31/03/12

Gulash ....origine Ungheria

L'amica di "Carmencreazioni" mia assidua lettrice ha nominato in un suo commento il "gulash" e da qui mi è venuta l'idea di parlare di questo piatto visto che le mie origini da parte della nonna materna sono proprio Ungheresi.
 
L'ormai notissimo "gulash" è un piatto di origine ungherese che viene presentato in mille versioni e l'unica cosa rimasta dell'originale è la carne e le cipolle.
Il gulash o "spezzatino all'ungherese" conosciuto  fuori dai confini ungheresi  consiste in un piatto di carne al sugo con le patate ed il tutto in un sugo denso.
In realtà in Ungheria il  gulash o gulyas  si presenta con una consistenza completamente diversa: non è ristretto ma è una minestra di carne e patate con la paprika ecc. come questo 



Il vero gulash unghere in Ungheria si chiama "porkölt". Non ha le patate, ha un sugo molto denso quasi asciutto e viene accompagnato da i "galuska" che sono dei piccolo gnocchi di farina e acqua che formano  un impasto semi-morbido che poi  a cucchiaiate vanno buttate nell'acqua bollente salata e quando affiorano vengono aggiunte al piatto  "porkölt" come questo

 

Inoltre il colore rosso proviene non dal pomodoro  ma dalla "paprika" dolce.
Contrariamente a quello che si pensa la cucina ungherese non è in prevalenza piccante, ma la paprika piccante viene aggiunta nel piatto finito dal commensale.
Paprika significa peperone e non peperoncino quello stretto e lungo rosso o verde che viene essicato assieme ai semi, ma  il "peperone" quello giallo verde o rosso.

La ricetta originale di mia nonna è questa:

Ingredienti
1 kg di carne mista (maiale e manzo)
1 kg di cipolla (potete anche metterne la metà ma non di meno)
100 gr di strutto (potete usare anche l'olio di semi ma non il burro)
4 spicchi di aglio (li potete sminuzzare oppure lasciarli interi per toglierli dopo)
5 cucchiai abbondanti di paprika dolce
farina 
brodo fatto con un dado

Procedimento
Tagliate la carne a quadroni ed affettate sottili la cipolla e sminuzzate l'aglio.
In una capiente casseruola sciogliete lo strutto e poi aggiungete tutta la cipolla, l'aglio e fate imbiondire il tutto a fuoco basso bagnando con un pò d'acqua in modo che non friggano.
Infarinate la carne ed aggiungentela alla cipolla e mescolate affinche si mescoli molto bene.
Alzate per 5 minuti la fiamma in modo che la carne chiuda i pori trattenendo i succhi e poi aggiungere il brodo fino a coprire il tutto. Abbassate la fiamma e fate cuocere a fuoco lento aggiungendo del brodo se troppo asciutto per 45 minuti.
Aggiungete a questo punto la paprika dolce ed il sale, mescolate il tutto bagnando ancora con il brodo che la carne sia sempre un pò coperta e continuate la cottura a fuoco lento per altri 20-25 minuti.
Provate con una forchetta la carne e se affondate senza resistenza alzata un pò la fiamme e fate restringere il sugo se vi sembra troppo liquido.

Il piatto andrebbe accompagnato con i GALUSKA che sono dei piccolo gnocchi di farina e acqua per formare un impasto semi-morbido e poi a cucchiaiate vanno buttate nell'acqua bollente salata e quando affiorano vengono aggiunte al piatto di gulash.

La variante a questo piatto consiste nell'aggiunta di  patate,  pomodoro, peperoni verdi,  vari aromi freschi,  vino, ecc. ecc. e quindi  i gnocchetti di farina non sono necessari.
Il piatto che tutti conoscono ha pressapoco quest'aspetto  solo che qui mancano le patate, in quanto al posto di queste viene anche usata la polenta. Ma come vedete è una via di mezzo ovvero non troppo densa ma nemmeno troppo liquida.

 
Ho scritto a suo tempo un post di un mio viaggio in Ungheria terra della nonna visitando tutte le principali città e soffermandomi in particolare a  Budapest
Avrei molto piacere se ci darete un occhiata è stato un viaggio splendido e l'ho corredato anche da foto.

Un grazie a tutti per la lettura e ciaooooooo

"DESSERT"

Nel mio blog molto vario le ricette sono un pò perdute anche perchè scritte moltissime all'inizio, all'apertura del blog e quindi molte amiche/amici che lo sono diventati dopo non le avranno notate. Infatti è difficile andare indietro nel tempo in quanto automaticamente si leggono le ultime proposte.
Allora ho pensato di riproporle, alle soglie della Pasqua visto che i dolci fanno da padroni, con link diretti di quelli più adatti secondo me al periodo. Il titolo indicato è lo stesso del post :


Comunque se qualche amico vuole fare una carrellata di tutti i dessert inclusi anche quelli che ho omesso, questo è il link diretto

Le mie ricette sono raggruppate alla dicitura "Ricette" che include "Ricette e Storia" . La suddivisione  in Primi, Piatti Unici, Secondi di Carne , di Pesce  le trovate al  "blogroll etichette dietro alfabeto"  sulla sinistra. cercando la voce che interessa....primi, ecc.
Ad ogni modo ho pensato di riproporli in seguito con link diretti un pò alla volta come fatto per i dessert sperando di incontrare il vostro favore e interesse ..  :o))

Un caro saluto a tutti e mi firmo vostra

30/03/12

Foto Curiose

Il mio solito amico austriaco mi ha inviato altre presentazioni fatte con PowerPoint definiti "pps/ppt" ed io sempre con il solito servizio SlideShare offerto online li ho convertiti in un video per presentarvelo qui.
Purtroppo non essendo visualizzabile in automatico bisogna mandare avanti cliccando o sulla solita freccia verso destra oppure direttamente dall'immagine in quanto la freccia del mouse si trasforma nella ben nota manina.
Sto comunque lavorando per cercare un programma che faccia meglio di questo servizio.
Spero che troviate tutto molto simpatico e che vi piaccia.
La prima parte in tedesco dice " Questo lo non vedrai cosi presto di nuovo.... e finisce dicendo Manda a qualcuno che ha bisogno di sorridere"

View more presentations from verul.
(presentations e verul sono dati obbligatori creati da me perchè il servizio vuole pubblicità e le altre presentazioni non sono mie ma del servizio)


Ciaooo a tutti.

CODICI "QR"

Sapevo dell'esistenza di questi Codici QR in quanto li ho visti su varie riviste femminili che indicavano questo logo per dire che con il proprio telefonino si poteva leggere comodamente la rivista.
Parliamo ovviamente di questo logo che ho copiato da Wikipedia...

QR è l'abbreviazione inglese di "Quick Response ovvero Risposta Rapida in quanto fu sviluppato per permettere una rapida decodifica del suo contenuto.
Trattasi di un codice a barre bidimensionale o codice 2D, ossia a matrice che all'interno dello schema di forma quadrata si vedono i moduli neri che la compongono.
E' impiegato nella memorizzazione d'informazioni usualmente destinata alla lettura tramite un telefono cellulare o smartphone e, un solo crittogramma contiene 7.089 caratteri numerici o 4,296 alfanumerici.
Qui su Wikipedia troverete il resto delle informazioni molto inportanti e dettagliate su questo codice Wikipedia.

Naturalmente il buon Vinnie non solo spiega dettagliatamente cosa è e tratta il codice QR ma ha anche trovato vari programmi, creare i codici QR con i sistemi operativi Windows, codici vocali online, ecc. e vi rimando a queste sue due pagine dalle quale troverete altri link che vi porteranno ad altri servizi ecc. ed avere così un ampia scelta su quanto vi possa servire per utilizzare al meglio il QR. I lin k sono tre ma all'interno di ciascuno troverete altri collegamenti diretti:


Spero che il tutto vi sia utile per me lo è stato ed anche molto interessante, le cose nuove mi affascinano anche se nuovo proprio non è ma è venuto alla ribalta da poco.

Ciaooo a tutti

La firma animata

IOLE   amica carissima di una gentilezza e disponibilità unici, ma esaudito un mio desiderio di poter firmare qualche mio post particolare ovvero dedicato ad avvenimenti o persone che mi stanno particolarmente a cuore.
I font da scegliere sono tanti e la sottoscritta non è "volubile" ma piace cambiare la solita "routine" giornaliera mi annoia.  I miei interessi spaziano e si alternano nel senso che quando non trovo incentivi mi sposto e riprendo l'altro interesse che nel frattempo ha trovato altri sbocchi.

Iole mi è venuta incontro sobbarcandosi l'onere di restringere la mia ricerca per poi definire di comune accordo (mi conosce bene ^ _^ ) due tipi di font molto diversi tra loro e ve li faccio vedere




Belle vero ed anche con i caratteri che cambiano colore.
Cosa dire amica mia, GRAZIE di tutto cuore e mi firmo sempre tua amica- ciaooo

28/03/12

Calandraca

"Calandraca", no non è una parolaccia è un piatto tipico della cucina marinara triestina che consiste in uno spezzatino con l'uso di carne già lessata e con l'aggiunta di patate, olio e aglio.
Come detto ha origini antichissime ed era usata in prevalenza dai marinai. Le  provviste di bordo dovevano essere non deperibili e quindi veniva applicato alla carne lo stesso trattamento che si usava per il baccalà  (merluzzo sotto sale). Usavano in prevalenza le carni ovine quali il montone e/o il castrato.
La parola "calandraca" sembra derivi dall''attrezzo usato a bordo delle antiche navi di carico chiamato mangano. Veniva usato  per ammorbidire la carne che s'induriva durante il tragitto dalla Grecia al Porto di Trieste, ed erano proprio le navi greche a cuocere a bordo questa pietanza. L'attrezzo in questione si chiamava "cialandrum" in latino. e da questo a "calandraca" il passo è breve.

Un docente di glottologia dell'Università di Trieste, dissente sulla definizione "piatto marinaro triestino"  ed essendo troppo lungo l'articolo per riportarlo qui lo potete consultare direttamente  QUI mentre l'altro punto di vista  lo trovate  QUI.
Il piatto viene visto oggi come un valido "riciclo", in quanto viene utilizzata  la carne cotta che avanza per avere,  con poche aggiunte sempre a portata di mano, un altro piatto  per la cena o per il giorno dopo.
Oggi, si acquista la carne proprio per fare questo piatto che comunque deve essere però sempre precotta.

Purtroppo le aggiunte quali il pomodoro (sconosciuto a quei tempi), il vino, aromi ecc. hanno modificato sensibilmente questo piatto che viene considerato così  un normale stufato di carne e patate paroganabile quasi al non men famoso goulash ungherere ma senza paprica.

A casa mia è un piatto che non piace a nessuno, altri amici ne vanno matti sopra tutto se a prepararlo è la nonna o la zia o comunque  una persona anziana che cucina ancora oggi come previsto  in origine.
Di ricette sul web ne trovate tante ma io vi passo la mia, fatta solo per me.....ovviamente in due volte !!!!
Io dimentico sempre di fare le foto dei miei piatti e quindi sono costretta a prenderli dal web come questa volta, ma siccome nell'elenco post ecc. se non ce una foto senza è proprio brutto da vedere devo fare cosi..scusatemi...

 Foto dal web google immagini

Ingredienti per 1 persona
300 gr di carne cotta (manzo, maiale, pollo o tutti e tre)
2 patate medie o 1 grande 
3-4 spicchi di aglio o un cucchiaio di quello già tritato  surgelato
olio oppure un pò di strutto oppure lardo pestato
sale - pepe -

Procedimento
in una casseruola versare un pò d'olio o quello che avete deciso di usare e inbiondire l'aglio a fuoco basso  che non diventi scuro. Aggiungere la carne cotta tagliata a pezzi grandi ed insaporire nell'aglio.
Sbuccciate le patate, tagliare a piccoli pezzi ed aggiungerli alla carne amalgamando il tutto, coprire con l'acqua oppure brodo (anche fatto con un dado),  lasciar cuocere a fuoco basso per circa 30 minuti. 
Le patate devono essere morbide ma non disfate ed il sughetto denso. Se ancora troppo liquido alzate la fiamma e senza coperchio lasciate restringere.
Aggiungete pepe e sale se manca,  un filino ancora di olio ed il piatto è pronto:  la mia calandraca.

NOTA
Come detto oggi la calandraca viene fatta cosi.....
- si aggiunge cipolla, concentrato di pomodoro, vino e si usano gli aromi pronti miscelati secchi. Se non si ha già pronta la carne cotta, si acquista quanto serve e viene lessata assieme alle solite verdure quali la carota, sedano e cipolla. Quando cotta viene tagliata a pezzi, passata nella casseruola assieme alle verdure cotte tagliate magari facendo prima un piccolo soffritto. Poi si aggiungono le patate, brodo e pomodoro concentrato e si lascia cuocere fino a che si forma un sughetto denso. Sale e pepe.
E' un piatto unico. 
Per altri varianti andate a curiosare sul web.

Ciaoooo

26/03/12

AI MIEI AMICI ... GRAZIE DI CUORE

Mi sono accorta in questo momento di avere

100 AMICI

che mi hanno scoperta (bontà loro..) e che mi seguono (spero..) e che SPERO mi seguiranno ancora !!!!

Sono veramente felice e quando ho iniziato non mi sarei mai aspettata un così bel risultato.
Scherzosamente ho iniziato il blog alla "veneranda" eta di 65 anni in un momento come diceva mio marito di "senile pazzia" :-D 
Ho voluto dare l'impronta del mio carattere e spaziare su tanti argomenti tratti da tutto quello che mi si presentava e che suscitava il mio interesse e ovviamente anche da esperienze personali  perchè a monotema mi sarei annoiata. Inoltre io non sono una brava cuoca ne pasticcera come tantissimi amiche dalla quali copio per casa le ricette.
Mi ha aiutato la mia smodata curiosità e anche l'apporto compiaciuto di mia figlia che si bea nel raccontare alla colleghe ed amiche che spesso chatta con la mamma e vedere le facce di queste che sgranano gli occhi dicendo...ma vaaaaaa...e la mia che non sa nemmeno cosa è un computer....oppure del cellulare telefona soltato....e poi mio nipote oggi 13 che mi dice...nonna sei forte ed ha creato per me il mio alias in Face e ha fatto in modo che i suoi amichetti chiedessero la mia amicizia per giocare con loro sempre su Face.
QUESTE SONO LE MIE PIU' GRANDI SODDISFAZIONE.

Scusatemi ma questa volta mi cerco un fiore per me e lo metto a me stessa, adoro le orchidee è queste impropriamente le chiamo "scarpette della fata" e la "rosa viola" perchè è uno dei colori che predeligo.













Mi vorrete scusare se mi sono "infiorata io" questa volta (ovviamente tratte dal web con google) ma se qualcuno me le regalasse.....

Grazie ancora di cuore a tutti e come mi disse una volta un amico "blogger", l'incentivo - la voglia di continuare - la cosidetta andrenalina da blog - ecc. è dato tutto dagli amici che ti vengono a trovare.

Ciaoooooo a tutti da una nonna.
PS.
Dovrei dedicare a voi questi fiori ma io bastian contrario le dedico a me stessa e ....... ma si anche a voi TUTTiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii


Un piatto insuale e sconosciuto la "gregada"

Ho letto in questi giorni un bellissimo libro "La città dei venti" scritto da Veit Heinichen e Ami Scabar.
Veit Heinichen  è uno scrittore tedesco che vive a Trieste dal 1997. Ami Scabar e una famosa ristoratrice di Trieste titolare del ristorante che porta il suo nome Scabar.
L'inizio del libro mi ha colpito tantissimo che iniziava con il chiedere ....."Avete mai mangiato la gregada?...."
No, e non so nemmeno di cosa trattasi.

Vi riporto la spiegazione che è anche una ricetta antica che è la Prefazione del suindicato libro....

".........Calamari e patate tagliati a fettine, disposti a strati in una teglia con un pizzico d’aglio, prezzemolo, sale e pepe, una spruzzata di vino bianco, un filo di pregiato olio d’oliva e succo di limone, il tutto servito caldo dopo un’ora di cottura in forno? Gli immigranti greci portarono con sé questa ricetta oltre duecento anni fa, quando vennero a cercare fortuna a Trieste e vi si stabilirono. I Greci hanno solcato il mare in direzione delle sponde settentrionali dell’Adriatico sin dall’antichità. Un viaggio breve, se il grecale assicurava cielo terso e gonfiava le vele. Trieste è la città dei venti. All’estremità del Molo Audace, da cui si gode una splendida vista sulla città, c’è una bitta con una rosa dei venti: maestrale, scirocco, libeccio, grecale e, in caratteri più grandi degli altri, la bora, che tutto domina......   Continua a leggere

E' troppo lungo riprendere tutta la prefazione per cui continuate a leggere cliccando sul suindicato link che vi porta al sito "Trieste e dintorni/Scabar" mentre sotto il nome suindicato degli autori del libro vi porteranno direttamente al sito del ristorante ed alle informazioni di Wiki per conoscere la figura dello scrittore tedesco.

Se avete l'opportunità di trovare questo libro presso le librerie della vostra città, vi consiglio di acquistarlo in quanto vi porta in un passato marinaro particolare ed a delle ricette uniche inusuali. Credo che se riuscita a consultarlo prima dell'acquisto ne rimarrete conquistati. Direte che forse sono "campanilista"...no, sinceramente esistono dei spaccati di storia - ovviamente tutte le città ne hanno le sue, che mi affascinano e come già acquistati di altre questa mi fa conoscere una parte di storia della città ove vivo di cui non conoscevo nemmeno la metà. Si dice che le cose belle della città in cui si vive sono sempre in secondo piano perchè vedendole ogni giorno quasi non le vediamo più e dobbiamo acquisire le bellezze locali solo attraverso il turista o l'amico che accompagnamo nella nostra veste di guida.

Ciaoo a tutti

24/03/12

Infiorate nelle Regioni in Italia nelle occasioni di festività e ricorrenze

L'amica Stefania mi ha ricordato di un' infiorata che avviene a Bolsena provincia di Viterbo il 26 giugno al Corpus Domini che pur avendola vista non ricordavo ne il luogo ne la ricorrenza. Quindi sono andata a curiosare ed ho avuto la sorpresa che le "infiorate" in Italia sono tante tra quello molto e poco note.
L'infiorata è una manifestazione che consiste nel realizzare tappeti come mosaici per mezzo di fiori o parti in occasioni di festività e/o ricorrenze.
Dice Wiki
.....La tradizione delle decorazioni floreali è nata a Roma nella prima metà del XVII secolo come espressione della cosiddetta festa barocca. Si ritiene, infatti, che la tradizione di creare quadri per mezzo di fiori fosse nata nella basilica vaticana ad opera di Benedetto Drei, responsabile della Floreria vaticana, e di suo figlio Pietro, i quali avevano usato "fiori frondati e minuzzati ad emulazione dell'opere del mosaico" il 29 giugno 1625 festa dei santi Pietro e Paolo patroni di Roma. .......continua a leggere

Infiorata di Genzano del 1817 di Antoine-Jean-Bptiste Thomas tratto da Wiki

Ho trovato un sito che permette lo scarico gratuito di un E-Book Prima Edizione sulle Infiorate in Italia e comunque potete leggere anche senza scaricare l'elenco  Le infiorate nelle Regioni Italiane   che sono tante.

Sarebbe veramente troppo da scrivere perchè tutte meritano una menzione e per il mio piccolo blog è impossibile. Ho però tratto alcune foto sempre dal web con Google su alcune località prese a caso

Infiorata di Capobasso

 Infiorata di Corchiano (Vt)

Infiorata di Diano Marina (Imperia)

Infiorata di Bolena 

Vi suggerisco di andare a gironzolare nel web alla ricerca di questi "quadri" che sono dei splendori. Io ho ingrandito altri ed i più belli a mio parere ho cirscoscritto l'immagine e sono riuscita a fare una bellissima cartolina con un programma di foto senza perdere in qualità.
E' stato un lavoraccio ma la pazienza è stata ripagata e il tutto ha formato una quadro collage con tutti questi magnifici lavori.
Un caro saluto a tutti.
Ciaooooo

23/03/12

Infiorata di Noto provincia di Siracusa

Avevo già letto su varie riviste negli anni passati sulla famosa infiorata di Noto e quindi, senza andarmi tanto a scervellare in varie ricerche ho trovato il tutto servito su un piatto d'argento.
Dal blog Meditteraneoweb dell'amico Costanza che seguo per le curate testate giornalistiche sulla Sicilia e le ricette nonchè tante altre cosa, ho trovato quanto cercavo in occasione della Primavera quella barocca di Noto.

Noto è nota - scusate il gioco di parole, per la sua infiorata ovvero la via principale Via Nicolaci viene completamente  decorata.
Riporto pari pari quanto dice Costanza:

"... la famosa Primavera Barocca e L'infiorata di Noto, caratterizzata anche del corteo barocco. Rievoca un contesto storico-culturale del '700 nicetino, sulla via Nicolaci viene allestito uno spettacolare tappeto ricoperto di petali di fiori, con cui i ragazzi dell'istituto d'arte realizzano dei quadri a tema, usando solo petali di fiori e altro materiale vegetale. Il corteo barocco rappresentato da figuranti che con costumi dell'epoca quali dame, cavalieri, popolani e vallette sfilano con gli stendardi riproducenti gli stemmi araldici dei casati nobiliari."

La foto della strada a Noto





e altre foto in galleria a questo il link diretto al blog Mediterraneiweb ..... NOTO

Grazie per avermi permesso la condivione.
Ciaoooo


22/03/12

Ripristinare il vecchio programma

A me è capitato, non spesso, di installare delle versioni nuove di programmi in uso e mi sono trovata malissimo rimpiangendo di averla aggiornata e/o sostituita.
Ho sempre pensato che bello sarebbe conoscere un modo per ripristinare la vecchia versione e come al solito l'amico Vinnie instancabile ricercatore ha trovato il modo di...."tornare indietro".
Certo tutti noi potremmo trovare da soli programmi o servizi online che ci servono ma, io sono pigra e sono super felice di aver trovato chi...cerca per me e oltretutto è molto affidabile e spiega chiaramente l'utilizzo di quanto ha trovato : meglio di cosi gratuito e testato cosa volere di più !!!!!!!

Il servizio in questione si chiama OldVersion che raccoglie svariati vecchi programmi per i vari sistemi usati quali Windows, Mac, Linux e anche giochi.
Questa è la pagine diretta  OldVersion - Guidami dover troverete il link per trovare il servizio e la spiegazione di come usarlo e sulla stessa pagina troverete dei collegamenti per i soliti programmi che vengono usati per disinstallare che però nulla a che vedere con questo servizio online.

Spero di essere stata utile e ciaooo a tutti

20/03/12

"Iscriviti per email"

Con la nuova finestra di blogger in merito ai commenti a tanti è sparita la scritta in fondo al commento a destra "iscriviti per email" che serviva affinchè noi possiamo essere avvisati se qualcuno ha risposto al nostro commento come da immagine (scusate se fatta male)

Non so dirvi perchè ad alcuni sia sparita ma si può reimpostare in questo modo.

Entrate in bacheca e cliccate su Impostazioni

Da questa si passa alla successiva finestra e dovete cliccare/evidenziare  "commenti"  e dove trovate la richiesta ...."Posizionamento modulo dei commenti"  spuntate "Incorporato sotto il post" e poi salvare le nuove Impostazioni.



In questo modo riappare sulla finestra dei commenti a destra  la scritta "Iscriviti per email" .
Queste dritte mi sono state date dall'amica Iole ed io ho pensato di condividerle con voi.

Vi ricordo anche che per l'uso di "Iscriviti per email" su come metterlo e poi anche eventualmente annullare l'amica Iole a fatto un bellissimo tutorial  che trovate con link diretto..... Come ricevere i commenti via email

Il ripristino non è detto che riesca sempre dipende dal template in uso e da altri fattori che io non conosco.
Secondo me è una cosa validissima in quanto se non la trovo devo prendere nota dove ho postato il commento perchè altrimenti non saprò mai se ho ricevuto una risposta.
Spero che torni utile e grazie Iole.

Ciaooo a tutti

19/03/12

"Cake blog di Qualità"

Io non so come ringraziare la carissima amica Silvia del blog http://silviavslucaproject.blogspot.it/ che mi ha nominata ed assegnato il premio

e non mi sarei mai  aspettata alla mia veneranda età con tante blogger giovani e,  che proprio queste giovani,  mi rendano partecipe di  questo circolo alla quale io mi affaccio timidamente.
Lo devo proprio dire è il secondo riconoscimento che ricevo e sono veramente senza parole e questo mi da una ferzata di.....giovinezza :o))

Voglio solo aggiungere una considerazione personale ....
- come  saprete io sono una nonna ed ho iniziato quest'avventura per gioco ma non come riempitivo del tempo nel senso che "non so cos'altro fare..". No, mi piace comunicare, scrivere e sono molto curiosa ed ho pensato perchè non fermare quanto scopro a beneficio di altri che magari hanno poco tempo o indaffarate con famiglia prole ecc. le mie scoperte possa essere utili......  Ad ogni modo i miei interessi non sono solo questi altrimenti caratterialmente mi "annoierei"... per niente non sono una scorpiona :o))  Vi assicuro che fino a che la testa funziona mi vedrete qui. Magari in estate un pò meno perchè scrivo da  sottotetto e vi assicuro che qui ci si liquefa ma, vi avvertirò sempre per dirvi il perchè eventuale delle mie assenze e/o rendervi partecipe se ho fatto o visto qualcosa di bello da condividere con gli amici.

Da quello che ha scritto Silvia penso che devo girare il premio ad altri 10 blog, scelta difficile perchè tutti meritano un riconoscimento anche solo per essere partecipi attivi di questa grande comunità di amici anche se solo virtuali ma non per questo meno importanti.
Quindi non mi resta che indicare e girare il premio ad altri 10 blog...


Ciaoooooo a tutti

La cipolla caramellata

Non sono una "cuoca" ma so cucinare e anche bene a detta degli amici. Non mi piace cucinare se devo fare quello che usualmente si dice "la stessa minestra" ma il mio piacere nella cucina consiste nel trovare una ricetta che spazia nel mondo e che magari devo modificare per l'irreperibilità di talune materie prime.
Chef oggi che possono fregiarsi di questo titolo per aver fatto la scuola preposta,  oltre che essere stati allievi poi di grandi chef sono parecchi e stanno arrivando alla ribalta per trasmissioni TV fatte proprio per loro come anche Reality, ecc.
Molti di loro dopo le esperienze con i "maestri" hanno creato un proprio ristorante oppure tengono la cucina per conto di altri tipo il famoso ristorante Trussardi di Milano il cui chef è Andrea Berton.

Avevo scritto a suo tempo un articolo sui chef questo (s)conosciuto che trovate QUI  e un altro articolo sull'equivalente di chef ma la maggioranza di essi sono autodidatti..... Les Marmittons e che trovate  QUI.
Gli chef che ultimamente sono apparsi più spesso all ribalta, giusto per citarne alcuni ..... Cracco, Bottura, Uliassi, Scabin, Oldani, Vissani, ecc. sono stati presenti anche in una serie TV sulla La7 "Storia di Grandi Chef" e sono stati "magnanimi" a donare qualche ricetta e loro segreti per vedere di riuscire a farli a casa propria. Gustare  al loro ristorante..... dovete aprire un "mutuo" almeno per me......

La maggioranza di queste ricette prevedono una preparazione molto lunga, l'uso di utensili e quant'altro che solo la cucina di una ristorante può permetterselo (a casa a meno che non avete una famiglia di 20 persone e tanti soldini....) e gli ingredienti, che sono alle volte sconosciuti e difficile da reperire. Infatti ogni chef usualmente effettua delle ricerche sulle materie prime che gli servono per creare i loro piatti e si  approvigionano  presso dei piccoli produttori e/o venditori locali a conduzione famigliare oppure si fanno pervenire le materie prime necessarie da produttori esteri nei circuiti internazionali e quindi accessibili ad una struttura qual'è il Ristorante.
Anche noi abbiamo Chef  di un certo nome iscritti in varie liste come la Guida Michelin, il Gambero Rosso ecc. e sono presenti in tutta l'Italia. Ogni anno vengono decretati a Londra i primi 50 Ristoranti/Chef più bravi nel mondo e  QUI  e QUI   troverete indicazioni e nomi e filmati interssanti sull'evento. In Italia quest'anno è stato nominato vincitore lo chef Bottura dell' Osteria Francescana di Modena con le sue 3 Stelle Michelin e non solo ma anche i Cappelli ed le Forchette ed è quest'anno  il 4° nella graduatoria dei primi 50  migliori nel Mondo.

A parte che l'attesa per poter mangiare presso questi ristoranti arriva anche ad un anno se non di più, i prezzi come detto non sono proprio alla portata di tutte le tasche. Personalmente preferisco spendere quella cifra per un giorno di vacanza che consumare in una "digestione".

Torniamo al piatto in questione.
Questo piatto è uno dei cavalli dello chef Oldani del ristorante D'O di Cornaredo (Milano). Informazioni varie su questo chef e su altri li trovate sul sito della mia amica Marina che può permettersi di averli, non tutti, come amici ed avere anche la gioia di poter pubblicare le loro ricette (non tutte) spiegate proprio dai singoli autori. Vi rimando  con link diretto a  Grandi Cuochi - Mangiare Bene  dove troverete l'elenco di tutti i ristoranti, i chef e le ricette scritte da loro stessi per per i lettori di Mangiare Bene. 
La ricetta che vi trascrivo non è perfettamente uguale all'originale. L'ho fatta per ben due volte ed è riuscita benissimo. Le mie modifiche sono come cedrete su certe quantità e sulla pasta sfoglia.
Di ricette con questo titolo nel web ci sono tante che prendono spunto da quella dello Chef Oldani, ma la versione originale e quella pubblicata su Mangiare Bene anche se, si dice che comunque è diversa da quella che lui presenta al suo ristorante.
 
Foto tratta da Mangiare Bene
(come al solito mi dimentico di fare le foto ai miei piatti)

Ingredienti per 4 persone
-   2  cipolle media grandezza tonde rosse
-   70  gr. di burro       (origine   85)
- 100 gr di zucchero    (origine 125)
-  sale grosso (qui è previsto il sale di Maldon ) *

- per la crema fredda -
-   5o gr di panna liquida
-   10 gr, acqua
-   20 gr. zucchero (origine 30)
-   25 gr di parmigiano reggiano grattugiato (origine 20)

- per la crema calda -
- 50 gr di latte
- 25 gr di parmigiano reffiano grattuggiato (origine 20)

- sale sia per la fredda che per la calda

- 1 confezione di pasta sfoglia  **
- 4 cocottine quelle di alluminio che si trovano al supermercato nel reparto piatti di carta ecc.

17/03/12

Un sufflé che non si sgonfia

Devo sempre ringraziare Marina del sito Mangiare Bene che con le sue news settimanali mi porta sempre tante novità, quelle più salienti senza contare che visitare il suo sito è sempre una scoperta.
Ovviamente parliamo di Gastronomia ma anche di avvenimenti, curiosità ecc.ecc. non solo si parla...direbbe qualche mio amico "di panza = pancia".
Mi ha colpito dalla sua news questa ricetta riportata da  Franco Santasilia di Tarpino   leggete chi è merita di leggerle perchè racconta di averla gustata a casa del suo amico Pierre Bergé  nella  villa a Marrakech: Giardini de la Majorelle che è la casa di Yves saint Laurent (il famosolo stilista francese erede di Pierre Cardin) e di Pierre Bergé. La villa è aperta al pubblico. Leggete la nota su  Yves saint Laurant e Pierre Bergé  anche qui merita leggere.

Potrei darvi anche il link della ricetta ma la voglia riportare come l'ho fatta per me, al caso la potete rileggere sempre cliccando su "Timbaletti Soufflè" nella pagina che troverete cliccando sul secondo link.

Ingredienti per 3 persone
  • 250 di latte
  • 40 gr di burro
  • 40 gr di farina
  • 4 uova, separate
  • 50 gr di formaggio gruyère grattugiato
  • sale
Procedimento 
Fate fondere il burro e versateci la farina che deve cuocere a fuoco dolce senza diventare scura. Quando ben cotta aggiungere poco alla volta il  latte caldo mescolando bene che non si formino grumi e fino ad avere una besciamella densa ma non troppo ed aggiungere un po di sale. Quando la besciamella sarà tiepida, aggiungere sempre mescolando solo i rossi d’uovo e amalgamarli perfettamente al composto. Aggiungere il formaggio grattugiato e mescolare il tutto ancora molto bene. Le chiare d'uovo devono venire montate a neve ferma con un pizzico di sale e poi aggiunta al composto delicatamente in modo che il tutto non si smonti.
Usate delle coccotine possibilmente antiaderenti che imburrerete e riempirete fino a quasi l'orlo. Immergetele in acqua ion un contenitore più grande contenente dell'acqua calda (vanno cotte a bagnomaria) adatto poi ad essere trasferito  in forno ad una temperatura di 150°C per una 30 di minuti.
Dopo averli estratti dal forno, lasciateli un attimo su un piatto di pirofila sempre adatta per forno e raffreddati aggiungete un po' di formaggio gruviera e rimetteli in forno per una 20 di minuti in modo che il formaggio si sciolga e vada a fromare una bella crosticina.
Serviteli caldi.

L'autore della ricetta Pierre Bergé riportata da Franco Santasilia  ...aggiunge .....
" Questo metodo di cottura, cioè cuocerli in due volte, permette di servire i soufflé senza il pericolo che si sgonfino. Potete addirittura prepararli con un giorno in anticipo e poi, poco prima di andare a tavola, rimetterli in forno per la fase finale della cottura."

Devo doverosamente aggiungere una nota:
- la ricetta è per 6 persone io l'ho ridotta perchè noi a casa siamo solo in due quindi gia abbondante
- Franco Santasilia è diventato amico di Pierre Bergé come leggerete voi stessi quando nel 1988 ha pubblicato il libro La Cucina Aristocratica Napoletana che voi potrete leggere di più andando ai suindicati link che vi portano anche al sito Mangiare Bene di Marina.

Questo è il libro scritto da Franco Santasilia di Tarpino

Cosa dire, io l'ho provata ed è squisita finalmente un sufflè che non si .....abbatte !!!!!
Ciaoo a tutti

Nota personale
Chi  non trovasse il gruyère-gruviera oppure non ami il suo sapore, può usare l'emmentaler, il parmigiano reggiano o altro formaggio invecchiato che si possa ben grattuggiare e che non abbia difficoltà a fondersi per formare la crosticina.
Questo come detto è un aggiunta personale non fa parte della ricetta. Io adoro il gruyère proprio per quel suo sapore particolare e anche perchè grigliato fonde formando la crosticina che è una delizia.

15/03/12

Video Uovo

L'amica Spiessli nel suo blog ha messo un video simpaticissimo ed io lo metto qui perchè un pò di intermezzo ogni tanto ci vuole
Quando avrete finito di vedere questo video cliccate sugli altri che vi si presentano e sono uno più divertente dell'altro sopra tutto quelli degli animali.

Ciaooooo


Mi hanno premiata come "Il Blog affidabile al 100%" ...quale onore

Sono rimasta come si dice " basita " nel ricevere il riconoscimento da parte di due amiche blogger che mi hanno messo al Nr. 4 da  hottanta....  e Nr. 5 da kike  come BLOG al 100 per cento Affidabile su un totale di 5 blog.

Questo è il link alla pagina Gli Affidabili che i blogger nominati vadano per prendere il codice per la suindicata "patacca" ehehehehehehe e se avete altri blog meritevoli di ricevere il distintivo affidabile andata  a  consigliaceli e l'organizzatore li terrà in considerazione per il premio.

Seguiamo il regolamento.....qualcosa di me....

Certamente chi mi legge avrà notato le poche righe lasciate sul mio blog in alto a sinistra dove indico la data di inizio ovvero il 9 dicembre del 2009 alla veneranda età di 67 anni compiuti.  L'idea è partita dall'account di Google che mi proponeva la creazione di un Blog e mi sono detta ...perchè NO !!!!!  Il nome mi è venuto abbastanza complesso e strano perchè certamente non tutti sanno cosa esattamente significhi Memento Solonico.
Memento = ricorda ovvero diciamo i bigliettinim gli appunti che ti fai per ricordare qualcosa...non la lista della spesa :o))
Solonico = dai soloni ovvero i saggi dell'antica grecia

Quindi il mio Blog è  un "Ricordo" che rappresenta per me "la saggezza" ovvero diciamo più "l'esperienza" su  quanto ho appreso e che tento di esporre quanto più fedelmente possibile nei  post e rendere partecipe anche in una discussione attiva gli amici che mi leggono.
Non ho voluto farlo tematico ma diversificato in quanto rispecchia il mio carattere curioso che vuole sempre sapere e odia la normale routine di tutti i giorni. Io devo cambiare. So cucire, ricamare, dipingere su tela e stoffa, parlo 4 lingue due bene e due abbastanza, sono sempre curiosa e mi piace sperimentare e magari mollto tutto per andare a fare una passeggiata o una bella nuotata in estate vivendo sul mare. Mia figlia è orgogliosa di dire alle colleghe di lavoro che sta chattando con la mamma..... e nipote felicissimo di vedermi su Face a giocare con lui e mi ha pure inventato un nome e cognome... se mi cercate sono Gisella Bonazzi
:DDD

Bene continuamo in base a questa valutazione:
1) E' aggiornato regolarmente
2) Mostra la passione autentica del blogger per l'argomento di cui scrive
3) Favorisce la condivisione e la partecipazione attiva dei lettori
4) Offre contenuti ed informazioni utili e originali
5) Non é infarcito di troppa pubblicità

"Dichiaro che i blog seguenti, per quanto attualmente presentato e quindi  da me scelti rispettano le 5 regole del Premio "Il Blog Affidabile"  disponibili a questa pagina http://www.gliaffidabili.it/a/altro/il-premio-il-blog-affidabile . Sono pertanto, secondo il mio parere personale,  una risorsa utile per gli utenti della Rete e meritevoli di essere conosciuti da un pubblico più ampio".

e questi sono i blog che mi hanno coinvolta ...... 

rispecchia tutti i 5 punti ed è gestito da una ragazza giovanissima sposatasi da poco con un enorme potenziale informatico e produce con costanza aiuti, widget, gadget, countdown, siti ecc. senza chiedere alcun compenso solo qualche donazione e si aiuta con la pubblicità in quanto purtroppo è senza lavoro... e pensate è un ingegnere informatico. Il contact e l'orologio del mio blog è opera sua

è una carissima signora favolosamente brava nel consigliare la cottura nella pentola a pression. Si occupa anche di lavori a mano molto belli ed offre ricette particolari cotti in modo tradizionale e usa per il suo blog dei colori e una presentazione molto bella. 

è un sito che parla della Sicilia,  dei suoi monumenti, delle sua città ed anche con tantissime ricette locali che fanno venir fame al solo leggerle. Si presenta bene con belle foto ed anche con annotazioni sulla storia di usi e costumi siciliani. Merita di essere lett.
questo blog è di una poetessa Loretta Stefoni che ha un curriculum invidiabile per i concorsi importanti alla quale ha partecipato e vinto. Le sue poesie sono straordinarie ed io che non sono amante di questa branchia ne sono rimasta affascinata e sono sicura che lo sarete anche voi.

questo è il sito di una giovane giapponese che vive ad Osaka amante dell'Italia che ha visitato in lungo e largo, scrive e parla benissimo l'italiano e sul suo blog racconta cose molto interessanti sul Giappone e di come ancora oggi si seguano le tradizioni millenarie. E' presentato bene per una lettura interessante perchè ci proietta in un altra realtà completamente diversa.

Come vedete anche in questo la varietà dei miei interessi spaziano. Certo non sono questi gli unici meritevoli di premio e la scelta non è stata facile. Avrei potuto benissimo mettere nella lista quelli che mi hanno nominata ma non ritenevo giusto poteva essere interpretato come uno scambio di cortesia. Secondo me lo spirito di questa iniziativa è proprio far conoscere altri blogger che sono nella nicchia della massa ma presenti su  internet.

Un abbraccio a tutte indistintamente e non vogliatemi male se non vi ho indicate tutte come avrei voluto fare.
Ciaoooo

14/03/12

La donna vampiro

Avevo tempo addietro sentito parlare e visto un articolo su questa donna definita "donna vampiro" anche se lei si definisce "donna giaguaro".
Vive in Messico è una " donna" nata normale oggi di 35 anni,  noto avvocato, madre di 4 figli che con "aggiunte varie" si è letteralmente trasformata irriconoscibile di come era prima.
La sua è una storia triste di violenza domestica e, con piccoli tatuaggi e altri pircing aveva iniziato giovane  la sua piccola ed innocente trasformazione. In questi ultimi 20 anni la sua trasformazione è stata dettata anche da un sconvolgimento psicologico e, pensare che come avvocato era specializzata nell'assistenza verso le donne che subivano abusi ed oggi si è affermata anche nel campo specifico del tatuaggio.
Vive con i figli che accudisce personalmente, è una madre come tutte e quindi con  il solito tran tran giornaliero della spesa, della cucina, del portare a scuola i figli con l'unica differenza che non passa inosservata e quindi ha sempre un codazzo di persone che vogliono un suo autografo.
Personalmente non la giudico ognuno è libero di agire come meglio crede importante è che non sia un delinquente per il resto è una scelta personale giusta o sbagliata che sia.
La sua trasformazione attuale a me impressiona molto ma non per il risultato finale ma perchè aghi, pircing e altre cose che vengono innestate o bucano la mia pelle mi fanno rabbrividire e quindi io penso a "come è stato fatto" e non a quello che vedo che nel suo potrebbe anche affascinare !!!!

Vi indirizzo direttamente all'articolo che oggi mi ha fatto ricordare questo personaggio che si chiama Maria Josè Cristerna letto su Yahoo La donna vampiro  ed ad un altro articolo QUI corredati entrambi da foto e video che si riferisce ad un intervista avuta alla TV messicana e quindi è in spagnolo.
Un altro articolo QUI sempre su di lei ma mi sembra visto in un ottica diversa. Ad ogni modo articoli su di lei cercando nel web ce ne sono tanti un sacco di gente ne parla da tempo e ritengo che sia unica al mondo salvo qualche selvaggio di cui ancora non si conosce l'esistenza.

Così era con qualche pircing.....

.....così è diventata.....

Ho scelto una foto dal web, ce ne sono tante, ma questa mi  sembrava meno "scioccante".
Però se guardate tutte le 18 foto di quelle di yahoo link  "La donna vampiro" dovrebbero essere le più recenti.

Beh! direte voi cosa centra con il mio blog... si centra perchè io ho una sezione "Curiosando" dove troverete tantissime cose che ho trovato strane e meno conosciute ma non per quello meno interessanti.

Ciao a tutti

NOTA Aggiuntiva 

Maria Josè con il suo modo di essere è diventata una caso pubblico nel contesto del suo apporto di "modifica" alla sua persona e maggiormente osservata perchè vive in un contesto di famiglia al di fuori di ogni logica usuale - non parliamo di normale che è tutt'altra cosa !!!
Non dimentichiamo però che il mondo dei "TATOO" con annessi innesti pircing e quant'altro esiste in tutto il mondo e ogni anno ci sono dei raduni in varie parti inclusa l'Italia. Ci sono donne e uomini che non pongono limiti ai vari innesti ecc. non limitandosi alle parti visibili ma aggiungendo pircing nelle loro parti intime: per me queste sono incomprensibili oltre che poco igieniche!!!!
Per farvi capire di cosa intendo a questo LINK  della Repubblica di Milano vedrete moltissime foto di un raduno e se cercate con google "Raduni Tatoo" troverete tantissime informazioni e videi.
Io vi metto qui un video del raduno di Berlino, non ha importanza se lo speaker parla in tedesco ma quello che si vede non ha bisogno di traduzioni e scusate se sono scioccanti ma pensate che quelli che sono così....lo fanno per motivi completamente diversi da quello di Maria Josè anche se non condivido la sua scelta.
Ciaoooooo


12/03/12

Creare documento in PDF

Aprire e leggere il PDF non ci sono problemi tutti conoscono e hanno il ADOBE PDF Reader ma la cosa diventa diffile se bisogna creare un PDF o adirittura scriverlo da ben inizio.
Esistono programmi che usufruendo di una Stampante Virtuale trasformano lettere ecc. in formato PDF ed uno di questi gratuiti è PDF Creator   e questo vi porta alla pagina di Guidami dove troverete tutto il necessario per scaricarlo e come usarlo.
Sempre sul blog di Guidami dell'amico Vinnie ho trovato un programma  ovviamente gratuit  Free PDF Editor
che vi permettere di creare e scrivere direttamente in formato PDF senza ulteriori programmi e/o palliativi virtuali.
Come al solito non mi cimento assolutamente nello spiegare di come questo programma funzioni ma mi limito ad indicarvi il link diretto alla pagina di  Guidami - Free PDF Editor dove troverete tutto e di più per creare la vostra pagina in PDF.
Certo, voi direte che è più facile solo segnalare un servizio anzichè usarlo e poi descriverlo ma, manchereì di rispetto verso il lavoro altrui sia quello di ricerca che si spiegazione e quindi, il fatto di segnalarlo è di già un qualcosa in più che spero i miei amici apprezzeranno in quanto non sempre si ha tempo di cercare e magari in caso di necessità non si ha l'informazione giusta per trovare quello che in que momento ci può servire.
Quindi, tutti gli amici che mi seguono prima di andare a cercare nella vastità del web, provino a vedere se quel tal programma e/o servizio per caso non lo abbia già trovato: voi perderete meno tempo ed io guadagnerei con una grande SODDISFAZIONE di essere stata utile.

Ciaooo a tutti

I MIEI PRIMI - 50.000 - LETTORI

Non ci posso credere ben 50.000 amici sono passati attraverso il mio blog. Quando l'ho creato nel 2009 non avrei mai pensato di raggiungere questa quota con ben 81 lettori fissi che ringrazio SENTITAMENTE di seguire questa "vecchietta :o)) " che si è divertita a crearlo, si diverte ancora ed ha suscitato invidia a mio nipote di avere una nonna cosi di cui è orgoglioso ed una figlia che può vantarsi di avere la mamma "informatica".
Queste e le altre dei miei lettori ripeto sono soddfisfazioni impagabili!!!!!!

Non so cosa altro dire che non mettere qui dei bellissimi  fiori (ovviamente trovati sul web) per tutti con tanto affetto - non so che fiore sia ma mi piace il colore e la farfalla che vi si posa

 Una splendida distesa di tulipani



Le viole del pensiero mio a tutti voi 

Grazie ancora a tutti VOI di cuore e spero che mi vorrete ancora seguire, sperando ovviamente che il sevizio blogger tenga.... anche per i  "sempre più vecchietti" 

Ciaooo a tutti e auguri  tutti indistintamente un Felice Proseguimento nella loro Vita - Salute e Felicità.

PS.
L'amica Iole mi ha indicato dove trovare questi dati.....
- 250 commenti
- 387 post pubblicati
-  81 lettori
- 63100 visitatori unici pagine visitate
e dal 1.01.2011 ho contato che i visitatori dal resto del mondo sono stati 2824, mi sono fatta un giro del mondo partendo dalle bandiere.
Un bel traguardo e soddisfazione per me considerando che è nato il 9 dicembre 2009 e quindi ha  2 anni e 3 mesi :O))


09/03/12

Motore di ricerca file sul proprio PC

Come tutti o come la maggioranza che navigano in internet o che impiegano il proprio pc per fare lavori con la fotografia, scritture particolari, ecc. raccogliamo un sacco d'informazioni, link, programmi, foto ecc. cercando di archiviarle al meglio in cartelle e sottocartelle e immancabilmente.....non troviamo mai quello che stiamo  cercando ed io sono la capo di questo gruppo. Non trovo o trovo con difficoltà perchè il nome dato alla cartella che in quel momento sembrava ovvio e facile da ricordare poi a distanza di tempo ci si ricorda del programma o altro ma quasi mai quale fosse il nome dato alla cartella....io il più delle volte NON mi ricordo forse perchè archivio troppe cose.
Il solito amico Vinnie ha trovato un programmino free e dice non installabile (non l'ho ancora provato) che è un piccolo motore di ricerca di quei ..file... che si sono perduti nella nostra memoria.
Basta digitare l'inizio di qualche lettera che vediamo subito il formarsi della parola e forse così ci sovviene il ricordo di quel tal "nome" dato alla cartella di archiviazione. Il programma si chiama   FARR (Find and Run Robot) ed ovviamente per le spiegazioni, link del programma, ecc. e vi rimando alla sua pagina 
  
Sono sicura che lo troverete utile come lo sarà per me.

Non centra nulla è solo un ...motore ma rende l'idea con i suoi ingranaggi


Ciaooo

08/03/12

Autodistruzione di un email

Certo che sul web si trova ormai tutto e di più. Non fai in tempo a farti venire un idea che qualcuno l'ha già pubblicata o trovata o inventata insomma qualsiasi cosa ti venga in mente....sarebbe bello che esistesse.... e stanne certo che esiste già. Tutto troppo in fretta non si riesce a stare dietro a nulla in qualsiasi campo.
Una piccola considerazione :
- una volta e nemmeno tanto indietro negli anni, sia nell'abbigliamento che negli elettrodomestici o altre cose che ti servivano nel quotidiano una volta ottenuto lo usavi anche per anni. Ora quando acquisti un oggetto in questi campi ti dura una stagione e poi non va più bene e non parliamo della tecnica informatica che compri oggi e domani non vale più è gia vecchio !!!!! Però mi sono resa conto che anche le giornate e gli anni corrono allo stesso modo ed improvvisamente ti rendi conto che è passato un sacco di tempo come ad esempio l'11 settembre per menzionare una data nota a tutti, vi rendete conto che sono passati 10 anni???? Ho dovuto guardare la mia carta d'identità per rendermi conto che sono effettivamente di 10 anni più vecchia e mi sembra che tutto sia accaduto ieri. Il  tempo è  passato così  velocemente che non me ne sono nemmeno resa conto.

Detto questo torniamo all'argomento principale.
Abbiamo tutti bisogno del servizio celere che ci offre la posta elettronica e a parte che oggi un messaggio email piò anche essere autenticato,  esiste sempre il fatto che se si sbaglia l'invio ci si chiede di dove è andato a finire...in quali mani..... ed ecco che abbiamo trovato il necessario : fare in modo che in qualsiasi mani sia andato a finire questo messaggio potrà essere letto una sola volta e mai conservato perchè si autodistrugge.

Vinnie, solito instancabile amico mio ha trovato un servizio online e gratuito  che si chiama  OneShar.es
e che permette di creare un messaggio che si autodistrugge dopo la prima lettura.
Praticamente voi preparate il messaggio con questo servizio e vi viene dato un link che invierete al destinatario di questo messaggio. Questi lo aprirà e lo potrà leggere ma non una seconda volta. Automaticamente sia se riavvia la pagina o ritenta di riaprirlo questo messaggio si autoelimina.

Per ogni altra spiegazione dettagliata, per il link ove accedere ecc. vi rimando come al solito alla pagina diretta di Guidami  Autodistruzione Messaggi 



Questo è quello che troverete andando al servizio online.
Mi auguro che a qualcuno possa servire.


Ciao a tutti

07/03/12

"JOTA"

La "Jota" è una minestra molto particolare e la vera è la "jota triestina".
Nella Regione Friuli Venezia Giulia le varianti a questo piatto sono parecchie. La jota friulana in prevalenza della zona di Udine, la bisiaca della zona Monfalcone e Gorizia e la slovena - Slovenia regione confinante a noi ad Est .
Uno degli ingredienti principali sono i fagioli rossi (li conoscerete come qualità "borlotti"). L'altro ingrediente indispensabile sono i "crauti acidi" ovvero il cavolo capuccio tagliato a listarelle e cotto nel vino e la produzione più conosciuta è quella della Zuccato che la vende in confezioni da 500/1000 gr. oppure in grandi secchi di plastica per la grande distribuzione e viene venduta nel reparto ortofrutticolo sciolta ovvero a peso a secondo necessità
Trieste, per i non adetti ai lavori è capoluogo della Regione Friuli Venezia Giulia mentre della regione Friuli il capoluogo e Udine, della Venezia Giulia rimane sempre Trieste.
I "crauti" sono conosciutissimi ed usati in Friuli ma per la jota viene usata in prevalenza  la "brovada" che sono le "rape acide" preparate da ditte con lo stesso sistema dei crauti acidi: cucinate nel vino e si trovano anche nella grande distribuzioni in pacchi plasticati da 500 -1000 gr. E' un prodotto locale della Regione difficile da trovare nel resto d'Italia.
Le minestre slovene invece venivano fatte con orzo, patate, rape e/o crauti,  talvolta con fagioli ma bianchi mai con quelli rossi.
Questa "jota" veniva considerata in Friuli come una brodaglia, piatto da poveri mentre invece a Trieste, che usava ingredienti oltre a quelli di base, gli insaccati (salsicce, costine ecc.affumicate e non) non venne mai considerata cibo da poveri ma esattamente il contrario. A parte questi gli unici che sanno fare una Jota rimangono appunto i friulani e sloveni, ma l'unica originale è la "jota triestina".
La storia dettagliata di questo piatto antico la trovate a questo link diretto Jota triestina  Jota Triestina
Se la preparate, raccontare ai vostri commensali l'origine è senz'altro un "sapore" in più che darete alla pietanza.

A Trieste c'è un ristorante "Antica Trattoria Suban" che è anche uno dei locali storici della città. Presenta nel Menu la "Jota Carsolina", altro variante proveniente dalla  zona dell'altopiano di Trieste il Carso appunto con un influenza della vicina Slovenia dalla cui zona nel passato gli abitanti dell'altopiano appunto, provengono. Vi passo anche il link diretto dove potrete trovare oltre questa versione della minestra anche altre ricette della tradizione che si possono appunto gustare in questo ristorante  Antica Trattoria Suban   ci sono cose da leccarsi le dita e non sono difficili a fare.
 
 L'immagine tratta dal web google è firmata ed assomiglia alla mia di cui non ho fatto foto

Pur mantenendo tutti gli ingredienti, ogni cuoca ha la propria ricetta e questa è la mia "Jota"

Memento SolonicodiEdvigeDesign byIole