Cotti in acqu bollente salata dopo che sono affiorati per circa 6-7 minuti perchè sono molto compatti. Conditi con burro e formaggio che avevo in frigo. Ma possono venire conditi con qualsiasi cosa vi aggrada o che avete in casa. Potete anche passare in forma e gratinarle con mozzarella, pomodoro o altro.

Ciao a tutti e buon a giornata.

18/11/13

ARGUS - una protesi per i non vedenti

Si carissime amiche, anche questa volta voglio portare alla vostra attenzione una notizia che ritengo molto interessante e che forse i diretti interessati non ne conoscono l'esistenza.

Proporrei in questo caso di fare in modo che tale notize venga diffuso da voi che mi leggete e che forse conoscete qualcuno che non è vedente e forse questa applicazione non ne ha ancora sentito parlare.

Tutto e partito da un articolo tipo trafiletto su un quotidiano locale. Vi riporto l'articolo in riassunto che diceva...

Le persone non vedenti dovevano affidarsi alle loro dita per toccare le scritte nell'alfabeto tattile Braille.
Un'azienda privata qualche mese fa ha messo a punto una "protesi" che viene installata direttamente sulla retina che sarebbe la membrana più interna dell'occhio capace di captare la luce e inviare al cervello le informazioni.
Questa protesi permette a chi soffre di una disabilità visita acquisita di leggere l'alfabeto Braille con gli occhi e non con il supporto tattile e di distinguere semplici forme.
Ritengo che per spiegare il funzionamento di questa protesi sia corretto che io vi riporto quanto esattamente si trova su Wikipedia e che è uguale a quanto è scritto sul trafiletto da me trovato

" Una telecamera montata su un paio di occhiali riprende le immagini esterne, che vengono poi digitalizzate da un’unità di videoprocessamento; questi segnali sono quindi trasmessi al vero e proprio impianto via onde radio, attraverso una piccola antenna montata dietro l’orecchio.
Tale impianto è composto da due parti, di cui una extraoculare e una intraoculare. L’electronic case extraoculare viene attaccato chirurgicamente all’area temporale del cranio e un piccolo cavo subcutaneo lo collega all’electrode array intraoculare. L’ electrode array delle protesi Argus sino ad ora realizzate ha dimensioni 4x5 mm2 ed è composto da 16 microelettrodi di forma circolare in platino disposti in una griglia 4x4, ma nel corso dell’ultimo anno il team di ricercatori è riuscito a sviluppare un dispositivo con 60 elettrodi e si presume sia possibile arrivare anche a 1000 elettrodi, con una sempre maggiore definizione delle immagini." QUI il link diretto alle rimanenti informazioni.

 
 

 
Tutte le foto sono tratte dal web e questo è un LINK  con altri chiarimenti

Come ultima notizia, il trafiletto dice che questa protesi è stata già impianta anche a dei pazienti in Italia quindi diciamo che una nuova "porta" si è aperta.

Spero che questa notizia possa essere veramente utile.

Un caro saluto a tutti e buon a giornata.

17/11/13

Intermezzo domenicale !!! (41)




Una nuova domenica è arrivata e piano piano stiamo arrivando a Natale e ci arriveremo senza nemmeno accorgerci. Con le difficoltà che continuano ad arrivare non so se sarà splendido, purtroppo per molti sarà pessimo. Ma non ci voglio pensare non perchè mi ritengo uno struzzo, ma perchè se pensiamo già adesso il tutto diventa ancora più difficile. Certo, per me periodi di crisi non sono una novità ne ho passati tanti e vi assicuro che le supereremo di nuovo tutti assieme. Contiamo sulle nostre forze, guardiamo obiettivamente a quello che potremmo fare, cerchiamo di accontentarci una volta tanto e di riprenderci i nostri spazi assieme alla Famiglia e mettendo assieme le forze di tutti non lasciando indietro nessuno supereremo anche questa fase.
Non stiamo a desiderare solo perchè altri che hanno di più possono averla perchè non sempre l'avere tutto è sinonimo di felicità. Cerchiamo di stare in buona salute, godiamo di ogni attimo al meglio e gustiamo quanto ci circonda fuori ed in seno alla Famiglia. Una buona minestra divisa con amici e cari diventerà un piatto prelibato rispetto un piatto di ostriche e champagne ma soli senza nessuno accanto oppure amici che  attendono qualcosa in mancanza delle quali si defileranno....che triste!!!!  "Kleider machen Menschen" soleva dire mia nonna ungherese per farmi capire che chi sta sotto all'abito non sempre è un signore!!!

Questa volta vi porto a fare un viaggio meraviglioso, in un paese lontano ma molto bello e sono convinta che nei posti nascosti alla massa esiste più felicità e,  vi porto nel lontano Tibet.


Anche per oggi ho detto la mia, scusatemi ma questo blog rappresenta per me anche un modo di comunicare le mie piccole e grandi esperienze che forse potranno essere utili a qualcuno. E' un peccato alle volte che tante esperienze positive e negative non possano essere fatte conoscere. Certo ognuno ha la sua ed ogni epoca e vita è diversa da quella precedente ed ognuno deve fare la sua di esperienza e di strada ma forse può trarre almeno un aiuto forsanche per dirsi..... qualcuno ce l'ha fatta e quindi anch'io ce la posso fare !!!!!

Mamma mia che lagna......

Buona domenica tutti un abbraccio.

14/11/13

Curiosità dal Mondo


Mi sono imbattuta in alcune curiostà.... della natura,  sfogliando un giornale e ne sono rimasta affascinata.
Le curiosità che mi hanno colpita sono tre, molto affascinanti e appartengono a tre mondi di provenienza diversi e ...la prima è :


"Tridacna gigas" 

La Tridacna gigas che vive in Indonesia è il più grande mollusco bivalve esistente le cui valve sono percorse da larghe costolature longitudinali.  Possono raggiungere il metro e mezzo di lunghezza e pesare fino a 300 kg. Può anche essere allevata in acquario dove però sembra che le dimensioni siano molto piccole si parla di 100-150 cm.
La vivacità  e grande varietà di colori di questa conchiglia sono dovute alle alghe Zooxantelle che sono  all'interno in gran numero e vivono in simbiosi con mollusco che sta all'interno.
La presenza di questa alghe sono ad opera del mollusco stesso e potete leggere QUI da dove ho tratto anche parte delle informazioni.
Questa conchiglia gigante  in Indonesia e viene utilizzata come vasca da bagno per bambini o fonte battesimale nelle chiese.




Giant clam or Tridacna gigas.jpg
Le foto sono prese dal web e l'ultima è la conchiglia gigante allo stato originale coperta dalle alghe.



...la seconda eccola...

"Rafflesia arnoldii"

Rafflesia arnoldii è una pianta parassita della famiglia delle Rafflesiaceae ed è originario di Sumatra sempre in Indonesia ed è da considerare la pianta con il fiore più grande al mondo con 1 metro di diametro.
Esiste un però....pur essendo cosi eclattante e bellissima di colori, emana purtroppo una puzza tremenda come di carne avariata che tiene lontani anche gli insetti. Essendo una pianta parassita non ha nè foglie e nè radici infatti il nutyrimento lo prende dalla pianta alla quale si è attaccata. Purtroppo ma anche meno male dura soltanto "una settimana".

Rafflesia sumatra.jpg 

Troverete informazioni interessanti e più dettagliate QUI come specie "rafflesia" mentre QUI la rafflesia arnoldii che è una delle specie.


...e la terza eccola......
 

"POLLICINA"

[IMG]http://www.corriere.it/Media/Foto/2006/10_Ottobre/11/pollicinaB.jpg[/IMG]
Foto dal web

Questa cavallina si chiama "Pollicina - Thumbelina" ed è stata riconosciuta ufficialmente a 5 anni di età come la più piccola del mondo entrando così nel libro dei Guinnes. E' alta 43 centimentri e pesa circa 26 chilogrammi.
I proprietari risiedono negli Stati Uniti e sono specializzati nell'allevamento proprio di cavalli nani.
Normalmente un esemplare della sua specie di pari età pesa 110 kg e al massimo raggiune gli 86 centimetri di altezza dal garrese. Lei invece, nonostante il tempo che passava restava incredibilmente piccola. Gli allevatori avevano avuto timore che non sarebbe sopravvissuta in quanto le zampe erano piccole e sproporzionate al corpo e per inforzarle le hanno dovuto applicare delle protesi ortopediche per aiutarla così a stare in piedi.
Ad ogni modo "Pollicina" ha il suo bel carattere e riesce a farsi rispettare anche dagli stalloni ma  preferisce dormire nella cuccia assieme ai suoi amici di gioco che sono i cani di casa.
Tutte le informazioni le ho trovate QUI  ed un sito di una fattoria che alleva cavallini nani la trovate QUI.




Io non so voi ma a me queste cose affascinano, sono quasi in un altra dimensione e se non le scopri per caso o hai tante possibilità di viaggiare è defficile conoscerle. Mi rendo conto che una food blogger che ama la cucina da cui trae pace, serenità, appagamento in seno alla famiglia o rappresenta anche un diversiva nella giornata caotica ove si sente veramente regina, può anche non interessare queste cose.
Quindi mie care amiche, se avete voglia passate da me altrimenti passate la mano - glissate, per me siete e resterete sempre i miei AMICI.

Buona giornata.

11/11/13

Ricicliamo.....Zuppa d'autunno

Volevo fare una zuppa, non è che la faccia spesso perchè a Maritozzo non piace il "liquido" ma ho pensato di farla abbastanza densa quindi sarebbe piaciuta anche a lui.
Era sabato e anche se avevo il centro commerciale aperto ed a portata di mano (è di fronte a casa mia), non avevo nessuna voglia di uscire.
Ho aperto il frigo e....ho trovato un sacco di cosine da utilizzare con un pò di fantasia.

Ingredienti (quelli che avevo in casa)
300 gr di funghi pioppini acquistati il giorno prima 
1 barattolo di lenticchie
1 barattolo piccolo di pomodoro a pezzettoni
1 porro (ho uitilizzato solo la metà la parte bianca)
1 scalogno (li ho sempre a casa)
1 spicchio d'aglio (non manca mai)
1 carota media
1 dado vegetale di quelli gelatinosi (oppure usate brodo che avete in casa)
fette di pane da tostare
olio - sale e pepe 

  


 (Non sono foto splendide ma la prima è sul fuoco e la seconda è sulla tavola pronta per essere mangiata)


Procedimento
In una casseruola a bordi alti, dopo aver sminuzzato lo scalogno, l'aglio, il porro in un pò d'olio fateli appassire senza però soffriggere tanto. 
Nel frattempo pulite i funghi togliando la parte finale e passandoli velocemente sotto l'acqua corrente e lasciandoli ben sgocciolare.
Aggiungeteli al soffritto e fateli consumare a fuoco alto in modo che si asciughino un pò.
Scolate le lenticchie (io le sciacquo sotto l'acqua corrente), metteteli in casseruola e fate andare il tutto mescolando per ancora 5 minuti. 
Completate con il pomodoro, il dado e aggiungete circa mezzo litro d'acqua e fate cuocere a pentola coperta per circa 35-40 minuti.
Assaggiate se sufficientemente salato al caso aggiungete un pò di sale e se vi sempre troppo liquido cuocete ancora una decina di minuti a pentola scoperta.
Tostate il pane (io l'ho sfregato con un pò d'aglio perchè mi piace), mettetelo ai bordi del piatto e aggiungete la zuppa calda. 

NOTA
- A qualcuno non piace sentire i pezzetti del soffritto e quindi consiglio prima di aggiungere i restanti ingredienti di mettere il soffritto assieme ad un pò di acqua in un bicchiere alto dove poterete usare il frullino ad immersione. Rimettere il tutto nella casseruola e procedete con i rimanenti ingredienti.

- Io avevo in casa dell'olio al tartufo e quindi quando impiattato u versato alcune gocce direttamente nel piatto e vi assicuto è stato un tocco da mestro.

- Quando avete aggiunto i funghi se avete in casa sfumate con un pò di vino bianco oppure di cognac o altro, io ho usato un pò di ....whiskey...non avevo altro a portata di mano.

E' un piatto semplice e veloce e al posto dei funghi freschi potete anche utilizzare funghi secchi fatti rinvenire in acqua tiepida.

Un caro saluto e buona giornata.


10/11/13

Intermezzo domenicale !!! (40)




Carissimi, come passano veloci non solo i giorni ma anche le settimane e ci stiamo avvicinando a Natale che sarà qui in un colpo di mano....
La scorsa domenica vi avevo presentato il video della Regione Sicilia, questa volta passiamo al nord e vi presento la regione Lombardia. Certo entrambe le regioni sono molto popolari e quindi conosciute ma credo che le immagini e la musica meritano di essere riveduti.
Il mio amico mi innonda di questi lavori spaziando nel mondo ma, ora si è evoluto e i lavori li fa con una nuova versione che diventa PPSX (una X in più) che per la conversione a video non posso usare il sistema XP. Devo organizzarmi per SEVEN che possiedo in altra partizione cercando di aggiornare anche il programma che mi permette di creare questi video. Ma non dubitate queste novità mi stuzzicano e siatene certi che troverò quello che mi serve e sopra tutto gratuito non uso alcun programma a pagamento.
Anzi vi informerò su quanto trovato forse potrà servire a qualcuno o ai vostri figli che amano tanto pasticciare con il computer oppure come APP ai telefonini predisposti per internet.



Vi auguro una splendida domenica alla prossima, ciaoooo.

08/11/13

Crespelle alias crepes alias tagliolini di crespelle in brodo alias "scripelle 'mbusse"

Prima di scrivere il perchè è iniziato questo post e qual'è l'argomento principale facciamo una piccola distinzione.
Crepes o crespelle
- sottili frittatine fatte con latte, farina e uova

Tagliolini di crespelle in brodo alias Frittatensuppe
- sono sempre le crespelle sottili arrotolota e tagliate a listerelle per assomigliare a tagliatelle sottili. Nascono dalla cucina austriaca/tedesca ma vengono usate anche in Italina e si possono trovare secche tagliate nella grande distrubizione e rinvengono nel brodo
Brodo con tagliolini di crespelle
Tagliolini di crespelle in brodo da wiki



Ora veniamo all'argomento principale ovvero alle "scripelle ' mbusse"
Queste non sono altro che una versione di sottili "frittatine" tipo "crepes" fatte allo stesso modo ma usando l'acqua anzichè il latte e con delle proporzioni diverse. Esistono due versioni, questa "mbusse" s'intende bagnate nel brodo e l'altra serve per fare un pasticcio al posto delle lasagne.
Entrambe sono ricette di Teramo.
Devo dire onestamente che questa ricetta mi è venuta in mente di averla gustata proprio a Teramo quando ho letto del pranzo offerto in occasione di un evento sul blog dell'amica  Silvia . Mi ha colpito assieme al ricordo la similitudine con le "Frittatensuppe - taglioni di crespelle in brodo" che le gusto da sempre.
Ovviamente sono andata a documentare il mio ricordo su questa piatto teramano ed ho trovato delle informazioni ma anche la ricetta sul sito ufficiale di Teramo QUI  che ritengo la possiate leggere senza che io la riporti. La foto che vedete è sempre dal sito di Teramo.


Foto Lattanzi
Scripelle 'mbusse Teramo

Indicativamente il rapporto per persona è di  1 uovo, 2 cucchiai di farina e acqua quanto basta. Per il brodo di carne particolare avete gli ingredienti alla pagina suindicata.

L'altra versione del timballo di scripelle lo trovate sempre sullo stesso sito e vi do il link QUI  e questa è l'immagine del piatto sempre dalla stesso sito ufficiale

Timballo - Foto Maurizio Anselmi (TE)
Timballo si scripelle

Inutile dire che alla prossima occasione porterò in tavola ai miei questa nuova versione.

Grazie a Silvia che ha risvegliato la mia memoria e buona giornata a tutti voi.
Ciaooo


PS.
Ovviamente in Abruzzo non ho solo gustato questi piatti ma tantissimi altri classici del posto con la carne ovina e non solo. Il mio ricordo.....una leccornia!!!!!


06/11/13

Un ulteriore premio....al volo !!!!




La carissima amica Stefania Labò del blog Capricci a Punto Croce ha voluto donarmi questo riconoscimento che io accetto e ringrazio perchè ha pensato a me ed al mio blog. Lei lo aveva donato a tutte quelle che avevano lasciato un commento al suo post precedente ed io ero una di quelle!!! Mi scuso allo stesso tempo di aver impiegato un pò prima di fare il mio post ma a causa di problemi operai in casa non mi è stato possibile farlo prima.
Voi sapete che usualmente i riconoscimenti li passo secondo le regole, ma questa volta decido di seguire solo una parte come fatto da Stefania e DONO questo a tutte le amiche blogger che passano da qui.

Le regole erano queste che ho quasi rispettato, come detto, quasi tutte:
Pubblicare il logo
Ringraziare il donatore
Elencare SETTE cose su di me
Premiare altri 15 blog

Per quanto riguarda le ben SETTE notizie su di me, è difficile trovare ancora qualcosa che non sapete già, ma vediamo......

1) 
alla pubblicazione di questo post ho già compiuto i miei 70 
2)
mi piace fare sport e prediligo in assoluto il nuoto (ho fatto anche gare amatoriali) e ho ricominciato a fare le mie "vasche da 25 mt." in piscina minimo 20 all'inizio poi si aumenta...
3)
ho avuto grossi spandimenti in casa e ho potuto tenere testa ai periti dell'assicurazione perchè anch'io sono un perito, in altri campi ma so cosa si può o non si può fare ed ottenere.....
4) 
mi piace diversificare i miei hobby perchè sempre lo stesso mi viene la noia, ora è il momento del pennello vediamo cosa m'invento......
5) 
mi piace leggere di tutto, fantasy, thriller, polizieschi, fantascienza ma anche Topolino ma solo alla sera a letto da sempre, maritozzo dorme ormai è abituato alla mia lucetta ed io vado avanti anche fino ad ore...piccole!!!!
6) 
non sono un amante della pastasciutta, pizza e dolci. Maritozzo vivrebbe di pastasciutta (ma mio suocero era napoletano), io sono una risottara, riso che lui detesta quindi oggi a me domani a te ...parcondicio!!!!
7) 
adoro vivere in campeggio io ci starei sempre mi trasferirei per tutto l'anno se potessi ma nessuno mi segue....

Carissimi, a me fa piacere se lo prendere ed ovviamente non avete da seguire le regole ma deciderete voi cosa fare.

Un caro saluto, grazie ancora Stefania e buona giornata.
 

04/11/13

BUON COMPLEANNO



Questa splendida immagine è stata creata per me dalla cara amica GREIS come suo regalo per il mio compleanno.
Oggi faccio tondi tondi "70" ma non me li sento e manco li vedo......
Posso dire che ho vissuto lungo l'arco degli anni che dicono siano stati i  più belli , sono del  '43.
Certo gli anni del dopoguerra non sono stati facili ma ho potuto vedere e vivere tutta l'evoluzione di questi  in tutti i campi. Dalla macchina da scrivere, la calcolatrice a manovella, il telefono a gettoni e le chiamate attraverso i centralini presso le Poste e Telecomunicazioni (non tutti avevano il telefono) che anche avendolo a casa non si potevano effettuare chiamate al di fuori della propria città. L'avvento dei primi personal computer (PC), i primi telefoni cellulari enormi e pesanti con tanto di antenna ingombrante, ecc. Oggi se qualcuno racconta di come erano questi oggetti nel passato rispetto a quelli di oggi alla penultima e ultima generazione ti guardano come se venissi dall'età della pietra.
Effettivamente l'evoluzione nel secolo passato, particolarmente nell'ultima parte,  è stato molto più veloce di tutti quelli precedenti quando le innovazioni avvenivano molto raramente ed a lunga distanza l'uno dall'altro. Oggi sono forse anche troppo veloci, si acquista oggi e domani è già obsoleto.
Dimenticavo le prime televisioni in bianco e nero, poi l'avvento di uno schermo che applicato dava un leggero colore rosato fino all'alta tecnologia di cui oggi godiamo.... portafoglio permettendo. Da non dimenticare il frigorifero altra conquista che poco alla volta dimuendo il prezzo è potuto entrare in tutte le case prima si acquistava il ghiaccio per conservare i cibi...... e la lavatrice, altra conquista sopra tutto per le povere donne che dovevano lavare il bucato spezzandosi la schiena e rovinandosi le mani.
Anche la moda ha avuto la sua evoluzione ed ora invece di trovare cose nuove rispolverano sotto il nome VINTAGE i passati anni 60-70-80 ovviamente con altre stoffe e colori ma il capo ha quell'impronta del passato. Per voi che mi leggete non per tutte è una novità per me alcune cose non mi piacevano prima e continuano a non piacere.

Una fettina di torta virtuale......


e grazie infinite cara Greis per tutto un abbraccio forte e ogni bene nonchè buona settimana.

Un abbraccio a tutti e vi auguro una buonissima giornata come pure buona settimana visto che oggi siamo lunedì.

Ciaoooooo


Ancora un regalo per me

Questa mattina che mi sono alzata presto ho trovato nella posta una bellissima sorpresa dalla carissima IOLE con questo splendido lavoro che è stato fatto sullo sfondo del mio blog.  Veramente super brava. I lavori che ho ricevuto sono plendidi una bella espressione di bravura su due basi diverse la grafica e l'nformatica ma bisogna essere bravissimi in entrambi i campi che per me continuano ad essere tabù e non mi rimane altro che AMMIRARE.

La nostra Iole che conosciamo tutti e che ci aiuta a superare difficoltà informatiche dei nostri blog offrendoci continuamente tanti lavori splendidi per abbelire i nostri blog non ultimi i bellissimi slideshow, ha fatto per me questo bellissimo regalo. Grazie carissima
Quindi oltre alla fetta di torta posso offrirvi una intera.....e con tante candeline.




Grazie infinite Iole cara per tutto  un abbraccio forte anche se virtuale. Ogni bene e buona settimana.

03/11/13

Intermezzo Domenicale !!! (39)



Da venerdi scorso sono una "sfollata" in casa mia per lavori  a seguito di un grosso spandimento che ha coinvolto una camera ed il bagno adiacente. Non  parliamo delle mattonelle da una parte e del parquet dall'altra....che essendo una casa di circa 40 anni non esistono più e rifare completamente non è possibile in questo momento per cui troveremo qualcosa da adattare: la fantasia non mi manca!!
Al momento di scrivere questo thread sono per fortuna al piano di sopra ed il trapano lo sento un pò meno altrimenti rischio la sordità senza contare l'odore pungente delle saldature e la polvere provocata dal trapano nel forare il muro anzi i muri!!!!
Questo però non mi fa rinunciare a preparare il mio intermezzo domenicale a cui tengo moltissimo. Ho ricevuto poco fa dal mio solito amico austriaco dei lavori molto belli con immagini che rappresentano esclusivamente regioni estere ma anche italiane.
Prendo a caso, la Sicilia perchè in questo periodo così umido al nord  e visto le mia precaria situazione di "sfollata" queste bellissime foto e con la musica a doc che è stata inserita dall'autore diventa un toccasana perfetto come rilassamento domenicale per tutti noi e che ricorda........


Vi auguro una buona domenica e spero che alla prossima tutto sarà finito, anche messo a posto mobili ecc. sperem.....
Ciaooo
Memento SolonicodiEdvigeDesign byIole