Fantasy - Immagine dell'amica del "Rifugio degli Elfi" - clic immagine

Fantasy - Immagine dell'amica del "Rifugio degli Elfi" - clic immagine
Immagine da https://www.facebook.com/groups/1481388275215394/

Dove trovarmi

sabato 11 settembre 2010

11 settembre 2001 - 11 settembre 2010

Oggi, si ricorda l'attentato dell' 11 settembre 2001 alla Torri Gemelle. Fa bene ricordare indipendentemente dalla fede, indirizzo politico o quant'altro.
Le vittime degli attentati furono 2974. 
246 su quattro aeroplani (88 sul volo American Airlines 11, 59 sul volo United Airlines 175, 59 sull'American Airlines 77 e 40 sul volo United 93 (non ci fu alcun superstite), 2603 a New York e 125 al Pentagono. Altre 24 persone sono ancora elencate tra i dispersi. Tutte le vittime erano civili a parte 55 militari uccisi al Pentagono. Furono più di 90 i paesi che persero cittadini negli attacchi al World Trade Center.
Le vittime tra i soccorritori furono 411. Il New York City Fire Department (i vigili del fuoco di New York) perse 341 vigili del fuoco e 2 paramedici; il New York City Police Department (la polizia di New York) perse 23 agenti, il Port Authority Police Department (la polizia portuale) 37. I servizi di emergenza medica privata persero altri 8 tecnici e paramedici.
È stato possibile identificare i resti di sole 1600 delle vittime del World Trade Center; gli uffici medici raccolsero anche «circa 10.000 frammenti di ossa e tessuti non identificati, che non possono essere collegati alla lista dei decessi». Altri resti di ossa furono trovati ancora nel 2006, mentre gli operai approntavano il Deutsche Bank Building per la demolizione.

Dobbiamo anche tenere conto delle conseguenze ovvero....
La morte per malattie ai polmoni di alcune altre persone è stata fatta risalire alla respirazione delle polveri contenenti centinaia di composti tossici (quali amianto, mercurio, piombo, ecc.) causate dal collasso del World Trade Center. La gravità dell'inquinamento ambientale derivante da tali polveri - che investirono tutta la punta sud dell'isola di Manhattan - fu resa nota al grande pubblico solo a distanza di circa quattro anni dall'evento: sino ad allora le agenzie governative statunitensi avevano sottovalutato o nascosto il rischio ambientale, forse allo scopo di non causare ulteriore panico e di rendere più spediti i soccorsi, lo sgombero delle macerie, il ripristino delle normali attività della città così gravemente ferita.

Ciascuno di noi può approfondire tutte le conseguenze da Wikipedia e da altri resoconti dei superstiti che si trovano sul web. Io ho estrapolato quello che secondo me rende l'idea di questa pazzia.
Nessuna foto può rendere giustizia o altro ma questa secondo me emblematicamente la rappresenta


Un vigile del fuoco solitario in piedi tra i detriti e il fumo a New York City

Il mondo ricorda oggi il nono anniversario dell'attentato alle Torri Gemelle e in America la ferita inflitta dagli attentati non si è ancora rimarginata. La folla si addensa a Ground Zero a New York per ricordare...in silenzio.


Un minuto di silenzio oggi alle 8:46 locali

Spero che cose del genere non accadano mai più ma purtroppo questa mia speranza come quella di tanti altri nel mondo è destinata a rimanere tale. Speranza,  nel mondo di oggi questa parola è scomparsa.

Un affettuoso ricordo a tutte le vittime, ai sopravvissuti ed a tutti quelli che hanno prestato la loro opera di aiuto e salvataggio senza esitare un momento, sia a quelli che hanno sacrificato la loro vita ed a quelli che sono riusciti a vivere salvando se stessi e la persona che hanno aiutato. GRAZIE non vi dimenticheremo MAI.

Stampa il post

Nessun commento:

Posta un commento