09/12/09

Stollen o Christstollen

Natale, la festa che prediligo in assoluto. Le luci della città, l'abete scintillante, i presepi, le vetrine luccicanti e pieni di cose....non il caos per la corsa al regalo, ma la vivacità creata dall'atmosfera che vi regna. Periodo per i golosi: cioccolata, torrone, croccanti ecc. che si acquistano per piccoli e grandi nei vari Mercatini di Natale. Premetto, non sono amante dei dolci ma un marzapane o un pezzo di torrone/mandorlato lo mangio volentieri. C'è un dolce che vorrei dividere con voi, si chiama "Stollen". E' un dolce di origine germanica, esistono anche delle versioni austriache ma quella che vi propongo mi è stata data da una mia carissima amica che vive a Dresda paese dello Stollen. Molte sono le versioni che potrete trovare con google, diverse si ma simili tra loro. Non ho foto personali del dolce ma ne ho trovata una su wiki

Stollen tagliato



Ingredienti per 6 persone:
450 gr di farina - 80 gr zucchero semolato
40 gr lievito di birra fresco o 2 bustine lievito naturale non istantaneo
150 ml di latte
150 gr burro
1 uovo
1/2 cucchiaino di cannella
50 gr canditi cad. limone e arancio
70 gr di mandorle pelate
250 gr di marzapane (si trova già pronto ad uso dolci)
20 gr zucchero a velo vanigliato




Procedimento

In una capace ciotola versate la farina assieme al lievito ed 1 cucchiaio di zucchero sciolti in 50 ml di latte tiepido. Mescolate ed il pannetto ottenuto deve lievitare per 30 minuti coperto. Ripreso l'impasto aggiungere lo zucchero ed il latte rimasti, 125 gr di burro fuso, l'uovo e la cannella. Reimpastare riformando il pannetto e rimetterlo alievitare per ulteriori 60 minuti.Ripreso poi l'impasto si aggiungono i canditi, le mandorle il tutto tagliato grossolanamente e reimpastato il tutto si rimette a lievitare ancora una volta per 60 minuti.Preriscaldare il forno a 180 gradi. Disporre l'impasto su un piano di lavoro e schiacciarlo nel centro per creare un affossamento nella quale inserire il marzapane alla quale avrete dato una forma cilindrica.Sovraporre i due lembi per coprire completamente il marzapane ed informare il tutto per 90 minuti (assumerà il tutto una forma cilindrica).Sfornare il dolce, spennellarlo con il restante burro fuso e lasciarlo raffreddare.Spolverizzare abbondantemente la superficie con lo zucchero a velo.Teoricamente sarebbe pronto da gustare ma mia cognata dice che messo coperto in luogo asciutto ma non caldo (non il frigo) e lasciarlo come dice lei "maturare" per una decina di giorni il dolce diventa più buono.Provare per credere.In altre versioni troverete maggior apporto di canditi, rum, uva sultanina ed anche mandorle amare. Quest'ultime sono difficili da reperire in quanto dicono se non lavorate bene sono velenose.Spero che troviate il tempo di farlo e che sia di vostro gradimento.Ciao a tutti.

PS.
Per ovviare alle ripetute lavorazioni/lievitazione l'alternativa è impastare tutti gli ingredienti meno il marzapane, in una volta sola, amalgamare bene il tutto e lasciar lievitare per tutta la notte coperto in luogo tiepido. Poi lavorare il composto ed aggiungere il marzapane nel modo descritto e proseguire nella cottura.

11 commenti

  1. ottimo! e' un bel dolce ricco e goloso! Qualcosa di simile l'ho visto anche in Trentino.baci e rimettiti al piu' presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara si si può trovare varie versioni ciaooo

      Elimina
  2. Risposte
    1. Ma grazie Batù sei un tesoro un bacione e buona domeica.

      Elimina
  3. Un dolce veramente interessante che non conoscevo. L'aspetto è molto invitante e goloso. Mi ha colpito l'espediente di lasciarlo 'maturare' per una decina di giorni a temperatura ambiente come ti ha consigliato tua cognata, sono sicura che con il riposo
    risulterà ancora più buono in quanto i vari sapori dati dai vari
    ingredienti che lo compongono hanno modo di amalgamarsi
    meglio tra loro. Preferisco la tua versione in quanto la trovo molto
    equilibrata per quanto riguarda la quantità degli ingredienti
    utilizzati:). Penso che la lievitazione lunga, come consigli in nota,
    lo rende ancora più soffice ed è quindi da tenere in
    considerazione:)
    un bacione:)
    Rosy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione io ho cercato di non eccedere loro lo fanno per abitudine ma non è che vada sempre bene. Grazie di avermi letta sei veramente gentile. Bacione

      Elimina
  4. Fa sempre un certo effetto rivedere il primo post pubblicato sul blog, vero? Hai iniziato benissimo, a quanto vedo! E poi hai costruito questa tua 'casa' virtuale mattone dopo mattone mettendoci la tua personalità, il tempo ti ha dato ragione, continua così. Ancora un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si hai ragione non solo per gli anni passati, ma anche perchè ne sapevo ben poco e mi arrangiavo...rimpendo le scatole a tutti per aiuti. Si, diciamo che nel mio piccolo sono soddisfatta e spero che anche le amiche mi potranno apprezzare, Grazie per le tue parole un abbraccio e ancora buona giornata. :k

      Elimina
  5. Che bello leggere il tuo primo post! E questo dolcetto mi attira proprio...deve essere buonissimo!
    Un caro saluto
    Sy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si era il dolce mandatomi da mia cognata tedesca assieme alla ricetta e ovviamente ho voluto mettermi subito alla prova in tutto :D
      Matta sono
      Buona serata e grazie di tutto bacioni.

      Elimina

Memento SolonicodiEdvigeDesign byIole