Un tramonto sul lago Woerther a Klagenfurt (Carinzia)

Un tramonto sul lago Woerther a Klagenfurt (Carinzia)
Foto personale - Giugno 2017

Dove trovarmi

lunedì 9 agosto 2010

Coca'Cola

Tutti conoscono la Coca'Cola, bibita analcolica, che deve il suo colore scuro al caramello. Inoltre il suo nome è dovuto al fatto che nella sua ricetta (segreta) sono impiegati tra le altre sostanze estratti provenienti dalle noci di "cola" e dalle foglie della pianta di "coca" debitamente privata delle sue sostanze alcaloidi-psicotrope (stupefacente).
La ricetta originale sembra sia rimasta segreta anche se a mio parere di segreto potrebbero essere soltanto le proporzioni dei vari ingredienti che la compongono vale a dire: acqua, zucchero, anidride carbonica, acido ortofosforico, caramello, caffeina, semi di cola, foglie di coca decocainizzate.

Oggi nel ventesimo secolo, la Coca'Cola o Coke, viene prodotta,  per avvicinarsi alla richiesta di mercato direi ....mondiale..., senza caffeina, senza zucchero ma con dolcificante e completamente priva di qualsiasi zucchero (sembra).
Tanti ne sono come si dice..."coca cola dipendenti"..., i bambini l'abbinano al gusto americano del panino con la polpetta di carne tritata - hamburger, patatine e.....COCA'COLA.

Come detto, tutti la conoscono ma penso che molti non ricordino chi l'ha inventata e dove.

Il signor John Stith Pemberton nel lontano 8 maggio del 1886, statunitense ad Atlanta e di professione farmacista (studiò medicina e chirurgia), creò questa bevanda come rimedio contro il mal di testa.
La bevanda venne chiamata "Pemberton's French Wine Coca".
Si trattava di una variazione del così chiamato "vino di coca" (o Vin Mariani) prodotto miscelando il vino alle foglie di coca (non credo siano state decocainizzate a quei tempi) creato dal farmacista còrso Angelo Mariani e largo fu il successo in Europa.

Nella ricetta di Pemberton l'alcol venne sostituito con un estratto delle noci di cola, una pianta tropicale reputata non dannosa per la salute. Con la combinazione dei due ingredienti principali, la coca e la cola, la bibita acquisì il nome Coca'Cola.
Dalla pianta della coca si estrae la cocaina e per questo motivo fu bandita ma, la cola (in noci) continuò a essere utilizzata come fonte di caffeina.
Pemberton nonostante questa scoperta accumulò forti debiti e decise di vendere i diritti per appena 550 dollari ad Asa Candler, un uomo d'affari che intuì subito il potenziale (di guadagno) della bevanda e compreso anche l'importanza sul tipo di pubblicità per diffonderla e sbaragliare la concorrenza.
Diventando The Coca Cola Company incluse nella sua lista varie altre bevande gassate come la Fanta, Sprite, ecc.
John Stith Pemberton nacque a Knoxville (Georgia), 8 luglio 1831 e vi morì nel 16 agosto 1888.
 
Altre interessanti informazioni sia sull'evoluzione dell'impresa industriale della Coca Cola anche la storia del suo inventore li trovate a questi link  John Stith Pemberton  e   Coca-Cola 

La storia è stata tratta da Wikipedia come anche le seguenti foto


Manifesto pubblicitario fine 800


il prototipo della futura bottiglia

Negozio World of Coca'Cola a Las Vegas

Dimenticavo, che la Coca'Cola venne importata in Italia solo nel 1927. Nel 1960 comparve la prima Coca-Cola in lattina, mentre nel 1980 anche quella in bottiglia PET.
Inoltre, il celebre logo della Coca-Cola, il più noto al mondo, fu creato con scarsa attenzione nel 1886 dal contabile dell'azienda, Frank Mason Robinson.
Ad ogni modo se andate a guardare sulla pagina segnalata troverete un sacco d'informazioni sulla creazione della bottiglia e su quali basi gli autori l'hanno poi disegnata.

E adesso..... vado a bermi la Coca'Cola senza caffein altrimenti questa notte non dormo....

Ciaooo





Stampa il post

Nessun commento:

Posta un commento